Home Notizie recenti Come smettere di fumare online

Come smettere di fumare online

105
0

Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico

Esistono numerose reti di supporto online rivolte a coloro che hanno problemi che desiderano risolvere. Uno di questi problemi è la necessità di fumare abbastanza. Ricerca pubblicata nel Giornale internazionale di telemedicina e pratiche cliniche, ha esaminato l’utilità delle comunità sanitarie online in questo sforzo. Lo studio ha rilevato che se c’è un alto livello di utilità percepita, gli utenti saranno più inclini a sostenersi a vicenda nei loro sforzi per rinunciare alla loro abitudine.

Chenglong Li dell’Università di Turku a Turku, in Finlandia, ha esaminato l’utilità percepita e come ciò influisca sulla soddisfazione della comunità online e quindi sulla condivisione delle conoscenze e sul comportamento di raccomandazione degli utenti. Considerato quanto sia onnipresente Internet ora, tali comunità online potrebbero avere un grande potenziale in materia di salute e altri interventi. Ricerche precedenti avevano suggerito che il successo di tali comunità dipendeva dal fatto che gli individui fossero rimasti o meno con il programma, per così dire, dopo aver smesso di fumare ma aver lasciato la comunità.

Li usa la teoria del capitale sociale per esaminare ulteriormente questa nozione. Scopre che il successo nella comunità influenza la condivisione delle conoscenze di un utente e la sua raccomandazione della comunità ad altri dopo che loro stessi si sono licenziati, il che influisce sul successo generale della comunità nell’aiutare tutti con il proprio obiettivo.

Aggiunge che il fornitore di servizi che mette a disposizione la comunità online ha un ruolo positivo da svolgere. I fornitori dovrebbero incoraggiare gli utenti a partecipare spesso ad attività online. Ciò dovrebbe facilitare lo sviluppo di un linguaggio e di un impegno condivisi, suggerisce. Inoltre, i fornitori potrebbero definire più chiaramente le missioni e gli obiettivi per rafforzare la visione comune tra gli utenti. Tali azioni aumenterebbero l’utilità percepita della comunità, aiuterebbero gli utenti nella loro lotta contro la dipendenza e incoraggerebbero la diffusione della comunità ad altri fumatori.

In definitiva, l’obiettivo è una diffusa cessazione del fumo e tali comunità diventerebbero a quel punto ridondanti. Tuttavia, come sappiamo, la dipendenza dal fumo è una forza potente ed è probabile che i fumatori che sperano di smettere rimarranno in circolazione per molti anni a venire e quindi tali comunità avranno un ruolo da svolgere nel prossimo futuro.


Articolo precedenteMigliorare la cura dell’ictus: cosa dicono i sopravvissuti
Articolo successivoConosci il tuo rischio di cancro ereditario