Home Notizie recenti Dopo 2 anni di abbandono delle cure mediche, i pazienti stanno allagando...

Dopo 2 anni di abbandono delle cure mediche, i pazienti stanno allagando le cliniche e molte condizioni ora sono gravi

50
0

Credito: Unsplash/CC0 di dominio pubblico

Ora che le ondate di COVID-19 si sono attenuate nel sud della Florida, i pazienti stanno arrivando alle cliniche locali con condizioni mediche trascurate che sono avanzate in fasi pericolose.

Per i floridiani privi di assicurazione o di facile accesso alle cure, la rinuncia ai controlli medici e agli screening preventivi ha avuto conseguenze particolarmente dure. Con il diabete, le malattie cardiache e altre malattie fuori controllo, i pazienti devono affrontare gli alti costi dei farmaci e l’accesso limitato alle cure in mezzo a una corsa di persone che finalmente cercano cure.

“Mentre il paese si riapre, le persone stanno tornando a vedere i loro fornitori e vengono identificate con cancro al seno, malattie cardiache, diabete, ipertensione e alcune delle altre cose che la diagnosi precoce avrebbe potuto prevenire”, ha affermato Yolette Bonet , CEO fondatore di FoundCare, il Federally Qualified Health Center, che ha appena aperto la sua settima clinica nella contea di Palm Beach.

Shevie Brown, 35 anni, ha sentito un nodulo al seno destro diversi anni prima della pandemia. Ma quando il coronavirus ha invaso lo stato, Brown ha detto di aver paura di cercare cure. Il suo nodulo divenne più grande.

Alla fine, nella primavera del 2021, quando il nodulo è cresciuto così grande che è diventato evidente attraverso i vestiti, Brown è andato in una clinica FoundCare a Palm Springs per essere riesaminato. “Mi sono spaventato perché ho capito che questa era la mia salute”, ha detto Brown.

La clinica le ha organizzato una visita da un oncologo che le ha diagnosticato un cancro al seno in stadio 3.

Brown, che ora ha subito un intervento chirurgico e una chemioterapia, incoraggia gli altri che hanno ritardato le cure a farsi controllare il prima possibile. “Se non fossi andato, non sarei qui oggi.”

Un americano su tre ha ritardato o saltato le cure mediche durante la pandemia, secondo due sondaggi finanziati dalla Robert Wood Johnson Foundation. Inoltre, un’indagine della durata di un anno della Prevent Cancer Foundation ha rilevato che metà di tutti gli americani mancano di importanti screening per il cancro, con le minoranze a rischio più elevato.

Ma con il calo dei casi, anche la riluttanza a cercare assistenza sta diminuendo.

A mezzogiorno di un giovedì recente, Rose Philius, un’infermiera professionista, aveva visitato 28 pazienti per i servizi di salute delle donne presso la clinica FoundCare a West Palm Beach. Un paziente ha avuto un pap test anormale prima della pandemia e non è mai stato seguito. Philius la manderà da un oncologo per accelerare la sua biopsia, temendo che il cancro possa essersi diffuso.

“Non siamo mai stati chiusi, ma la gente aveva paura di venire”, ha detto.

Anche altri fattori sono stati problemi nell’assistenza ritardata, spiega Philius. “Alcuni pazienti hanno perso il lavoro durante la pandemia e hanno perso la loro assicurazione sanitaria. Altri hanno barriere linguistiche e nessuno li aiuta a navigare nel sistema”, ha affermato.

Chris Irizarry, CEO di FoundCare, ha affermato che la telemedicina ha aiutato i suoi medici a raggiungere i residenti che sono ancora esitanti e soffrono a casa per problemi medici, ma lo sforzo non è ancora abbastanza ampio.

“Stiamo cercando di portare i tablet nelle famiglie nelle aree di bisogno in modo che possano aumentare l’utilizzo della telemedicina perché alcune cure sono meglio di nessuna cura”, ha affermato Irizarry. “Vogliamo incoraggiare i pazienti a venire nei nostri centri, ma se in realtà non si sentono ancora a loro agio, vogliamo che almeno parlino con i nostri fornitori perché conosciamo l’importanza della medicina preventiva”.

