Home Notizie recenti Diabete di tipo 1 legato a un rischio più elevato di problemi...

Diabete di tipo 1 legato a un rischio più elevato di problemi di salute mentale nei pazienti e nella famiglia

12
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Sia i bambini con diabete di tipo 1 che i loro familiari più stretti corrono un rischio maggiore di problemi di salute mentale rispetto a quelli senza la malattia, secondo un ampio studio dei ricercatori del Karolinska Institutet pubblicato sulla rivista Cura del diabete. I risultati sottolineano la necessità di consulenza psicologica sia per i bambini che per le loro famiglie nella cura del diabete.

La ricerca mostra che i bambini e gli adolescenti con diabete di tipo 1 sono maggiormente a rischio di problemi di salute mentale come depressione, ansia e disturbi legati allo stress e che queste comorbidità possono ostacolare un’assistenza ottimale.

Le attuali linee guida dell’International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes (ISPAD) raccomandano lo screening per i problemi di salute mentale nei bambini con diabete di tipo 1, ma non affrontano adeguatamente i bisogni dei membri della famiglia, che sono anche a maggior rischio di problemi di salute mentale. Inoltre, le ragioni alla base dell’associazione tra problemi di salute mentale familiare e diabete di tipo 1 non sono completamente comprese.

“Molti clinici presumono intuitivamente che il diabete in un bambino influisca negativamente sulla salute mentale sia del paziente che dei membri della famiglia”, afferma Agnieszka Butwicka, assistente professore presso il Dipartimento di epidemiologia medica e biostatistica, Karolinska Institutet, e l’ultimo autore senior dello studio. “Ma pensiamo che la risposta non sia così semplice. Il nostro studio indica che potrebbe esserci anche una componente genetica dietro questa associazione”.

Quasi raddoppiato il rischio di depressione

Lo studio ha collegato circa 3,5 milioni di persone nate in Svezia tra il 1973 e il 2007 ai loro genitori biologici, fratelli e sorelle e cugini. A più di 20.000 persone è stato diagnosticato un diabete di tipo 1 a esordio infantile e si è scoperto che avevano un rischio quasi raddoppiato di depressione e circa 1,6 volte più alto il rischio di ansia e disturbi legati allo stress rispetto a quelli senza la malattia.

Anche i loro genitori e fratelli pieni avevano rischi alquanto elevati di ansia e disturbi legati allo stress, anche se in misura minore, mentre i loro fratellastri e cugini non avevano rischi o erano solo leggermente più elevati per alcune condizioni.

“Questi risultati sono di elevata rilevanza clinica perché significano che l’intervento terapeutico dovrebbe coinvolgere anche i familiari stretti, non solo i pazienti”, afferma Agnieszka Butwicka.

Poiché genitori-figli e fratelli pieni condividono più materiale genetico (circa il 50%) rispetto ai fratellastri (circa il 25%) e ai cugini (meno del 12,5%), i ricercatori affermano che il risultato supporta l’idea che i geni possano essere un fattore che contribuisce ai problemi di salute mentale nel diabete di tipo 1.

Tuttavia, poiché questo è solo uno studio osservazionale, non possono dire in modo definitivo cosa causi le associazioni.

“Sono necessari ulteriori studi per comprendere appieno i contributi genetici e ambientali sottostanti che guidano i disturbi psichiatrici nel diabete di tipo 1”, afferma Shengxin Liu, Ph.D. studente al Karolinska Institutet e autore corrispondente dello studio.


Articolo precedenteLo stato di San Francisco, New York, dichiara emergenze sanitarie pubbliche da vaiolo delle scimmie
Articolo successivoNIH aggiorna il piano di ricerca strategica sull’epatite B