Chi sono i più intelligenti, gli scienziati missilistici o i chirurghi del cervello?

Credito: Gorodenkoff, Shutterstock

Usiamo “non è scienza missilistica” e “non è chirurgia cerebrale” quasi in modo intercambiabile per dire che non pensiamo che qualcosa sia molto difficile da fare o da capire. Quale frase è più meritevole? E, cosa più importante, gli scienziati missilistici oi neurochirurghi dovrebbero essere incoronati vincitori dell’ingegno?

Un gruppo di ricerca guidato dalla neuroscienziata dell’University College di Londra, la dott.ssa Inga Usher, ha cercato di fornire le risposte. Risultati pubblicati in BMJ sono in realtà molto incoraggianti per il resto di noi, ma ne parleremo più avanti. “Lo scopo principale del nostro studio era risolvere questo dibattito una volta per tutte e fornire agli scienziati missilistici e ai neurochirurghi prove a sostegno della loro sicurezza in se stessi in compagnia dell’altra parte”, hanno scritto gli autori.

Chi ha il vantaggio intellettuale?

I ricercatori hanno effettuato test di intelligenza online coinvolgendo 329 ingegneri aerospaziali e 72 neurochirurghi. Hanno confrontato e analizzato le capacità degli intervistati nella risoluzione dei problemi, tra cui pianificazione e ragionamento, memoria di lavoro, attenzione e capacità di elaborazione delle emozioni.

Il team di ricercatori ha scoperto che i chirurghi del cervello e gli scienziati missilistici erano quasi uguali. Tuttavia, differivano in due aree. Gli ingegneri aerospaziali hanno mostrato migliori capacità di attenzione e capacità di manipolazione mentale come la rotazione di immagini di oggetti nella propria testa, mentre i neurochirurghi erano più bravi nella risoluzione di problemi semantici, come la definizione di parole rare.

Questi due non sono così intelligenti come pensiamo. I risultati di 18 257 membri del pubblico in generale hanno rivelato che c’erano poche differenze quando si confrontavano ingegneri aerospaziali e neurochirurghi con questo gruppo. “Rispetto alla popolazione generale, gli ingegneri aerospaziali non hanno mostrato differenze significative in nessun campo”, hanno affermato gli autori. “I neurochirurghi sono stati in grado di risolvere i problemi più velocemente della popolazione generale, ma hanno mostrato una velocità di richiamo della memoria più lenta”.

“Non è scienza missilistica” e “non è chirurgia cerebrale” contengono verità?

Perché di solito parliamo di neurochirurghi e scienziati missilistici quando ci riferiamo ai livelli di intelligenza? Secondo lo studio, “non è scienza missilistica” probabilmente ebbe origine negli anni ’50, quando gli scienziati missilistici tedeschi furono portati negli Stati Uniti per supportare il programma spaziale emergente e la progettazione di razzi militari. L’origine di “non è un intervento chirurgico al cervello” non è così chiara.

Quindi, quale frase dovremmo usare d’ora in poi? Gli scienziati hanno suggerito di smettere di dire “non è scienza missilistica” per significare che qualcosa non è particolarmente difficile. “In situazioni che non richiedono una rapida risoluzione dei problemi, potrebbe essere più corretto usare la frase “Non è un intervento chirurgico al cervello”.”

Avremmo potuto dare troppo credito ai chirurghi del cervello e agli scienziati missilistici per tutto questo tempo? “È possibile che sia i neurochirurghi che gli ingegneri aerospaziali siano inutilmente messi su un piedistallo e ‘È una passeggiata nel parco’ o un’altra frase non correlata a una carriera potrebbe essere più appropriata”, hanno concluso gli autori, dicendo anche che “altre professioni potrebbero meritare essere su quel piedistallo, e il lavoro futuro dovrebbe mirare a determinare il gruppo più meritevole”.

“Essenzialmente quello che pensiamo dimostri è che ognuno ha una gamma di abilità, alcune persone sono migliori in alcune cose e altre persone sono migliori in altre cose, ed è molto difficile essere migliori in tutto su tutta la linea”, co-autore Aswin Chari ha detto Il guardiano.


Articolo precedenteIl nuovo trattamento porta a mangiare molto meno in eccesso
Articolo successivoI funzionari sanitari del Regno Unito si preparano all’ondata di omicron negli ospedali