Home Notizie recenti Dati sui prezzi dell’assicurazione sanitaria: è là fuori, ma non è per...

Dati sui prezzi dell’assicurazione sanitaria: è là fuori, ma non è per i deboli di cuore

5
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Gli esperti di dati con potenti computer sono felicissimi. Consumatori ordinari, non tanto.

Questa è la reazione di circa tre settimane in un dump di dati di proporzioni enormi. Gli assicuratori sanitari pubblicano le loro tariffe negoziate per quasi tutti i tipi di servizi medici che coprono in tutti i fornitori.

Ma così tanti dati stanno fluendo dagli assicuratori – decine di migliaia di enormi file digitali da un singolo assicuratore non sono insoliti – che potrebbero passare ancora settimane prima che le società di dati li inseriscano in moduli utilizzabili per gli obiettivi previsti: datori di lavoro, ricercatori e persino pazienti.

“Ci sono dati là fuori; semplicemente non sono accessibili ai comuni mortali”, ha affermato Sabrina Corlette, ricercatrice presso il Center on Health Insurance Reforms della Georgetown University.

Gli assicuratori stanno rispettando le regole federali volte alla trasparenza dei prezzi che sono entrate in vigore il 1° luglio, hanno affermato lei e altri. Realisticamente, tuttavia, l’utilizzo dei dati da parte dei consumatori potrebbe dover attendere fino a quando le aziende private non li sintetizzano, oppure ulteriori requisiti federali inizieranno a entrare in vigore il prossimo anno volti a rendere più facile per i consumatori utilizzare le informazioni sui prezzi per acquistare cure mediche programmate.

Allora perché pubblicare i prezzi? La teoria è che rendere pubblica questa serie di prezzi, che probabilmente varieranno ampiamente per la stessa assistenza, aiuterà a moderare i costi futuri attraverso la concorrenza o il miglioramento delle negoziazioni sui prezzi, sebbene nulla di tutto ciò sia una garanzia.

Gli ospedali dell’anno scorso sono stati soggetti a una direttiva simile, che deriva dall’Affordable Care Act, per pubblicare ciò che hanno accettato di accettare dagli assicuratori e gli importi addebitati ai pazienti che pagano in contanti. Eppure molti hanno trascinato i piedi, dicendo che la regola è costosa e richiede tempo. La loro associazione di categoria, l’American Hospital Association, ha citato in giudizio senza successo per fermarla. Molti ospedali non hanno mai rispettato e l’applicazione del governo federale si è dimostrata lassista.

Mentre le autorità di regolamentazione del governo hanno inviato più di 350 lettere di avvertimento agli ospedali e hanno aumentato le potenziali sanzioni civili da $ 300 al giorno a un massimo di $ 5.500, finora solo due ospedali sono stati multati.

Il requisito per gli assicuratori è più ampio di quello degli ospedali, sebbene non includa i prezzi in contanti. Include tariffe negoziate pagate non solo agli ospedali, ma anche ai centri chirurgici, ai servizi di imaging, ai laboratori e persino ai medici. Sono inclusi anche gli importi fatturati e pagati per l’assistenza “fuori rete”.

Le sanzioni pecuniarie per la mancata pubblicazione possono essere superiori a quelle inflitte dagli ospedali: $ 100 al giorno per violazione, per iscritto interessato, che si sommano rapidamente per assicuratori di medie o grandi dimensioni o datori di lavoro autoassicurati.

“Stiamo assistendo a tassi di conformità elevati a causa delle sanzioni elevate”, ha affermato Jeff Leibach, partner della società di consulenza Guidehouse.

I dati vengono pubblicati su siti Web pubblici, ma può essere difficile accedervi, principalmente a causa delle dimensioni, ma anche perché ogni assicuratore si avvicina in modo diverso. Alcuni, come Cigna, richiedono agli aspiranti visualizzatori di tagliare e incollare un URL molto lungo in un browser per accedere a un sommario dei file dei prezzi. Altri, tra cui UnitedHealthcare, hanno creato siti Web che elencano direttamente un sommario.

Tuttavia, anche i sommari sono enormi. La pagina Web di UnitedHealthcare avverte che potrebbero essere necessari “fino a 5 minuti” per il caricamento della pagina. Quando lo fa, ci sono più di 45.000 voci, ciascuna elencata in base all’anno e al nome del piano o del datore di lavoro per le politiche basate sul lavoro.

Per i consumatori, l’accesso a un singolo piano sarebbe una sfida. Al momento, è difficile anche per i datori di lavoro, che vogliono utilizzare le informazioni per determinare quanto bene negoziano i loro assicuratori rispetto ad altri.

I datori di lavoro “hanno davvero bisogno di qualcuno che scarichi e importi i dati”, che è in un formato che può essere letto dai computer ma non è facilmente ricercabile, ha affermato Randa Deaton, vicepresidente del coinvolgimento degli acquirenti presso il Purchaser Business Group on Health, che rappresenta grandi datori di lavoro.

Dopo una sbirciatina iniziale, ha visto un’ampia variazione dei costi.

“In un piano, ho potuto vedere tariffe negoziate che variavano da $ 10.000 a $ 1 milione per lo stesso servizio”, ha affermato Deaton.

Ma il quadro più ampio non sarà chiaro fino a quando non verranno ripuliti più dati: “La domanda è qual è la storia che questi dati ci racconteranno?” lei disse. “Non credo che abbiamo ancora la risposta.”

