Home Notizie recenti I cechi abbandonano le regole del pass COVID-19, allentano i limiti alla...

I cechi abbandonano le regole del pass COVID-19, allentano i limiti alla folla

52
0
I cechi abbandonano le regole del pass COVID-19, allentano i limiti alla folla

Le persone che indossano maschere facciali attraversano il Ponte Carlo medievale a Praga, Repubblica Ceca, il 25 febbraio 2021. Il governo della Repubblica Ceca è andato avanti con l’allentamento delle restrizioni sul coronavirus, annullando l’obbligo per le persone di presentare un certificato che dimostri di essere state vaccinate o recuperato dal COVID-19 per poter utilizzare vari servizi e partecipare a eventi pubblici. Le persone non dovranno più farlo in bar, ristoranti, caffè, parrucchieri e altri, nonché in occasione di eventi sportivi e culturali a partire da giovedì 10 febbraio 2022. Credit: AP Photo/Petr David Josek, File

Mercoledì la Repubblica Ceca è andata avanti con l’allentamento delle restrizioni sul coronavirus, annullando l’obbligo per le persone di presentare un certificato che dimostri di essere state vaccinate o guarite dal COVID-19 per utilizzare i servizi e partecipare a eventi pubblici.

A partire da giovedì, le persone non avranno più bisogno di un pass sanitario COVID-19 per entrare in bar, ristoranti, caffè e parrucchieri, nonché per eventi sportivi e culturali.

Allo stesso tempo, il primo ministro Petr Fiala ha affermato che il suo governo solleverà più misure contro il coronavirus entro la fine del mese, a seconda dello sviluppo della pandemia.

“La maggioranza assoluta delle restrizioni sul coronavirus sarà revocata entro il 1 marzo”, ha affermato Fiala.

Il ministro della Salute Vlastimil Valek ha affermato che a partire dal 19 febbraio fino a 5.000 persone potranno assistere a concerti, competizioni sportive e altri eventi in cui i visitatori sono seduti, rispetto alle attuali 1.000. Per gli altri assembramenti, il limite aumenterà da 100 a 500.

Il governo aveva precedentemente deciso di porre fine ai test obbligatori per il coronavirus nelle scuole e nelle aziende.

La Repubblica Ceca ha raggiunto il record di 57.195 nuovi casi giornalieri il 1° febbraio in mezzo a un’impennata causata dalla variante omicron altamente trasmissibile. Martedì è sceso a 37.627, ancora il settimo aumento giornaliero più alto dall’inizio della pandemia.

Il tasso di infezione in sette giorni è sceso a 1.962 per 100.000 residenti martedì da 2.483 una settimana fa.

Il numero di pazienti COVID-19 che necessitano di ricovero è aumentato di 2.000 dal 22 gennaio, raggiungendo 3.553. Ma solo poco più di 200 persone sono ricoverate in terapia intensiva, un numero stabile da più di due settimane.

La nazione dell’Unione Europea di 10,5 milioni ha oltre 6,8 milioni di persone completamente vaccinate e quasi 3,9 milioni che hanno ricevuto un’iniezione di richiamo. Complessivamente, la Repubblica Ceca ha registrato 37.612 decessi correlati al virus.


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Articolo precedenteUn segno di crescita del ransomware: le gang ora arbitrano le controversie
Articolo successivoIl Giappone estenderà le misure contro i virus a Tokyo e in altre aree