Home Notizie recenti Il virus Lloviu, una possibile nuova minaccia pandemica, è stato isolato per...

Il virus Lloviu, una possibile nuova minaccia pandemica, è stato isolato per la prima volta

121
0

Dottor Simone Scott. Credito: Università del Kent

I ricercatori della Medway School of Pharmacy (una partnership tra le università di Kent e Greenwich) hanno aiutato a isolare per la prima volta il virus Lloviu (LLOV), un parente stretto del virus Ebola, evidenziando la necessità di ricerche future per garantire la preparazione alla pandemia .

LLOV fa parte della famiglia dei filovirus, che include il virus Ebola. Mentre l’Ebola (e altri filovirus, incluso il virus Marburg, altrettanto patogeno) si sono verificati naturalmente solo in Africa, Lloviu è stato scoperto in Europa. Il filovirus LLOV, è stato identificato tramite il suo materiale genetico (RNA) nel 2002 nei pipistrelli di Schreiber in Spagna e successivamente è stato rilevato nei pipistrelli in Ungheria.

In quanto virus zoonotico, che passa tra gli animali e l’uomo, LLOV è di interesse per la salute pubblica in tutto il mondo a causa della nostra stretta relazione con gli animali in agricoltura, come compagni e nell’ambiente naturale. Questo è ancora più vero negli ultimi anni con la continua distruzione e invasione degli habitat naturali di molte creature selvagge. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che “le zoonosi comprendono una grande percentuale di tutte le malattie infettive recentemente identificate, così come molte quelle esistenti”.

Il Dr. Simon Scott e il Dr. Nigel Temperton della Viral Pseudotye Unit (VPU) della Medway School of Pharmacy facevano parte di un team guidato dal Dr. Gábor Kemenesi dell’Università di Pécs/Laboratorio Nazionale di Virologia in Ungheria. La VPU, compreso l’ex Ph.D. lo studente Dr. Martin Mayora-Neto, sono stati coinvolti nella conduzione di tutti gli esperimenti di rilevamento degli anticorpi utilizzando sieri di pipistrello come parte dello studio, anche prima che il virus stesso fosse isolato. Questo isolamento si è verificato nel laboratorio ungherese dall’ultimo pipistrello risultato positivo al test LLOV.

È significativo che il team abbia ora scoperto che Lloviu ha il potenziale sia per infettare le cellule umane che per replicarsi. Ciò solleva preoccupazioni sulla potenziale trasmissione diffusa in Europa e sollecita studi di patogenicità e antivirali immediati. Il lavoro della VPU, inoltre, non ha rivelato alcuna reattività crociata anticorpale tra LLOV ed Ebola, suggerendo che i vaccini contro l’Ebola esistenti potrebbero non proteggere contro Lloviu, se dovesse essere trasmesso all’uomo.

Il dottor Scott afferma che la loro “ricerca è una pistola fumante. È fondamentale che sappiamo di più sulla distribuzione di questo virus e che la ricerca venga condotta in quest’area per valutare i rischi e assicurarci di essere preparati a potenziali epidemie e pandemie. “

Da questa ricerca, è chiaro che esiste un notevole divario di conoscenze riguardo alla patogenicità, agli ospiti animali e alla trasmissibilità di questi virus appena scoperti. Il finanziamento della British Academy ha consentito al dottor Scott di creare un consorzio di virologi di pipistrelli europei, sfruttando le competenze nel campo, dall’ecologia alla virologia. Il gruppo mira a condurre ulteriori ricerche essenziali in tutta Europa sui rischi del virus Lloviu per l’uomo, oltre ad altre famiglie di virus tra cui il coronavirus e il lissavirus (rabbia) che hanno i pipistrelli come ospiti.

Il documento di ricerca, “Isolamento del virus infettivo di Lloviu dai pipistrelli di Schreiber in Ungheria”, è pubblicato da Comunicazioni sulla natura.


Articolo precedenteLo studio mostra che gli oligodendrociti sorgono nel cervello umano nelle prime fasi dello sviluppo
Articolo successivoGli scienziati applicano la teoria del controllo nell’analisi della dinamica della reazione fotochimica nelle terapie della luce