Home Notizie recenti La Spagna guida l’Europa nel vaiolo delle scimmie, fatica a controllare la...

La Spagna guida l’Europa nel vaiolo delle scimmie, fatica a controllare la diffusione

12
0

Il farmacista registrato Sapana Patel detiene una bottiglia di vaccino Monkeypox in un sito di vaccinazione pop-up Monkeypox mercoledì 3 agosto 2022 a West Hollywood, California, La Spagna sta lottando per ridurre la principale epidemia di vaiolo delle scimmie in Europa da quando la malattia si è diffusa oltre l’Africa. La nazione dell’Europa meridionale conta oltre 4.500 casi e due uomini sono morti a causa della malattia. Le autorità e i gruppi della comunità LGBTQ stanno perfezionando le loro campagne per fornire vaccini ai membri più bisognosi della fascia demografica più colpita finora. Credito: AP Photo/Richard Vogel, file

Come prostituto e attore di film per adulti, Roc è stato sollevato quando è stato tra i primi spagnoli a ricevere un vaccino contro il vaiolo delle scimmie. Conosceva diversi casi tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, che è il principale gruppo demografico per la malattia, e temeva di poter essere il prossimo.

“Sono andato a casa e ho pensato: ‘Accidenti, mio ​​Dio, sono salvato'”, ha detto il 29enne all’Associated Press.

Ma era già troppo tardi. Roc, il nome che usa per lavoro, era stato contagiato da un cliente qualche giorno prima. Si è unito al numero in costante aumento di infezioni da vaiolo delle scimmie in Spagna, che è diventato il più alto in Europa da quando la malattia si è diffusa oltre l’Africa, dove è endemica da anni.

Cominciò a mostrare i sintomi: pustole, febbre, congiuntivite e stanchezza. Roc è stato ricoverato in ospedale per cure prima di guarire abbastanza da essere rilasciato.

Le autorità sanitarie spagnole e i gruppi della comunità stanno lottando per controllare un focolaio che ha già causato la morte di due giovani uomini. Secondo quanto riferito, sono morti di encefalite, o gonfiore del cervello, che può essere causato da alcuni virus. La maggior parte dei casi di vaiolo delle scimmie causa solo sintomi lievi.

La Spagna ha avuto 4.942 casi confermati nei tre mesi dall’inizio dell’epidemia, che è stata collegata a due rave in Europa, dove gli esperti affermano che il virus si è probabilmente diffuso attraverso il sesso.

L’unico paese con più infezioni della Spagna sono gli Stati Uniti, molto più grandi, che hanno segnalato 7.100 casi.

In tutto, l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie ha visto più di 26.000 casi in quasi 90 paesi da maggio. Ci sono stati 103 decessi sospetti in Africa, principalmente in Nigeria e Congo, dove si sta diffondendo una forma più letale di vaiolo delle scimmie che in Occidente.

Gli esperti sanitari sottolineano che questa non è tecnicamente una malattia a trasmissione sessuale, anche se si è diffusa principalmente attraverso il sesso tra uomini gay e bisessuali, che rappresentano il 98% dei casi al di fuori dell’Africa. Il virus può essere diffuso a chiunque abbia uno stretto contatto fisico con una persona infetta, i suoi vestiti o le lenzuola.

Quindi parte della complessità della lotta al vaiolo delle scimmie sta nel trovare un equilibrio tra il non stigmatizzare gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, assicurando anche che sia i vaccini che le richieste di maggiore cautela raggiungano coloro che attualmente sono più in pericolo.

La Spagna ha distribuito 5.000 dosi del vaccino a due dosi alle cliniche e prevede di riceverne altre 7.000 dall’Unione europea nei prossimi giorni, ha affermato il suo ministero della salute. L’UE ha acquistato 160.000 dosi e le sta donando agli Stati membri in base alla necessità. Il blocco si aspetta che altri 70.000 colpi saranno disponibili la prossima settimana.

Per garantire che quei colpi siano somministrati con saggezza, i gruppi della comunità e le associazioni di salute sessuale che prendono di mira uomini gay, bisessuali e donne transgender stanno prendendo l’iniziativa.

A Barcellona, ​​BCN Checkpoint, che si concentra sulla prevenzione dell’AIDS/HIV nelle comunità gay e trans, sta ora contattando le persone a rischio per offrire loro uno dei preziosi vaccini.

Pep Coll, direttore medico del BCN Checkpoint, ha affermato che il lancio del vaccino si concentra sulle persone che sono già a rischio di contrarre l’HIV e sono in trattamento preventivo, uomini con un numero elevato di partner sessuali e coloro che partecipano a “chemsex” (sesso con l’uso di farmaci), così come le persone con risposte immunitarie soppresse.

Ma ci sono molte più persone che rientrano in queste categorie rispetto alle dosi.