I responsabili delle politiche del Congresso e dell’amministrazione si aspettavano che i dati degli assicuratori sarebbero stati schiaccianti e che le aziende private e i ricercatori sarebbero intervenuti per eseguire l’analisi approfondita e la produzione dei dati.

Una di queste aziende è Turquoise Health, che è stata “estasiata dalla quantità di dati”, ha affermato Marcus Dorstel, vicepresidente delle operazioni.

La società, una delle tante che mirano a commercializzare i dati, a metà luglio aveva scaricato più di 700.000 file univoci, ovvero circa mezzo petabyte. Per contesto, 1 petabyte equivale a 500 miliardi di pagine di testo digitato standard. La sua aspettativa, ha aggiunto Dorstel, è che il download totale finirà nell’intervallo da 1 a 3 petabyte.

Turquoise spera di condividere presto i dati organizzati con i suoi clienti paganti e di offrirli gratuitamente ai normali consumatori qualche tempo dopo sul suo sito Web, che elenca già i prezzi ospedalieri disponibili.

Cosa è possibile in questo momento?

Diciamo che i pazienti sanno di aver bisogno di un test o di una procedura specifica. Possono guardare online i dati degli assicuratori per scegliere un sito di trattamento che sarà il più conveniente, il che potrebbe essere utile per coloro che devono ancora soddisfare la franchigia annuale e sono alle prese per alcuni o tutti i costi?

“Forse un individuo con un laptop potrebbe esaminare uno dei file per un piano”, ha affermato Dorstel, ma i consumatori avrebbero difficoltà a confrontare tra gli assicuratori, o anche tra tutti i piani offerti da un singolo assicuratore.

Si consideri, ad esempio, cosa serve per cercare di trovare il prezzo negoziato di un particolare tipo di scansione cerebrale, una risonanza magnetica, da un assicuratore specifico.

Il primo ostacolo: individuare il file giusto. Potrebbero apparire “trasparenza nella copertura” di Google o “file leggibili dalla macchina” con il nome e i risultati di un assicuratore. Anche i datori di lavoro autoassicurati dovrebbero pubblicare i dati.

Passaggio successivo: trova il piano esatto, spesso da un sommario che può includere decine di migliaia di nomi perché le compagnie assicurative offrono così tanti tipi di prodotti di copertura o hanno molti clienti datori di lavoro che devono essere elencati.

Il prossimo passo è scaricare e decifrare il groviglio di codici per individuarne uno che descriva un servizio specifico. Aiuta avere il codice di servizio, qualcosa che un paziente potrebbe non sapere.

A partire dal 1 gennaio entrerà in vigore un’altra regola che potrebbe fornire un po’ di sollievo ai consumatori.

Coinvolge le app e altri strumenti che alcuni assicuratori forniscono già agli assicurati in modo che possano stimare i costi quando si preparano per una visita, un test o una procedura.

La nuova regola rafforza le informazioni disponibili e richiede agli assicuratori che non offrono tali strumenti di averli pronti entro il 1 gennaio. Gli assicuratori devono rendere disponibile online o su carta, se richiesto, il costo del paziente per un elenco di 500 enti governativi. “servizi acquistabili” comuni e selezionati, tra cui protesi di ginocchio, mammografie, una serie di tipi di raggi X e, sì, risonanza magnetica.

L’anno successivo, il 2024, gli assicuratori devono fornire ai consumatori l’importo della condivisione dei costi per tutti i servizi, non solo per i 500 iniziali.

Un altro livello normativo deriva dal No Surprises Act, entrato in vigore quest’anno. Il suo obiettivo generale è ridurre il numero di pazienti assicurati che ricevono fatture per l’assistenza superiori al previsto da fornitori fuori rete. Parte della legge richiede ai fornitori, inclusi gli ospedali, di fornire una “stima in buona fede” anticipata per le cure non di emergenza quando richiesto. In questo momento, quella parte della legge si applica solo ai pazienti che non sono assicurati o che usano denaro contante per pagare le loro cure, e non è chiaro quando entrerà in vigore per i pazienti assicurati che usufruiranno dei benefici della copertura.

In tal caso, agli assicuratori sarà richiesto di fornire agli assicurati informazioni sui costi prima che ricevano assistenza in un formato descritto come una spiegazione anticipata dei benefici o EOB. Comprenderebbe quanto addebiterà il fornitore, quanto pagherà l’assicuratore e quanto dovrà il paziente, inclusa qualsiasi franchigia in sospeso.

In teoria, ciò significa che potrebbero esserci sia un EOB anticipato che uno strumento di confronto dei prezzi, che un consumatore potrebbe utilizzare prima di decidere dove o da chi ottenere un servizio, ha affermato Corlette a Georgetown.

Tuttavia, ha detto Corlette, rimane scettica, date tutte le complessità, sul fatto che “questi strumenti saranno disponibili in un formato utilizzabile, nella vita reale, per persone reali ovunque vicino alla linea temporale prevista”.


Notizie sulla salute del Kaiser 2022.
Distribuito da Tribune Content Agency, LLC.

Articolo precedenteChirurgia laparoscopica non inferiore per cancro gastrico a cinque anni
Articolo successivoIl nuovo processo di stampa 3D è più veloce e preciso dei metodi convenzionali