Home Notizie recenti I casi di tubercolosi sono diminuiti negli Stati Uniti durante la pandemia

I casi di tubercolosi sono diminuiti negli Stati Uniti durante la pandemia

202
0

I casi segnalati di tubercolosi (TB) sono diminuiti in modo significativo negli Stati Uniti durante la pandemia di COVID-19, ma le diagnosi ritardate o mancate potrebbero aver contribuito al declino.

“Le diagnosi ritardate o mancate della tubercolosi stanno minacciando la salute delle persone affette da tubercolosi e delle comunità in cui vivono”, ha affermato il dott. Philip LoBue, direttore della divisione per l’eliminazione della tubercolosi presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

“Una diagnosi ritardata o mancata della tubercolosi porta alla progressione della tubercolosi e può portare al ricovero o alla morte e al rischio di trasmettere la tubercolosi ad altri”, ha spiegato LoBue in un comunicato stampa del CDC.

Secondo i dati preliminari pubblicati il ​​24 marzo dal CDC, i casi di tubercolosi segnalati sono crollati del 20% nel 2020 e sono rimasti inferiori del 13% nel 2021 rispetto a prima della pandemia. Pre-pandemia, i casi di tubercolosi in genere scendevano tra l’1% e il 2% all’anno, ha affermato il CDC.

Vedi anche:  La fabbrica di auto elettriche di Rivian è stata fatta esplodere dai nemici durante la riunione della Georgia

Il rapporto ha offerto diverse possibili ragioni per i maggiori cali nel 2020 e nel 2021.

Per uno, le misure di prevenzione del COVID-19 come l’uso della maschera e il distanziamento sociale potrebbero aver contribuito a ridurre la diffusione della tubercolosi.

E le interruzioni diffuse dell’assistenza sanitaria durante la pandemia potrebbero aver ritardato le diagnosi di tubercolosi. La pandemia ha anche messo a dura prova i servizi di salute pubblica, compresi i servizi di prevenzione e controllo della tubercolosi.

Inoltre, le somiglianze nei sintomi di COVID-19 e TB potrebbero aver portato a diagnosi di TB mancate.

La tubercolosi è causata da un batterio che di solito attacca il polmone, ma i germi della tubercolosi possono attaccare qualsiasi parte del corpo, inclusi i reni, la colonna vertebrale o il cervello, secondo il CDC.

I case report mostrano che alcune persone a cui è stata diagnosticata la tubercolosi sono state valutate per COVID-19, ma non testate per la tubercolosi, durante più visite mediche. Di conseguenza, una parte della tubercolosi potrebbe essere stata persa o non diagnosticata fino a quando non era più avanzata.

Vedi anche:  Le azioni mondiali scivolano davanti ai dati sull'inflazione degli Stati Uniti, ostacoli agli utili

“La nazione deve garantire che gli operatori sanitari comprendano come diagnosticare e distinguere la malattia da tubercolosi dai potenziali casi di COVID-19”, ha affermato LoBue.

Il CDC ha recentemente lanciato una campagna chiamata “Think. Test. Treat TB”. Mira a sensibilizzare sulla malattia e sull’importanza della prevenzione.

Parlare con il medico è il primo passo per proteggere la tua famiglia, i tuoi amici e la tua comunità dalla tubercolosi, ha affermato il CDC.


Copyright © 2021 Giornata della Salute. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedenteDomande e risposte: l’ex fumatore dovrebbe essere sottoposto a screening per l’aneurisma dell’aorta addominale
Articolo successivoLa FDA autorizza più prodotti di sigarette elettroniche