Home Notizie recenti Conoscenza limitata dell’inglese legata a un peggiore accesso all’assistenza sanitaria

Conoscenza limitata dell’inglese legata a un peggiore accesso all’assistenza sanitaria

14
0

Negli adulti, la conoscenza limitata della lingua inglese (LEP) è associata a un peggiore accesso alle cure, secondo uno studio pubblicato online il 26 luglio nel Giornale di medicina interna generale.

Natalia Ramirez, MPH, dell’American Cancer Society di Atlanta, e colleghi hanno esaminato le associazioni tra LEP e accesso alle cure negli adulti. L’analisi ha incluso partecipanti adulti all’indagine del panel sulla spesa medica (dal 2014 al 2018) con (18.908 individui) e senza (98.060 individui) LEP.

I ricercatori hanno scoperto che gli adulti con LEP di età inferiore ai 65 anni avevano una probabilità significativamente maggiore di non avere una normale fonte di assistenza (odds ratio aggiustati [aOR], 2.48); non aver visitato un medico (aOR, 2.02); ed essere in ritardo per la ricezione di servizi di prevenzione, tra cui un controllo della pressione sanguigna (aOR, 2,00), controllo del colesterolo (aOR, 1,22) e screening del cancro del colon-retto (aOR, 1,58), rispetto agli adulti senza LEP. Risultati simili sono stati osservati per gli adulti di età pari o superiore a 65 anni.

Vedi anche:  Aumento dei casi di COVID nel Regno Unito seguiti da vicino dai funzionari sanitari statunitensi

“Gli interventi a livello di sistema, come l’ampliamento dell’accesso alla copertura assicurativa sanitaria, la fornitura di servizi linguistici, il miglioramento della formazione dei fornitori nelle competenze culturali e l’aumento della diversità nella forza lavoro medica possono ridurre al minimo le barriere e migliorare l’equità nell’accesso alle cure”, scrivono gli autori.


Copyright © 2022 Giornata della Salute. Tutti i diritti riservati.

Articolo precedenteAvere bambini in giro potrebbe proteggerti dal COVID grave: studio
Articolo successivoLo studio mostra che meno persone hanno cercato di smettere di fumare durante la pandemia di COVID-19