pillole bianche

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

Per la seconda volta in altrettanti giorni, la Food and Drug Administration (FDA) ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per una pillola antivirale sperimentale per il trattamento del COVID-19. Questa volta è il molnupiravir di Merck.

Secondo l’azienda, in base all’autorizzazione all’uso di emergenza, il trattamento è autorizzato per il trattamento di COVID-19 da lieve a moderato negli adulti che sono risultati positivi alla malattia, sono ad alto rischio di progressione verso la COIVD-19 grave e per i quali COVID-19 alternativo 19 opzioni di trattamento autorizzate dalla FDA non sono accessibili o clinicamente appropriate.

“Negli studi, ha ridotto il rischio di ricovero in pazienti ad alto rischio del 30% se somministrato entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi”, afferma la dott.ssa Priya Sampathkumar, esperta di malattie infettive della Mayo Clinic e capo del programma di prevenzione e controllo delle infezioni della Mayo. .

Secondo il Dr. Sampathkumar, il farmaco ha meno interazioni con i farmaci comunemente usati e più dosi sono state preacquistate dal governo degli Stati Uniti, quindi sarà più disponibile a breve termine.

“Anche se una riduzione del 30% dei ricoveri sembra deludente, ciò può essere controbilanciato dalla maggiore disponibilità e da minori interazioni farmacologiche”. Sampathkumar aggiunge che una delle principali limitazioni all’uso di questo e dell’altro farmaco recentemente autorizzato, il paxlovid, è l’identificazione dei pazienti che hanno maggiori probabilità di trarne beneficio, nella fase iniziale della malattia.

Mentre accoglie con favore l’opzione aggiuntiva per il trattamento, il dott. Gregory Poland, un esperto di malattie infettive e capo del gruppo di ricerca sui vaccini della Mayo Clinic, nota che ci sono limitazioni con molnupiravir.

“In particolare, alcuni sottogruppi trattati con molnupiravir non hanno dimostrato efficacia rispetto al placebo ma questi gruppi sono troppo piccoli per una valida interpretazione statistica. Inoltre ci sono limitazioni al suo utilizzo in pazienti con insufficienza renale o epatica e donne in età fertile, donne che sono incinte, donne che allattano e uomini che fanno sesso con donne in età fertile”.

La pillola non è autorizzata per l’uso in pazienti di età inferiore a 18 anni.

Mercoledì 22 dicembre, la FDA ha rilasciato un’autorizzazione all’uso di emergenza per il paxlovid di Pfizer, rendendolo il primo farmaco antivirale orale autorizzato per aiutare le persone infette da COVID-19 prima che vengano ricoverate in ospedale.

La FDA sottolinea che nessuna delle due pillole è autorizzata a prevenire l’infezione da COVID-19 e non è un sostituto delle vaccinazioni e dei richiami COVID-19.


Articolo precedenteVideo: riconoscimento del “cuore festivo”
Articolo successivoLe prove di volo dei droni in Polonia avvicinano ulteriormente la mobilità aerea urbana in tutta l’UE