Home Notizie recenti La protezione del vaccino Pfizer COVID-19 terza dose contro il ricovero da...

La protezione del vaccino Pfizer COVID-19 terza dose contro il ricovero da omicron diminuisce dopo 3 mesi: studio

161
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

Uno studio pubblicato il 22 aprile a La medicina respiratoria a lancetta mostra che una dose di richiamo del vaccino Pfizer COVID-19 fornisce una forte protezione, all’incirca dall’80% al 90%, nei primi mesi contro i ricoveri ospedalieri e le visite al pronto soccorso causate dalle varianti delta e omicron. Tuttavia, contro l’omicron, questa protezione diminuisce nel tempo, anche dopo una terza dose.

“Le dosi di richiamo di Pfizer BioNTech COVID-19 migliorano significativamente la protezione contro l’omicron, anche se tale protezione sembra diminuire dopo 3 mesi contro le visite al pronto soccorso e persino per il ricovero”, ha affermato l’autore principale dello studio, Sara Y. Tartof, Ph.D., un epidemiologo del Dipartimento di ricerca e valutazione della Kaiser Permanente della California meridionale e un membro della facoltà della Kaiser Permanente Bernard J. Tyson School of Medicine, entrambi a Pasadena. “Le tendenze al declino rispetto ai risultati relativi al delta erano generalmente simili a omicron, ma con una maggiore efficacia in ogni momento rispetto a quelle osservate per omicron”.

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato 11.123 ricoveri ospedalieri e visite al pronto soccorso che non hanno comportato il ricovero in ospedale per infezione respiratoria acuta. Lo studio si è concentrato sulle cartelle dei pazienti Kaiser Permanente nel sud della California dal 1° dicembre 2021 al 6 febbraio 2022, quando circolavano sia la variante delta che quella omicron.

  • Dopo 2 dosi del vaccino Pfizer COVID-19 l’efficacia contro omicron è stata del 41% contro il ricovero in ospedale e del 31% contro le visite al pronto soccorso a 9 mesi.
  • Dopo 3 dosi, l’efficacia contro il ricovero correlato all’omicron è stata dell’85% a meno di 3 mesi, ma è scesa al 55% a 3 mesi o più.
  • A fronte di visite al pronto soccorso che non hanno comportato il ricovero, l’efficacia del vaccino di 3 dosi contro omicron è stata del 77% a meno di 3 mesi, ma è scesa al 53% a 3 mesi o più.

“Sebbene i livelli di protezione Pfizer COVID-19 contro omicron dopo 3 dosi siano sostanzialmente superiori a quelli osservati dopo 2 dosi, sono inferiori a quelli osservati per delta o altri ceppi di COVID-19”, ha affermato Tartof. “Potrebbero essere necessarie dosi aggiuntive di vaccini COVID-19 attuali, adattati o nuovi per mantenere alti livelli di protezione contro le successive ondate di COVID-19 causate da omicron o varianti future con un potenziale simile per sfuggire alla protezione”.


Articolo precedenteSalvare i paesi che affrontano lo stress del debito in questi tempi incerti: Sitharaman
Articolo successivoTerzo giorno in ospedale identificato come un “punto critico” nella gravità della polmonite COVID-19