Home Notizie recenti Cosa dice la scienza sui modi migliori per rinfrescarsi

Cosa dice la scienza sui modi migliori per rinfrescarsi

22
0

Le ondate di caldo possono lasciarti disperato per rinfrescarti. Credito: Shutterstock

Passiamo la maggior parte dell’anno a lamentarci del fatto che la Gran Bretagna è troppo fredda e bagnata, ma si lamenta con altrettanto entusiasmo per il caldo.

Anche se lamentarsi del tempo è soddisfacente, è meglio agire e rinfrescarsi.

È necessario prestare particolare attenzione nel Regno Unito quando le temperature raggiungono i 24 ℃ poiché è qui che le malattie da caldo e i decessi iniziano ad aumentare.

Essere troppo sexy ti fa stare male e può persino ucciderti. Alcune persone sono più vulnerabili al calore. Le persone di età superiore ai 65 anni, di età inferiore ai cinque anni, le donne in gravidanza, le persone con problemi di salute (come malattie cardiache e condizioni di salute mentale) e coloro che lavorano all’aperto hanno bisogno di una protezione aggiuntiva quando fa caldo. Puoi aumentare la tua tolleranza al calore se ti acclimati lentamente nel tempo.

Stai calmo

La ricerca mostra che mettere i piedi in acqua fredda è un buon modo per ridurre la temperatura corporea interna e mantenere gli organi in funzione. Aiuterà anche a ridurre il gonfiore alle caviglie e ai piedi.

Tuttavia, fare una doccia o un bagno tiepido ti raffredderà più velocemente ed è il modo più efficace per rinfrescarti. Non essere tentato di immergerti in acqua gelata perché lo shock da freddo può essere pericoloso. In condizioni di siccità, conserva l’acqua e concentrati sul raffreddamento dei piedi, delle mani o del collo e del viso.

La brezza rinfrescante di un ventilatore contro la pelle potrebbe farti sentire bene, ma non sempre ti rinfresca. I fan possono effettivamente farti sentire peggio, specialmente in condizioni di caldo secco, accelerando la disidratazione e le malattie da calore. La guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è che l’utilizzo di una ventola al di sopra a temperature superiori a 35°C non ridurrà le possibilità di esaurimento da calore e colpo di calore.

È importante rimanere idratati e reintegrare i minerali che perdiamo quando sudiamo. In media in condizioni molto calde (30 anni) sudiamo 3-4 litri all’ora e fino a 10 litri al giorno, gli stessi di 40 tazze di tè. Per un breve lasso di tempo, le bevande calde aumentano la temperatura corporea interna. Ma induce la sudorazione, che poi abbassa la temperatura. Anche le bevande fredde e ghiacciate ti rinfrescano. Si pensa che le bevande calde possano essere leggermente più efficaci di quelle fredde. Qualunque sia la temperatura, bevi molti liquidi.

Un altro modo per combattere il caldo è il nuoto selvaggio. Ma attenzione allo shock da freddo. Immergi lentamente il tuo corpo nell’acqua, comprendi i limiti della tua capacità di nuotare e le regole su dove è sicuro nuotare, perché molte persone annegano quando fa caldo.

Progettazione urbana

Quelle notti afose e insonni in un’ondata di caldo possono farti chiedere se è il momento di razziare i risparmi e installare l’aria condizionata. Il caldo può essere particolarmente forte nelle città, che creano isole di calore urbane (un’area metropolitana molto più calda degli spazi rurali circostanti). Ma c’è una soluzione che è più delicata sulla bolletta energetica.

Le pareti e i tetti verdi non solo hanno un bell’aspetto, ma possono raffreddare gli edifici sottostanti fino a 12℃, mentre le pareti verdi possono essere fino a 32℃ più fresche delle pareti convenzionali e risparmiare il 59% dei costi energetici oltre a fornire isolamento acustico.

Sono sbocciati nei distretti londinesi, dove sono stati inseriti nella politica di pianificazione locale dal 2008. Raffreddano edifici con tetto piatto in estate e li isolano in inverno, riducono il rischio di inondazioni assorbendo l’acqua piovana, filtrano l’inquinamento atmosferico e forniscono rifugio per fauna selvatica rara e minacciata, che può lottare anche con il caldo.

Animali e caldo

Lasciare piatti d’acqua dolce nel tuo giardino o balcone può fare la differenza per gli animali selvatici. Uccelli e ricci apprezzeranno il cibo che offri loro in qualsiasi periodo dell’anno, ma durante l’estate il terreno può indurirsi, rendendo più difficile il foraggiamento. Anche le piante soffrono il caldo. Puoi aiutare imparando quando è il momento migliore per annaffiarli.

E fai attenzione agli animali domestici. Non lasciarli (o persone) in auto. È meglio portare a spasso gli animali al mattino o alla sera quando la pavimentazione e la superficie del suolo sono più fresche.

Il cambiamento climatico sta guidando un aumento delle ondate di caldo. Uno studio ha mostrato che è probabile che una persona nata nel 1960 sperimenti in media circa quattro ondate di caldo, mentre è probabile che una persona nata nel 2020 sperimenti 30 ondate di caldo con un riscaldamento di 1,5°C. Abbiamo una probabilità del 50% di raggiungere questo livello nei prossimi dieci anni.

Quindi proteggersi dal calore può sembrare buon senso, ma potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.La conversazione

Articolo precedenteI ricercatori valutano il rischio di trasmissione del vaiolo delle scimmie in seguito all’esposizione in strutture sanitarie
Articolo successivoI livelli di glutammato cingolato anteriore si associano alla connettività funzionale durante l’integrazione sensoriale nella schizofrenia