La Spagna guida l'Europa nel vaiolo delle scimmie, fatica a controllare la diffusione

Il farmacista registrato Sapana Patel, carica una siringa con il vaccino Monkeypox in un sito di vaccinazione pop-up Monkeypox mercoledì 3 agosto 2022 a West Hollywood, California, La Spagna sta lottando per ridurre la principale epidemia di vaiolo delle scimmie in Europa da quando la malattia si è diffusa oltre l’Africa. La nazione dell’Europa meridionale conta oltre 4.500 casi e due uomini sono morti a causa della malattia. Le autorità e i gruppi della comunità LGBTQ stanno perfezionando le loro campagne per fornire vaccini ai membri più bisognosi della fascia demografica più colpita finora. Credito: AP Photo/Richard Vogel, file

“Se consideriamo solo il numero di persone (in trattamento profilattico per l’HIV) più il numero di persone con HIV, stiamo parlando di circa 15.000 persone (solo a Barcellona)”, ha detto Coll.

La mancanza di vaccini, che è molto più grave in Africa che in Europa e negli Stati Uniti, rende fondamentali le politiche di salute pubblica sociale, affermano gli esperti.

Come per la pandemia di coronavirus, il tracciamento dei contatti per identificare le persone che potrebbero essere state infettate è fondamentale. Ma, mentre il COVID-19 potrebbe diffondersi a chiunque semplicemente attraverso l’aria, lo stretto contatto corporeo che funge da veicolo principale per il vaiolo delle scimmie rende alcune persone riluttanti a condividere le informazioni.

“Stiamo avendo un flusso costante di nuovi casi ed è possibile che avremo più decessi. Perché? Perché il tracciamento dei contatti è molto complicato perché può essere un problema molto delicato per qualcuno identificare i propri partner sessuali”, ha affermato Amós García , epidemiologo e presidente dell’Associazione spagnola di vaccinazione.

La Spagna afferma che l’80% dei casi riguarda uomini che hanno rapporti sessuali con uomini e solo l’1,5% sono donne. Ma García ha insistito sul fatto che si parlerà a meno che l’intero pubblico, indipendentemente dal sesso o dall’orientamento sessuale, non capisca che avere vari partner sessuali crea maggiori rischi.

“La stessa cosa è successa con l’AIDS/HIV, quando in un momento il gruppo di uomini che ha avuto rapporti sessuali con uomini è stato il più colpito (prima di diffondersi ad altri gruppi), e questo può diventare il percorso che questo prende se non siamo in grado di inviare un messaggio forte alla società”, ha detto García.

Data la scarsità di vaccini e i problemi con il tracciamento dei contatti, viene esercitata maggiore pressione sull’incoraggiamento della prevenzione.

Fin dall’inizio, i funzionari del governo hanno ceduto il ruolo di primo piano nella campagna di divulgazione ai gruppi della comunità.

Sebastian Meyer, presidente dell’associazione STOP SIDA dedicata alla cura dell’AIDS/HIV nella comunità LGBTQ di Barcellona, ​​ha affermato che la logica era che il suo gruppo e altri simili sarebbero portatori di messaggi fidati con una conoscenza personale di come guidare la salute avviso a casa.

Le associazioni comunitarie che rappresentano uomini gay e bisessuali hanno bombardato social media, siti Web e blog con informazioni sulla sicurezza del vaiolo delle scimmie. Funzionari in Catalogna, la regione che include Barcellona che ha oltre 1.500 casi, stanno spingendo annunci di servizio pubblico sulle app di appuntamenti Tinder e Grindr che avvertono della malattia.

Ma Meyer, che fa parte dei comitati consultivi sul vaiolo delle scimmie sia per il governo nazionale spagnolo che per la Catalogna, dice che c’è ancora molto da fare.

Meyer crede che la stanchezza causata dalla pandemia di COVID-19 abbia avuto un ruolo. I medici consigliano alle persone con lesioni da vaiolo delle scimmie di isolarsi fino a quando non sono completamente guarite, il che può richiedere fino a tre settimane.

“Quando le persone leggono che devono autoisolarsi, chiudono la pagina web e dimenticano ciò che hanno letto”, ha detto Meyer. “Stiamo appena uscendo da COVID, quando non potevi fare questo o quello, e ora, eccoci di nuovo qui … Le persone lo odiano e mettono la testa sotto la sabbia”.

Meyer ha detto che il suo gruppo sta attualmente cercando modi per rinnovare e rilanciare il loro messaggio.

“Se non sei stato selezionato per un vaccino, la risposta non è sperare disperatamente che tu ne abbia uno”, ha detto. “La risposta è essere più attenti. È molto meglio di qualsiasi vaccino”.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteI timori per la poliomielite aumentano a New York tra la possibile diffusione della comunità
Articolo successivoGli NRI possono presto pagare le bollette utilizzando il sistema di pagamento di fatture Bharat