Home Notizie recenti La ricerca sull’iniezione preventiva per la malattia di Lyme continua ad andare...

La ricerca sull’iniezione preventiva per la malattia di Lyme continua ad andare avanti

26
0

Zecca dalle zampe nere in cerca di host. Credito: Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), CC0

Secondo Mark Klempner, MD, professore di medicina ed ex vicecancelliere esecutivo, uno studio clinico di fase I di un vaccino preventivo per la malattia di Lyme sviluppato da MassBiologics della UMass Chan Medical School è in via di completamento e la prossima fase di sperimentazione potrebbe iniziare la prossima primavera. per i Biologici di Massa.

La profilassi pre-esposizione in fase di test fornisce un anticorpo monoclonale per fornire un’immunità immediata contro la malattia di Lyme.

“Abbiamo identificato il singolo anticorpo che ha portato all’immunità e l’abbiamo testato negli animali dove si è dimostrato efficace al 100%”, ha detto il dottor Klempner.

Klempner ha spiegato che Lyme PrEP non è un vaccino. Previene l’infezione fornendo un singolo anticorpo umano anti-Lyme, o proteina del sangue, direttamente a una persona piuttosto che innescare il proprio sistema immunitario per produrre molti anticorpi come fanno i vaccini. Se il sangue di una persona contiene l’anticorpo corretto contro i batteri, l’anticorpo può uccidere la Borrelia nell’intestino della zecca prima che i batteri abbiano la possibilità di raggiungere la persona.

“La nostra medicina è una medicina che blocca la trasmissione e in realtà tratta la zecca e impedisce alla zecca di depositare quei batteri in te uccidendo o immobilizzando i batteri nell’intestino della zecca”, ha detto Klempner.

Durante lo studio di Fase I, 48 volontari che non erano mai stati esposti alla malattia di Lyme partecipano allo studio in Nebraska, dove la malattia non è endemica. L’obiettivo della sperimentazione è assicurarsi che non vi siano reazioni avverse importanti nell’uomo e vedere per quanto tempo l’anticorpo Lyme PrEP rimane in circolazione per proteggere dalla malattia di Lyme. Non sono state osservate reazioni avverse importanti e il disagio al sito di iniezione è stato simile tra i riceventi Lyme PrEP e placebo, ha detto Klempner. L’anticorpo Lyme PrEP dura in circolazione per almeno nove mesi dopo l’iniezione. Il processo di Fase I terminerà ad agosto.

La sperimentazione clinica di Fase II-III è in fase di sviluppo e dovrebbe iniziare già nella prossima primavera, ha affermato Klempner.

“Al fine di dimostrare l’efficacia della PrEP di Lyme nella prevenzione della malattia di Lyme, recluteremo partecipanti con un rischio maggiore di contrarre la malattia di Lyme, come i paesaggisti e le persone che trascorrono molto tempo all’aperto, da aree popolate dove c’è un alto rischio di esposizione alle zecche che trasportano i batteri della malattia di Lyme. Confronteremo come funziona il tiro nei partecipanti che ottengono il tiro con i partecipanti che non lo fanno”, ha detto Klempner.

Klempner prevede che lo scatto possa essere concesso in licenza e disponibile al pubblico nel 2024.


Articolo precedentePer mantenere le persone e i loro soldi al sicuro online, dobbiamo regolamentare le piattaforme di incontri
Articolo successivoColmare il divario nella cura della maternità