Home Notizie recenti La prescrizione di buprenorfina per i beneficiari di Medicaid è diminuita nel...

La prescrizione di buprenorfina per i beneficiari di Medicaid è diminuita nel 2020

49
0

Durante il 2020, la buprenorfina somministrata ai beneficiari di Medicaid era significativamente al di sotto dei livelli prepandemici a livello nazionale, secondo una lettera di ricerca pubblicata online il 24 marzo a Rete JAMA aperta.

William N. Dowd e Tami L. Mark, Ph.D., di RTI International in Research Triangle Park, North Carolina, hanno studiato i cambiamenti nella prescrizione di buprenorfina a tutti i beneficiari di Medicaid durante il primo anno della pandemia. L’analisi includeva i dati trimestrali sull’utilizzo dei farmaci di Medicaid dal 2018 al 2020.

I ricercatori hanno scoperto che nei programmi Medicaid prima della pandemia, le unità e le prescrizioni erano in aumento, mentre le unità per prescrizione erano piatte. La tendenza delle unità si è appiattita, la tendenza delle prescrizioni si è appiattita dopo un calo iniziale e le unità per prescrizione sono aumentate per poi rimanere elevate dopo l’inizio della pandemia. La buprenorfina totale erogata durante la pandemia era significativamente al di sotto delle tendenze prepandemiche in 13 stati ed era significativamente al di sopra della tendenza in quattro stati. Durante i primi tre quarti della pandemia, le unità cumulative erogate sono state al di sotto della tendenza prepandemica di 92,75 per 1.000 beneficiari di Medicaid.

Vedi anche:  La stella di Dallas cresce come capitale tecnologica, soprattutto durante la pandemia

“La scoperta chiave dell’erogazione di buprenorfina al di sotto della tendenza è particolarmente preoccupante dato l’aumento dei decessi per overdose di oppioidi nello stesso periodo”, scrivono gli autori. “Ulteriori ricerche dovrebbero valutare se i cambiamenti a livello statale hanno influenzato la quantità per prescrizione e se ciò ha mitigato le barriere di accesso”.


© 2022 Giornata della Salute. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedenteIl rischio di infarto miocardico acuto non è aumentato con il vaccino HepB-CpG a due dosi
Articolo successivoI ricercatori studiano le differenze tra afasia post-ictus e post-chirurgia