A Hollywood, il dottor Sheridan Major-Moore, direttore clinico e medico di medicina di famiglia presso i Broward Community & Family Health Centers, ha affermato che la domanda di cure primarie in questa fase della pandemia è schiacciante.

“I nostri pazienti stavano cercando di evitare di contrarre il COVID e il risultato è una mancanza di cure”, ha detto. “Hanno il diabete incontrollato, la pressione alta… Abbiamo avuto molti di questi casi, comunque, ma ora è esacerbato. Quando si presentano, hanno più condizioni che richiedono un trattamento perché sono stati lontani dalle cure per così tanto tempo .”

Major-Moore ha detto che per i pazienti che avevano già condizioni croniche e non hanno svolto il lavoro di laboratorio da due anni, “spesso è come ricominciare da capo”. Alcuni hanno smesso del tutto di assumere i loro farmaci dopo aver perso la loro assicurazione sanitaria, ha detto.

Un grosso problema, ha detto, è che molte persone hanno guadagnato peso durante la pandemia. “L’obesità aumenta il rischio di malattie cardiache da ipertensione, così tante condizioni diverse. Speriamo che man mano che le cose miglioreranno con COVID, molti dei nostri pazienti diventeranno più attivi e inizieranno di nuovo a mangiare meglio.

Cliniche come FoundCare e Broward Community & Family Health Centers sono finanziate a livello federale e forniscono assistenza medica, dentale e mentale su una scala tariffaria variabile. Ottenere un appuntamento, tuttavia, può richiedere diverse settimane.

Con l’aumento della domanda, le cliniche della comunità stanno estendendo i loro orari e aggiungendo alcuni appuntamenti nello stesso giorno. Irizarry di FoundCare afferma di aver aggiunto più medici e di aver recentemente aperto un’altra clinica a West Palm Beach.

“Stiamo adottando misure per soddisfare la domanda”, ha affermato. I livelli dei pazienti questo mese sono il doppio di quelli che erano durante l’onda delta e molte visite in quel momento erano virtuali, ha detto.

Mentre il COVID ha ucciso più di 70.000 persone in Florida, i medici temono che le condizioni mediche che sono cadute nel dimenticatoio possano aumentare il bilancio delle vittime.

“Dobbiamo rendere facile per i pazienti ottenere aiuto per queste malattie”, ha detto Major-Moore. “Essi esistevano in gran numero prima, e ora stanno andando in numero ancora maggiore”.

Con i bambini nell’ultimo gruppo a diventare idonei al vaccino, le preoccupazioni dei genitori sull’esposizione al COVID hanno portato a un calo delle visite al pediatra.

A Miami, la dott.ssa Tina Carroll-Scott fornisce assistenza medica a bambini per lo più appartenenti a minoranze che non hanno l’assicurazione o che sono su Medicaid. Dice che i bambini stanno arrivando dopo aver saltato gli appuntamenti per due anni.

“Ho a che fare con bambini che hanno l’asma acuto e non assumono farmaci e bambini che non hanno avuto vaccinazioni o visite mediche di routine”, ha affermato Carroll-Scott della clinica pediatrica di South Miami. “Quello che abbiamo anche visto è un aumento della salute mentale e dei problemi di sviluppo. Ci sono bambini nello spettro che avrebbero potuto ottenere analisi del linguaggio o del comportamento e ora hanno problemi di sviluppo più avanzati che non sono stati affrontati”.

Carroll- Scott ha detto che con i suoi pazienti ci vuole sensibilizzazione e tenersi per mano per tenerli coinvolti in controlli e screening mancati.

“Penso che avremo a che fare con le ripercussioni del coronavirus negli anni a venire”, ha detto.


Maggiori informazioni:
©2022 South Florida Sun-Sentinel. Visita sun-sentinel.com. Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Articolo precedenteI medici vogliono che l’ora legale venga abolita. Ecco perché e cosa puoi fare al riguardo
Articolo successivoLa valuta dello Sri Lanka si stabilizzerà presto, assicura la banca centrale del paese