Home Notizie recenti I casi innovativi di omicron non compromettono la salute vascolare dopo l’infezione...

I casi innovativi di omicron non compromettono la salute vascolare dopo l’infezione nei giovani adulti altrimenti sani

80
0
Giornale americano di fisiologia-cuore e fisiologia circolatoria (2022). DOI: 10.1152/ajpheart.00189.2022″ width=”800″ height=”530″>
Funzione macro e microvascolare e rigidità arteriosa negli individui che non hanno mai avuto COVID-19 (controllo, n = 13; 7 femmine) e quelli che hanno avuto COVID-19 durante l’onda Omicron (Omicron, n = 23*, 14 femmine). I maschi sono indicati da simboli neri e le femmine da simboli bianchi. A–D: dilatazione flusso-mediata dell’arteria brachiale (FMD, %; A), iperemia reattiva (picco della velocità sanguigna dopo il rilascio della cuffia, cm/s; B), velocità dell’onda del polso carotideo-femorale (cfPWV, m/s; C) , e l’indice di aumento (AIx, %; D) corretto per una frequenza cardiaca di 75 battiti/min. I confronti tra i gruppi sono stati effettuati utilizzando il test t a due code non accoppiato e il P American Journal of Physiology-Heart and Circulatory Physiology (2022). DOI: 10.1152/ajpheart.00189.2022

Una nuova ricerca rileva che i giovani adulti vaccinati a cui è stato diagnosticato il COVID-19 durante l ‘”onda micron” tra la fine del 2021 e l’inizio del 2022 non avevano una compromissione vascolare duratura dopo l’infezione attiva. Il primo studio nel suo genere è stato pubblicato prima della stampa nel Giornale americano di fisiologia-cuore e fisiologia circolatoria.

Le prime ricerche sul COVID-19 hanno scoperto che la malattia causata dal virus SARS-CoV-2 altera la salute dei vasi sanguigni (vascolari) e la funzione autonomica negli adulti senza condizioni di salute sottostanti anche dopo il recupero dall’infezione attiva. Il sistema nervoso autonomo comprende funzioni corporee come la digestione e le variazioni della frequenza cardiaca e della frequenza respiratoria. La variante omicron del virus ha dimostrato di causare malattie meno gravi rispetto ai ceppi originali, in particolare nelle persone vaccinate contro il COVID-19. Tuttavia, l’omcron è più trasmissibile rispetto alle varianti precedenti e molte persone, sebbene vaccinate, hanno sviluppato infezioni “rivoluzionarie”.

Vedi anche:  Come gli infermieri possono aiutare a ridurre la disinformazione sulla salute

I ricercatori hanno studiato un gruppo di giovani adulti in Texas a cui è stato diagnosticato il COVID-19 tra la fine di dicembre 2021 e la fine di gennaio 2022 per determinare se la variante omicron causa disfunzioni vascolari a breve termine in adulti vaccinati altrimenti sani. Tutti i partecipanti allo studio erano completamente vaccinati al momento dell’infezione e circa la metà del gruppo aveva ricevuto un’iniezione di richiamo. Sebbene i test non abbiano rivelato chiaramente con quale variante sono stati infettati i volontari, la ricerca mostra che la variante omicron rappresentava oltre il 90% dei casi di COVID-19 segnalati in Texas durante questo periodo di tempo. Nessuno dei volontari è stato ricoverato in ospedale per la sua malattia e tutti sono risultati positivi al COVID-19 una media di 30 giorni prima dell’inizio dello studio.

Vedi anche:  Il bivio di Ford: EV, la combustione interna è divisa

Il team di ricerca ha esaminato il diametro dei vasi sanguigni, il flusso sanguigno, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna dei partecipanti per misurare la funzione vascolare e autonomica. Non hanno trovato differenze nella funzione vascolare, nella rigidità arteriosa e nei marcatori della funzione autonomica quando hanno confrontato il gruppo COVID-19 con controlli sani che non avevano avuto COVID-19 ed erano abbinati per razza, età e livello di attività.

“Questa scoperta è probabilmente attribuibile alla combinazione della minore gravità della variante omicron e dello stato di vaccinazione in questi individui. Considerati collettivamente, questi risultati sono promettenti dato il gran numero di giovani adulti che hanno contratto la variante omicron alla fine del 2021 [or] all’inizio del 2022”, hanno scritto i ricercatori.

“Impatto dei casi rivoluzionari di COVID-19 durante l’onda Omicron sulla salute vascolare e sulla funzione cardiaca autonomica nei giovani adulti” è stato pubblicato prima della stampa nel Giornale americano di fisiologia-cuore e fisiologia circolatoria.


Articolo precedenteIl conteggio dei linfonodi cancerosi è il miglior predittore di linfoma
Articolo successivoAlleviare il disagio psicologico per i pazienti rurali più anziani