Home Notizie recenti Depressione perinatale: il nostro studio mostra quanto sia comune per entrambi i...

Depressione perinatale: il nostro studio mostra quanto sia comune per entrambi i genitori sperimentarla

14
0

Entrambi i genitori possono lottare con la depressione dopo la nascita del loro bambino. Credito: Antonio Guillem/Shutterstock

Molti neogenitori hanno problemi di salute mentale. La ricerca suggerisce che fino a un quarto delle neomamme e un padre su dieci soffrono di depressione dopo la nascita del loro bambino. Sebbene negli ultimi anni ci sia stata una maggiore consapevolezza e dialogo sulle lotte per la salute mentale di madri e padri, non sappiamo molto dell’esperienza dei neogenitori come unità.

Questo è qualcosa che la nostra recensione ha cercato di scoprire. Abbiamo scoperto che in una coppia su 30, entrambi i genitori possono soffrire di depressione dopo la nascita del figlio. Abbiamo anche rivelato che la depressione nelle coppie persiste, e potrebbe anche diventare più comune, durante il primo anno dopo aver avuto un figlio.

Per condurre la nostra revisione, abbiamo esaminato 23 studi in totale, con dati di quasi 30.000 coppie in 15 paesi diversi. Abbiamo incluso in particolare studi che riportavano tassi di prevalenza della depressione in entrambi i genitori durante la gravidanza e il primo anno dopo il parto (noto come periodo perinatale). Non c’erano dati sufficienti per riportare l’ansia per includerlo nella nostra recensione.

Abbiamo quindi raggruppato gli studi in base al fatto che abbiano esaminato la depressione durante la gravidanza, il primo periodo postnatale (fino a tre mesi dopo il parto) o nel tardo periodo postnatale (tra tre e 12 mesi dopo il parto).

Combinando i tassi di prevalenza di ciascuno degli studi, siamo stati in grado di stimare che da una a due coppie su 100 soffrono di depressione durante la gravidanza. Circa una gestante su dieci soffre di depressione e l’evidenza suggerisce che quando le madri sono depresse durante la gravidanza, c’è una maggiore possibilità che anche i padri siano depressi.

Abbiamo scoperto che la prevalenza della depressione nel primo periodo postnatale per entrambi i genitori era di poco superiore a una coppia su 50. È interessante notare che il tasso di depressione postnatale tardiva in entrambi i genitori era più alto, circa una coppia su 30. Sebbene questa differenza possa essere solo una coincidenza, sembra che il successivo periodo postnatale (da tre a 12 mesi dopo il parto) potrebbe essere un momento critico per i nuovi genitori e che è importante assicurarsi che i genitori siano consapevoli che è normale sperimentare la depressione postnatale anche fino al primo anno dopo aver avuto un bambino.

Il nostro studio ha anche esaminato alcuni dei fattori comuni associati alla depressione nelle coppie prima e dopo la nascita del figlio. Alcuni di questi fattori includevano una bassa soddisfazione relazionale, frequenti litigi e scarso supporto sociale. Le lotte finanziarie, la disoccupazione e il lavoro prolungato dei padri erano tipicamente legati alla depressione nel periodo perinatale.

Questa ricerca non solo mette in evidenza quante persone possono soffrire di depressione prima e dopo la nascita del proprio figlio, ma ci mostra anche che la salute mentale di un genitore può essere influenzata da quella del proprio partner. Anche sapere quali fattori di rischio possono aumentare le probabilità che un genitore soffra di depressione perinatale è importante, soprattutto per gli operatori sanitari e i familiari quando si tratta di fornire supporto.

Lotte per la salute mentale

Sappiamo da altre ricerche quanto grande possa avere l’impatto della depressione di una madre, non solo sulla propria salute e benessere, ma anche sulla salute del loro bambino. Mentre una sana relazione padre-figlio può respingere alcuni di questi impatti negativi, al momento non ci sono ricerche che abbiano esaminato quale impatto potrebbe esserci sul bambino quando entrambi i genitori sono depressi. Il nostro studio ha anche mostrato che quando entrambi i genitori sono depressi, c’è una maggiore possibilità di problemi di relazione e separazione.

La visita postpartum può essere un’opportunità chiave per i neogenitori di fare il check-in con il proprio medico di famiglia, che può sottoporli a screening per eventuali problemi di salute mentale. Il tuo medico di famiglia può offrire supporto, fornire risorse chiave e assicurarsi di avere il giusto tipo di trattamento se stai lottando con la tua salute mentale. Ci sono prove che la terapia familiare può anche aiutare a prevenire e curare la depressione perinatale, e questo dovrebbe essere considerato quando entrambi i genitori sono in difficoltà.

Ma una ricerca condotta nel Regno Unito mostra che quasi quattro neomamme su dieci non ricevono una visita dopo il parto. Inoltre, i nuovi padri non sono regolarmente inclusi nelle cure durante e dopo la gravidanza, lasciandoli esclusi e isolati. Ci auguriamo che questa ricerca rafforzi l’importanza della visita postpartum per le neomamme per entrare in contatto con il proprio medico di famiglia, ma anche come opportunità per controllare la salute mentale dei padri.

La nostra ricerca mostra che la depressione perinatale è comune sia per le madri che per i padri, quindi se stai lottando, sappi solo che non sei solo nella tua esperienza e ci sono molti genitori là fuori che sono stati nella tua posizione prima e hanno sentito il stesso. Parla con il tuo medico di famiglia, amici fidati o familiari e sappi che l’aiuto è disponibile.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.La conversazione

Articolo precedenteModellazione esattamente dove le risorse energetiche distribuite forniscono il massimo valore alla rete
Articolo successivoCo-incarnazione virtuale di un corpo articolare con gli arti sinistro e destro controllati da due persone