depressione

Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico

I ricercatori sono un passo avanti verso lo sviluppo di un esame del sangue che fornisca un semplice segno biochimico per la depressione e riveli l’efficacia della terapia farmacologica nei singoli pazienti.

Pubblicato in un nuovo studio proof of concept, i ricercatori guidati da Mark Rasenick, illustre professore di fisiologia, biofisica e psichiatria dell’Università dell’Illinois di Chicago, hanno identificato un biomarcatore nelle piastrine umane che tiene traccia dell’entità della depressione.

La ricerca si basa su studi precedenti di diversi ricercatori che hanno dimostrato negli esseri umani e nei modelli animali che la depressione è coerente con la diminuzione dell’adenilato ciclasi, una piccola molecola all’interno della cellula prodotta in risposta a neurotrasmettitori come la serotonina e l’adrenalina.

“Quando sei depresso, l’adenilato ciclasi è basso. La ragione per cui l’adenilato ciclasi è attenuata è che la proteina intermedia che consente al neurotrasmettitore di produrre l’adenilato ciclasi, la Gs alfa, è bloccata in una matrice ricca di colesterolo della membrana, una zattera lipidica. -dove non funzionano molto bene”, ha detto Rasenick.

Il nuovo studio, “A Novel Peripheral Biomarker for Depression and Antidepressant Response”, pubblicato su Psichiatria Molecolare, ha identificato il biomarcatore cellulare per la traslocazione di Gs alfa da zattere lipidiche. Il biomarcatore può essere identificato attraverso un esame del sangue.

“Quello che abbiamo sviluppato è un test che non solo può indicare la presenza di depressione, ma può anche indicare una risposta terapeutica con un singolo biomarcatore, e questo è qualcosa che non è esistito fino ad oggi”, ha detto Rasenick, che è anche una ricercatrice in carriera scienziato al Jesse Brown VA Medical Center.

I ricercatori ipotizzano che saranno in grado di utilizzare questo esame del sangue per determinare se le terapie antidepressive stanno funzionando, forse già una settimana dopo l’inizio del trattamento. Ricerche precedenti hanno dimostrato che quando i pazienti mostravano un miglioramento dei sintomi della depressione, il Gs alfa era fuori dalla zattera lipidica. Tuttavia, nei pazienti che assumevano antidepressivi ma non mostravano alcun miglioramento dei sintomi, il Gs alfa era ancora bloccato nella zattera, il che significa che il semplice fatto di avere antidepressivi nel flusso sanguigno non era abbastanza buono per migliorare i sintomi.

Un esame del sangue potrebbe essere in grado di mostrare se il Gs alfa era fuori dalla zattera lipidica dopo una settimana.

“Poiché le piastrine si trasformano in una settimana, vedresti un cambiamento nelle persone che stanno per stare meglio. Saresti in grado di vedere il biomarcatore che dovrebbe presagire il successo del trattamento”, ha detto Rasenick.

Attualmente, i pazienti ei loro medici devono aspettare diverse settimane, a volte mesi, per determinare se gli antidepressivi stanno funzionando, e quando viene determinato che non stanno funzionando, vengono provate diverse terapie.

“Circa il 30% delle persone non migliora, la loro depressione non si risolve. Forse, il fallimento genera fallimento e sia i medici che i pazienti danno per scontato che nulla funzionerà”, ha detto Rasenick. “La maggior parte della depressione viene diagnosticata negli studi del medico di base dove non hanno uno screening sofisticato. Con questo test, un medico potrebbe dire: ‘Cavolo, sembrano depressi, ma il loro sangue non ci dice che lo sono. Quindi , forse abbiamo bisogno di riesaminare questo.'”


Articolo precedenteIl primo ministro britannico afferma che gli ospedali devono affrontare “una notevole pressione”
Articolo successivoChiedi al Pediatra: Quali obiettivi per il nuovo anno si possono fissare con i bambini?