Home Notizie recenti I ricercatori forniscono nuovi dati sulla sperimentazione clinica di riferimento che ha...

I ricercatori forniscono nuovi dati sulla sperimentazione clinica di riferimento che ha preso di mira l’epidemia di ipertensione nella comunità nera

56
0

Credito: CC0 Pubblico Dominio

Il Los Angeles Barbershop Blood Pressure Study fornisce approfondimenti all’avanguardia più di quattro anni dopo la pubblicazione dei risultati dello studio Il New England Journal of Medicine.

Con l’aiuto dei partecipanti a questo importante studio, i ricercatori dello Smidt Heart Institute di Cedars-Sinai stanno scavando più a fondo per scoprire come gli interventi sanitari basati sulla comunità potrebbero essere implementati al meglio su larga scala. Hanno presentato una continuazione delle loro scoperte oggi alla sessione scientifica dell’American College of Cardiology (ACC) che si sta svolgendo a Washington, DC

L’ipertensione, nota anche come ipertensione, è a livelli epidemici nella comunità nera. Uno studio del 2018 nel Giornale dell’American Heart Association hanno scoperto che, tra i partecipanti, il 75,5% degli uomini neri e il 75,7% delle donne nere hanno sviluppato ipertensione entro i 55 annith compleanno.

Gli studi originali sui barbieri Cedars-Sinai, con risultati pubblicati nel 2010 e nel 2018, sono stati guidati dal compianto Ronald G. Victor, MD, e sono stati i primi a dimostrare scientificamente l’efficacia di portare cure mediche direttamente ai clienti dei barbieri neri. L’obiettivo: tenere sotto controllo la pressione sanguigna per aiutare a prevenire infarti e ictus.

I barbieri di 52 negozi di Los Angeles hanno iscritto clienti con pressione sanguigna elevata e i farmacisti clinici hanno visitato i negozi per prescrivere e monitorare i farmaci per circa la metà di questi clienti. I clienti che hanno lavorato con i farmacisti hanno mostrato una marcata riduzione della pressione sanguigna, per ben 12 mesi, rispetto ad altri clienti, che sono stati indirizzati ai loro fornitori di cure primarie.

“Dopo che i risultati dello studio del barbiere sono stati pubblicati nel 2018 nel Giornale di medicina del New Englandmolti gruppi si sono interessati a cercare di replicare il programma”, ha affermato Christine M. Albert, MD, MPH, presidente del Dipartimento di Cardiologia e ricercatrice principale dello studio dopo la morte di Victor. “Volevamo capire, dal punto di vista dei partecipanti di vista, i componenti che hanno reso il modello Barbershop di successo.”

Ciò ha portato a una ricerca di follow-up, presentata oggi alle sessioni scientifiche dell’ACC dallo studente di medicina e primo autore Nathan Kohrman, in cui gli investigatori hanno intervistato 20 clienti del barbiere, 10 barbieri e uno dei due farmacisti che hanno partecipato allo studio del barbiere. Le interviste di follow-up sono state progettate per determinare i componenti chiave che sarebbero stati necessari per replicare o aumentare con successo l’intervento.

La nuova analisi è stata condotta in collaborazione con il Dipartimento della salute pubblica della contea di Los Angeles, che ha aiutato a strutturare le domande dell’intervista per lo studio.

Nelle loro interviste telefoniche, i partecipanti allo studio del barbiere hanno affermato di aver lottato per formare abitudini sane, in particolare una dieta adeguata, esercizio fisico e assunzione di farmaci come indicato, e hanno affermato che il programma li ha aiutati a riconoscere l’importanza di mantenere la pressione sanguigna a un livello sano.

“Il contesto comunitario del programma e la rete di supporto nei barbieri hanno davvero enfatizzato questo per loro”, ha affermato Joseph Ebinger, MD, direttore di Clinical Analytics e autore senior della nuova analisi del programma. “Il contatto diretto con i farmacisti in un luogo così fidato ha dato loro un senso di agenzia che non sentivano in ambito clinico e il fatto che avessero discusso dello studio con barbieri, familiari e amici li ha fatti sentire più impegnati a migliorare la propria salute .”

I barbieri partecipanti hanno affermato che lo studio ha rafforzato il loro ruolo di leader della comunità e hanno ritenuto che fosse un modo positivo e nuovo di servire la loro comunità.

“Alcuni di questi barbieri hanno visto questi clienti ogni due settimane per decenni”, ha detto Ebinger. “Hanno costruito relazioni strette e sanno che i loro clienti ascolteranno ciò che hanno da dire”.

Questi fattori culturali e sociali sono stati fondamentali per il successo del programma, ha affermato C. Adair Blyler, PharmD, un farmacista clinico dello Smidt

“Per coloro che creano programmi simili, penso che sia importante prima capire le origini del problema sanitario in questione, i” giocatori “e come il problema li colpisce”, ha detto Blyler. “Ma la cosa più importante è capire come i giocatori stessi vorrebbero vedere risolto il problema. Per me, il principale aspetto dello studio del barbiere è che l’assistenza sanitaria è più efficace quando è sufficientemente dinamica e flessibile per soddisfare le esigenze dei pazienti”.

Gli obiettivi di ricerca futuri per il team includono il monitoraggio dei clienti del barbiere per vedere se il loro successo nel tenere a bada la pressione alta si traduce in un minor numero di attacchi di cuore e ictus, ha detto Ebinger.

Il team vorrebbe anche capire in che modo le misure di salute pubblica attuate durante la pandemia di COVID-19 potrebbero aver interrotto o modificato le opportunità di interventi sanitari a livello di comunità.

“Durante la pandemia, diversi barbieri hanno chiuso o hanno cambiato in modo significativo il loro modo di operare”, ha detto Ebinger. “Molti ora richiedono che i clienti abbiano un appuntamento piuttosto che fermarsi, il che significa meno opportunità per loro di riunirsi e interagire”.

Blyler ha detto che crede che queste sfide possano essere superate.

“La pandemia ha certamente cambiato i modi in cui ci riuniamo, ma non ha cambiato il nostro desiderio di connetterci con gli altri ed essere parte di una comunità più ampia”, ha detto Blyler. “Ciò significa che la ricerca basata sulla comunità ha ancora l’opportunità di raggiungere le persone. Potrebbe essere necessario adattare il nostro approccio per adattarsi alle nuove norme, ma penso che possiamo ancora avere successo”.


Articolo precedenteL’India estende credito, carburante, cibo per salvare lo Sri Lanka dalla crisi economica
Articolo successivoTesla vende 310.000 veicoli nel 1° trimestre, nonostante i problemi logistici