Home Notizie recenti Il farmaco contro il cancro al seno potrebbe aiutare più pazienti

Il farmaco contro il cancro al seno potrebbe aiutare più pazienti

77
0

di Carla K. Johnson

Questa foto non datata fornita da Daiichi Sankyo e AstraZeneca nel giugno 2022 mostra la produzione del loro Enhertu, un farmaco chemioterapico anticorpale somministrato per via endovenosa. Credito: Daiichi Sankyo, AstraZeneca via AP

Per la prima volta, è stato dimostrato che un farmaco mirato a una proteina che guida la crescita del cancro al seno agisce contro i tumori con livelli molto bassi della proteina.

Non è una cura. Ma questo ultimo vantaggio per la terapia mirata del cancro potrebbe aprire nuove possibilità di trattamento a migliaia di pazienti con cancro al seno avanzato.

Finora, i tumori al seno sono stati classificati come HER2-positivi (le cellule tumorali hanno più proteine ​​del normale) o HER2-negativi. I medici che hanno riportato l’anticipo domenica hanno affermato che renderà “HER2-low” una nuova categoria per guidare il trattamento del cancro al seno.

Circa la metà dei pazienti con carcinoma mammario in stadio avanzato precedentemente classificato come HER2-negativo può effettivamente essere HER2-basso e idoneo per il farmaco.

Il farmaco è Enhertu, una combinazione di chemioterapia anticorpale somministrata da IV. Trova e blocca la proteina HER2 sulle cellule tumorali, scaricando anche una potente sostanza chimica che uccide il cancro all’interno di quelle cellule. Appartiene a una classe relativamente nuova di farmaci chiamati coniugati anticorpo-farmaco.

Il farmaco era già stato approvato per il cancro al seno HER2-positivo e ad aprile la Food and Drug Administration gli ha concesso lo stato di svolta per questo nuovo gruppo di pazienti.

Nel nuovo studio, il farmaco ha allungato il tempo che i pazienti hanno vissuto senza che il cancro progredisse e ha migliorato la sopravvivenza rispetto ai pazienti sottoposti a chemioterapia standard.

Ricercatori: il farmaco contro il cancro al seno potrebbe aiutare più pazienti

Questa foto non datata fornita da Daiichi Sankyo e AstraZeneca nel giugno 2022 mostra una fiala e una confezione per il loro Enhertu, un farmaco chemioterapico con anticorpi somministrato per via endovenosa. Credito: Daiichi Sankyo, AstraZeneca via AP

Lo studio ha confrontato Enhertu con la chemioterapia standard in circa 500 pazienti con carcinoma mammario HER2-basso che si era diffuso o non poteva essere trattato con un intervento chirurgico. Il farmaco ha fermato la progressione del cancro per circa 10 mesi rispetto a circa 5 mesi e mezzo nel gruppo che riceveva cure regolari. Il farmaco ha migliorato la sopravvivenza di circa sei mesi (da 17,5 mesi a 23,9 mesi).

“È uno studio che cambia la pratica”, ha affermato la dott.ssa Sylvia Adams, che dirige la cura del cancro al seno presso la NYU Langone Health e ha arruolato diversi pazienti nello studio. “Risponde a un importante bisogno insoddisfatto per i pazienti che hanno un cancro al seno metastatico”.

Ora, sarà importante definire l’area grigia HER2 per assicurarsi che i pazienti giusti ricevano il trattamento e quindi monitorarli da vicino, hanno affermato gli esperti.

Il farmaco, che costa circa $ 14.000 al mese, può avere gravi complicazioni. Tre pazienti nello studio sono morti per una malattia polmonare che è un rischio noto del farmaco. I medici devono assicurarsi che i pazienti segnalino immediatamente problemi respiratori in modo che il farmaco possa essere interrotto e i pazienti trattati con steroidi.

Ricercatori: il farmaco contro il cancro al seno potrebbe aiutare più pazienti

Questa foto non datata fornita da Daiichi Sankyo e AstraZeneca nel giugno 2022 mostra la produzione del loro Enhertu, un farmaco chemioterapico anticorpale somministrato per via endovenosa. Credito: Daiichi Sankyo, AstraZeneca via AP

I risultati sono stati presentati domenica alla riunione annuale dell’American Society of Clinical Oncology a Chicago e pubblicati dal Giornale di medicina del New England. Il finanziamento dello studio è arrivato da Daiichi Sankyo, con sede a Tokyo, e AstraZeneca, con sede nel Regno Unito, che hanno sviluppato congiuntamente il farmaco.

I pazienti assumono il farmaco fino a quando non possono più tollerarlo.

Ricercatori: il farmaco contro il cancro al seno potrebbe aiutare più pazienti

Questa foto non datata fornita da Daiichi Sankyo e AstraZeneca nel giugno 2022 mostra una fiala e una confezione per il loro Enhertu, un farmaco chemioterapico con anticorpi somministrato per via endovenosa. Credito: Daiichi Sankyo, AstraZeneca via AP

“Molte persone, inclusi molti pazienti, non avevano mai sentito parlare di cancro al seno HER2-basso”, ha affermato l’autore principale dello studio, il dottor Shanu Modi del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York.

“Finalmente abbiamo un farmaco mirato a HER2 che per la prima volta può mirare a quel basso livello di espressione di HER2”, ha detto Modi. “Questo farmaco aiuta effettivamente a definire il cancro al seno HER2-basso. Lo rende, per la prima volta, una popolazione mirata”.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedentePechino riaprirà scuole e luoghi di lavoro mentre i cordoli del COVID-19 si allentano
Articolo successivoLa donna incinta vince una battaglia di 22 giorni contro il COVID-19