Home Notizie recenti Insufficienza ventricolare sinistra: la condizione di silenzio che potrebbe essere fatale

Insufficienza ventricolare sinistra: la condizione di silenzio che potrebbe essere fatale

19
0
cuore

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

La disfunzione ventricolare sinistra è il nome medico di una pompa cardiaca debole. È una condizione che colpisce circa il 9% delle persone di età superiore ai 60 anni. Paul Friedman, MD, cardiologo presso la Mayo Clinic di Rochester, spiega la condizione e come può essere diagnosticata e trattata.

La disfunzione ventricolare sinistra può essere una condizione silenziosa e potenzialmente mortale.

“Ciò che è terribilmente importante è che può essere lì senza sintomi e può portare a cose brutte: morte, mancanza di respiro, svenimento in ospedale”.

Il dottor Friedman dice che se è noto, ci sono molte opzioni di trattamento.

“Esistono numerosi trattamenti potenti che aiutano la pompa del cuore a ritrovare la sua forza che prolungano la vita”, afferma il dottor Friedman.

L’evidenza suggerisce che prima è possibile identificare la condizione, meglio è.

“Il nostro obiettivo è aiutare le persone a identificare questa condizione se le loro circostanze le mettono a rischio elevato”.

E questo non significa necessariamente andare in un centro medico per un test di screening.

“Quello che abbiamo dimostrato è che puoi schermare quella condizione semplicemente controllando un elettrocardiogramma (ECG) sull’orologio a casa”.

Alcuni smartwatch sono in grado di misurare il ritmo cardiaco attraverso un ECG.

“È davvero sorprendente pensare al fatto che un dispositivo di consumo che acquisti in negozio e indossi al polso può identificare la presenza di una condizione potenzialmente asintomatica e pericolosa per la vita”, afferma il dottor Friedman.

I fattori di rischio per la disfunzione ventricolare sinistra includono l’età avanzata, il diabete, la pressione alta e alcuni farmaci.


Articolo precedenteIl nuovo potente anticorpo neutralizza tutte le varianti conosciute di SARS-CoV-2
Articolo successivoInfluenza pseudobulbare: una condizione spesso trascurata