Home Notizie recenti I pazienti in sovrappeso dovrebbero dimagrire prima della procedura per trattare il...

I pazienti in sovrappeso dovrebbero dimagrire prima della procedura per trattare il ritmo cardiaco anormale

177
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Secondo una ricerca presentata all’EHRA 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC), è più probabile che i pazienti in sovrappeso con fibrillazione atriale sperimentino un ritorno del disturbo del ritmo cardiaco dopo una procedura correttiva rispetto a quelli di peso normale.

“Il rischio di fibrillazione atriale ricorrente dopo l’ablazione è aumentato in modo incrementale con l’aumento dell’indice di massa corporea (BMI)”, ha affermato l’autore principale Dr. Jacob Toennesen del Gentofte University Hospital, Danimarca. “Il nostro studio suggerisce che ai pazienti in sovrappeso dovrebbe essere consigliato di perdere peso prima dell’intervento per migliorare la probabilità di essere liberi dall’aritmia in seguito”.

La fibrillazione atriale è il disturbo del ritmo cardiaco più comune al mondo. Si stima che un europeo su tre svilupperà la condizione. La fibrillazione atriale è associata a rischi elevati di ictus, insufficienza cardiaca e morte prematura, mentre oltre il 60% dei pazienti presenta una qualità di vita ridotta. Il Dr. Toennesen ha affermato: “Il potenziale di esiti deleteri significa che l’ottenimento di un ritmo cardiaco normale è un obiettivo cruciale del trattamento”.

Le opzioni di trattamento includono farmaci e ablazione, che comporta la combustione o il congelamento di una piccola porzione del cuore per creare una cicatrice e prevenire la diffusione di impulsi elettrici anormali. Mentre ricerche precedenti hanno dimostrato che l’obesità è associata allo sviluppo della fibrillazione atriale, questo studio ha esaminato il legame tra BMI e un ritorno del disturbo del ritmo cardiaco dopo l’ablazione.

Lo studio è stato condotto utilizzando i registri nazionali danesi. Comprendeva un totale di 9.229 adulti che hanno subito una prima fibrillazione atriale dal 2010 al 2018. I pazienti sono stati divisi in cinque gruppi in base al BMI in kg/m2: sottopeso (inferiore a 18,5), peso normale (da 18,5 a 24), sovrappeso ( da 25 a 29), obesi (da 30 a 34) e patologicamente obesi (oltre i 34). L’età mediana è diminuita da 64 anni nel gruppo di peso normale a 60 anni nel gruppo con obesità patologica.

Si riteneva che i pazienti avessero avuto fibrillazione atriale durante il follow-up se rivendicavano la prescrizione di farmaci antiaritmici, erano stati ricoverati in ospedale per fibrillazione atriale, erano stati sottoposti a riablazione o avevano una cardioversione elettrica che trasmette scariche elettriche al cuore attraverso elettrodi sul torace per ripristinare il normale ritmo cardiaco.

Gli autori hanno analizzato il rischio relativo di fibrillazione atriale ricorrente in base al BMI dopo aggiustamento per sesso, età, anno della procedura, insufficienza cardiaca, cardiopatia ischemica, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), malattia renale cronica, ipertensione e diabete. A un anno, rispetto al gruppo di peso normale, i gruppi in sovrappeso, obeso e patologicamente obeso avevano rispettivamente il 19%, 22% e 32% in più di probabilità di fibrillazione atriale. Lo stesso pattern è stato osservato dopo cinque anni, con un rischio del 15%, 18% e 26% più alto di ritmo cardiaco anormale nei gruppi in sovrappeso, obesi e patologicamente obesi, rispettivamente, rispetto al gruppo di peso normale. Il rischio relativo nei pazienti sottopeso non differiva significativamente da quelli con peso normale in entrambi i momenti.

Il Dr. Toennesen ha affermato: “Lo studio mostra che i tassi di recidiva della fibrillazione atriale sono aumentati in modo incrementale con l’aumento del BMI al follow-up a breve e lungo termine. Ad esempio, dopo un anno il 61% dei pazienti di peso normale era ancora libero dal ritmo cardiaco disturbo rispetto a solo il 52% dei pazienti con obesità patologica. Abbiamo anche osservato che sia la durata della procedura che la dose di raggi X aumentavano con l’aumento del BMI”.

Ha concluso: “La forza dell’associazione tra BMI elevato e fibrillazione atriale ripetuta dopo l’ablazione era paragonabile all’influenza di fattori ben noti come insufficienza cardiaca, BPCO e ipertensione che sono tipicamente trattati in questi pazienti. I risultati indicano che una gestione aggressiva del peso prima all’ablazione potrebbe potenzialmente portare a risultati migliori”.


Maggiori informazioni:
L’abstract “Tassi di recidiva dell’ablazione della fibrillazione atriale secondo l’indice di massa corporea, uno studio danese basato su un registro a livello nazionale” sarà presentato durante la sessione “Fibrillazione atriale: nuove intuizioni” che si terrà il 4 aprile.

Articolo precedenteLa mappa genetica può identificare il rischio di malattie cardiache per le persone con diabete di tipo 2
Articolo successivoL’inflazione in Turchia raggiunge il 61%, sale al nuovo massimo da 20 anni