Home Notizie recenti I ricercatori sul cancro ovarico portano in primo piano il prodotto naturale...

I ricercatori sul cancro ovarico portano in primo piano il prodotto naturale β-escina

159
0
Cancro

Credito: Unsplash/CC0 dominio pubblico

Per le donne con cancro ovarico, c’è un alto tasso di mortalità, in parte dovuto alla facilità di diffusione delle cellule tumorali, o metastasi, nella cavità addominale. I trattamenti attuali possono essere costosi e si sono dimostrati inefficaci contro la sopravvivenza a lungo termine in questi pazienti. È uno dei motivi per cui molti ricercatori hanno cercato di identificare prodotti naturali e composti sintetizzati con effetti farmacologici contro le cellule tumorali.

I ricercatori del Medicine Comprehensive Cancer Center dell’Università di Chicago hanno recentemente pubblicato uno studio sulla rivista Cancro scoprire gli effetti che un prodotto naturale ha sulle metastasi del cancro ovarico. Hilary Kenny, Ph.D., e Ernst Lengyel, MD, Ph.D., guidano il Laboratorio di ricerca sul cancro ovarico nel Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia. L’esperienza del laboratorio nella biologia del cancro ovarico è ulteriormente rafforzata dalle collaborazioni formate con altri gruppi di ricerca.

Diversi anni fa, i ricercatori sul cancro ovarico hanno iniziato a lavorare con il National Center for Advancing Translational Science (NCATS), che ha fornito strutture di screening ad alto rendimento (HTS). HTS consente agli scienziati di testare simultaneamente quanto bene centinaia (o addirittura migliaia) di composti farmaceutici funzionano contro le cellule tumorali.

“Abbiamo mirato a imitare la situazione umana utilizzando cellule umane primarie per ricostruire il rivestimento della cavità addominale, dove le cellule del cancro ovarico metastatizzano”, ha detto Kenny.

Utilizzando un modello tridimensionale, hanno esaminato la comunicazione incrociata delle cellule cancerose con il microambiente della cavità addominale e hanno identificato i composti che inibiscono questa interazione.

Dopo l’HTS di oltre 2.000 farmaci che utilizzano questo modello a livello cellulare, Kenny e i suoi colleghi hanno identificato il composto β-escina come un promettente “colpo” per le metastasi del cancro ovarico. La -escina è una sostanza chimica estratta dal seme di ippocastano. I risultati sono stati pubblicati in un 2015 Comunicazioni sulla natura articolo.

Per il loro recente articolo, i ricercatori hanno cercato di saperne di più su come funziona la β-escina nel contesto delle metastasi del cancro ovarico. Sorprendentemente, il loro studio ha scoperto che la -escina riduceva la diffusione metastatica delle cellule del cancro ovarico se somministrata prima o dopo l’inizio della crescita del tumore nei topi.

Nelle mani di altri gruppi di ricerca che hanno studiato diversi tipi di cancro, la -escina ha anche mostrato effetti benefici sulla crescita antitumorale. Sebbene l’obiettivo esatto della -escina rimanga poco chiaro, i ricercatori hanno esplorato gli effetti biologici del composto, che rafforza la sua forte efficacia nei modelli murini.

“La cosa che è stata davvero eccitante per noi è che più ricercatori indipendenti hanno identificato il potenziale effetto terapeutico della -escina in diversi tipi di cancro”, ha detto Kenny. “Sebbene di recente siano stati approvati numerosi farmaci per la terapia del cancro ovarico, nessuno ha mostrato un beneficio significativo nella sopravvivenza globale”.

La domanda naturale, ovviamente, è se siano stati condotti studi clinici per studiare la -escina negli esseri umani. Si scopre che ci sono solo dati limitati nei pazienti con cancro alla tiroide; tuttavia, sono attualmente in corso sperimentazioni che testano i glicosidi cardiaci, che sono composti simili.

Mentre i ricercatori sono concentrati sul cancro ovarico, Kenny vorrebbe vedere una sperimentazione clinica in qualsiasi tipo di cancro che verifichi il potenziale terapeutico della -escina nei malati di cancro. Kenny crede che i dati di questo studio e di altri potrebbero costruire il caso per tradurre la β-escina come una potenziale nuova terapia antitumorale.


Articolo precedenteFermare la demenza al naso con la combinazione di rifampicina e resveratrolo
Articolo successivoCosa rende la migliore maschera COVID-19?