Home Notizie recenti L’aldosterone è collegato a un aumento del rischio di progressione della malattia...

L’aldosterone è collegato a un aumento del rischio di progressione della malattia renale cronica e malattia renale allo stadio terminale

95
0
L'aldosterone è collegato a un aumento del rischio di progressione della malattia renale cronica e malattia renale allo stadio terminale

Immagine di una biopsia di un rene malato, che mostra cicatrici e lesioni alle strutture tubolari. Credito: Dr Ashish Verma

Un ormone steroideo chiamato aldosterone è collegato a un aumentato rischio di insufficienza renale nei pazienti con malattia renale cronica (CKD), secondo uno studio pubblicato nel Giornale europeo del cuore oggi. Il rischio di peggioramento dell’insufficienza renale cronica e sviluppo di una malattia renale allo stadio terminale era indipendente dal fatto che i pazienti avessero o meno il diabete.

I risultati sono importanti perché suggeriscono che l’aldosterone svolge un ruolo nella progressione non solo della CKD ma anche dei problemi cardiaci e dei vasi sanguigni e che un farmaco esistente che mira all’azione dell’aldosterone può aiutare a prevenire il peggioramento della CKD.

L’aldosterone è un ormone steroideo secreto dalle ghiandole surrenali, che si trovano sopra i reni. Il suo ruolo principale è quello di regolare il sale e l’acqua nel corpo, quindi svolge un ruolo centrale nel controllo della pressione sanguigna. Troppo può portare a ipertensione, malattie cardiovascolari e renali.

L’autore principale dello studio, il dott. Ashish Verma, assistente professore presso la Boston University School of Medicine (USA), ha dichiarato: “Recenti studi randomizzati controllati hanno dimostrato che un farmaco chiamato finerenone è efficace nel ritardare la progressione dell’insufficienza renale cronica e gli esiti cardiovascolari avversi nei pazienti con malattia renale cronica e diabete. Tuttavia, il ruolo dell’aldosterone in questo processo non è stato studiato direttamente e i livelli dell’ormone non sono stati misurati”.

Il finerenone prende di mira il recettore dei mineralcorticoidi non steroidei (MR). Quando questo recettore viene attivato dall’aldosterone, livelli elevati dell’ormone portano a ipertensione, malattie cardiovascolari e renali.

“Poiché livelli eccessivi di aldosterone sono molto comuni, ma per lo più non riconosciuti, abbiamo ipotizzato che uno dei motivi per cui il finerenone fosse efficace nel ridurre il rischio di progressione dell’insufficienza renale cronica fosse che trattava alte concentrazioni non riconosciute dell’ormone”, ha affermato il dottor Verma.

Il Dr. Verma e i suoi colleghi hanno studiato le associazioni tra le concentrazioni di aldosterone nel sangue e la progressione della malattia renale tra 3.680 partecipanti allo studio di coorte sull’insufficienza renale cronica, condotto in sette cliniche negli Stati Uniti tra il 2003 e il 2008. I partecipanti avevano un’età compresa tra 21 e 74 anni.

Si sono concentrati sulla progressione dell’insufficienza renale cronica, che è stata definita come un calo del 50% della capacità dei reni di filtrare il sangue attraverso i vasi sanguigni glomerulari, nota come velocità di filtrazione glomerulare stimata (eGFR), o malattia renale allo stadio terminale, a seconda di quale si è verificata per prima . Hanno seguito i pazienti per una media (mediana) di quasi dieci anni. Durante questo periodo la progressione della CKD si è verificata in 1.412 (38%) dei partecipanti.

Hanno scoperto che concentrazioni più elevate di aldosterone erano associate a eGFR più bassi, livelli più bassi di potassio nel sangue e concentrazioni più elevate di potassio e proteine ​​nelle urine.

Dopo aver aggiustato i fattori che potrebbero influenzare i risultati, come farmaci, altre condizioni mediche, età, razza, altezza e peso, hanno scoperto che ogni raddoppio delle concentrazioni di aldosterone nel sangue era collegato a un aumento dell’11% del rischio di progressione di CKD. I pazienti con concentrazioni nel 25% più ricco del gruppo avevano un rischio aumentato del 45% rispetto al 25% dei pazienti con le concentrazioni di aldosterone più basse. Il rischio era simile indipendentemente dal fatto che i pazienti avessero o meno anche il diabete.

L'aldosterone è collegato a un aumento del rischio di progressione della malattia renale cronica e malattia renale allo stadio terminale

Immagine di una biopsia di un rene malato, che mostra cicatrici e lesioni alle strutture tubolari. Credito: Dr Ashish Verma

Il Dr. Verma ha affermato: “Questi risultati sono importanti in quanto suggeriscono che concentrazioni più elevate di aldosterone possono svolgere un ruolo nella progressione della CKD e nelle malattie cardiovascolari nei pazienti con CKD. Questo studio fornisce prove del meccanismo mediante il quale gli antagonisti del recettore dei mineralcorticoidi potrebbero ritardare la progressione della CKD e supporta lo studio del loro valore nei pazienti senza diabete”.

La Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti ha approvato l’uso del finerenone per i pazienti con insufficienza renale cronica e diabete. Ora uno studio clinico controllato randomizzato sta studiando l’efficacia e la sicurezza del finerenone nei pazienti con insufficienza renale cronica non diabetici. “Questo studio svolgerà un ruolo importante nel rispondere alla domanda, se la terapia con antagonisti della MR sarà utile nel ritardare la progressione dell’insufficienza renale cronica nei pazienti con insufficienza renale cronica e senza diabete”, ha affermato il dott. Verma.

Il professor George Bakris, dell’Università di Chicago Medicine, negli Stati Uniti, che non è stato coinvolto nella ricerca ma è stato coinvolto negli studi randomizzati controllati del finerenone nei pazienti diabetici, ha scritto un editoriale per accompagnare lo studio, pubblicato anche oggi. “Presi insieme, questi studi suggeriscono che i livelli di aldosterone devono essere valutati in tutti i pazienti a rischio e/o in presenza di malattia cardiorenale, specialmente se hanno obesità centrale e/o ipertensione resistente. Ora abbiamo relativamente sicuri e migliori- agenti tollerati rispetto agli agenti steroidei tradizionali che possono e dovrebbero essere utilizzati per ridurre il rischio cardiorenale in questi gruppi di pazienti”, scrive.

I limiti dello studio includono: 1) non ci sono state misurazioni di una proteina chiamata albumina nelle urine, o di un’altra proteina, la renina, nei campioni di sangue; questo potrebbe indicare se alti livelli di aldosterone dipendessero o meno dalla renina, che viene rilasciata dai reni e svolge anche un ruolo nella pressione sanguigna; 2) i livelli di aldosterone sono stati misurati solo una volta all’inizio dello studio; 3) non erano disponibili dati sulla durata dell’uso degli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) e dei bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB), che potrebbero influenzare i livelli di aldosterone; e 4) lo studio è osservazionale e non può dimostrare che l’aldosterone causi la progressione dell’insufficienza renale cronica, solo che è associato ad essa.

Nel 2017, l’insufficienza renale cronica ha colpito il 9,1% della popolazione mondiale, 697,5 milioni di casi.

I coautori dello studio erano Anand Vaidya del Brigham and Women’s Hospital di Boston, Sonu Subudhi del Massachusetts General Hospital di Boston e Sushrut S. Waikar della Boston University School of Medicine.


Articolo precedenteCombattere il rischio di suicidio nelle persone con disturbi mentali
Articolo successivoI ricercatori identificano un nuovo obiettivo per le terapie per il trattamento del travaglio pretermine