A base vegetale non sempre significa sano

Alcuni alimenti a base vegetale sono ricchi di calorie e contenuto di sodio. Credito: Shutterstock

Mentre suona il nuovo anno e le persone annunciano i loro propositi e obiettivi per il 2022, molti scelgono di stare in salute, smettere di bere o iniziare un nuovo hobby. Le riviste e le organizzazioni vegane stanno spingendo le diete a base vegetale, definendole “il miglior proposito per il nuovo anno”.

Ma le carni vegetali sono spesso ricche di sodio, ultra lavorate e non più sane della carne che imitano. Nel frattempo, quasi la metà dei consumatori pensa di essere più nutriente. Quindi, se la tua risoluzione è legata alla salute, potresti voler riconsiderare il passaggio a una dieta a base vegetale.

The Impossible Burger, ad esempio, è un impressionante mix senza carne di soia, proteine ​​della patata, olio di cocco e di girasole. Sanguina persino come se fosse vero. Allo stesso tempo, il suo conteggio delle calorie e i livelli di grassi saturi rispecchiano un quarto di libbra di McDonald’s e ha sei volte più sodio.

Si prevede che il mercato globale della carne di origine vegetale esploderà fino a raggiungere gli 85 miliardi di dollari nel 2030. E i negozi di alimentari ne stanno prendendo atto, con una serie di hamburger, salsicce, crocchette, carne macinata e opzioni di pesce, il tutto senza alcuna traccia di prodotti animali.

Qual è il beneficio nutrizionale?

Secondo uno studio di quest’anno, il beneficio nutrizionale degli alimenti a base vegetale è minimo. I ricercatori del Singapore Institute for Food and Biotechnology Innovation hanno modellato il risultato della sostituzione di pancetta, pollo, hamburger di manzo e gelato con versioni senza animali.

Le diete che sostituivano i prodotti animali con l’alternativa a base vegetale erano al di sotto delle raccomandazioni quotidiane per vitamina B12, calcio, potassio, zinco e magnesio e più alte in sodio, zucchero e grassi saturi.

Anche con l’aggiunta di vitamine e minerali, questi prodotti non sono intercambiabili dal punto di vista nutrizionale, afferma Stephan van Vliet, associato post-dottorato presso il Duke Molecular Physiology Institute. “La carne prodotta dalle piante non è carne prodotta dalle mucche e la carne prodotta dalle mucche non è carne prodotta dalle piante”, dice.

Le fonti animali come carne, latte e uova sono proteine ​​complete, il che significa che contengono abbastanza dei nove amminoacidi essenziali che dobbiamo ottenere dalla nostra dieta ogni giorno. Gli alimenti a base vegetale come frutta, verdura, noci, semi e cereali spesso mancano di uno o più di questi amminoacidi e devono essere consumati in combinazione.

I produttori di carne di origine vegetale sostengono che i loro prodotti contengono quantità simili di proteine ​​di qualità paragonabile alle proteine ​​animali. Ma concentrarsi sulle proteine ​​è troppo “semplicistico”, afferma van Vliet. “Gli alimenti contengono da centinaia a migliaia di composti che sono in grado di influenzare il metabolismo e la salute umana”.

Van Vliet e colleghi hanno confrontato 190 molecole in alternative di carne a base vegetale con carne macinata nutrita con erba e hanno scoperto che il 90% di esse era diverso. Le alternative alla carne a base vegetale mancavano di alcuni amminoacidi e derivati, come creatina, taurina e anserina, “che possono avere un impatto sulla nostra salute e potenzialmente sulla funzione cerebrale, nonché sulla funzione muscolare”, afferma.

Altri metaboliti come polifenoli e antiossidanti sono stati trovati in quantità maggiori o esclusivamente nelle carni di origine vegetale. Vede gli alimenti di origine vegetale e animale come complementari nella nostra dieta, in cui alcuni nutrienti sono meglio ottenuti da fonti animali e altri da piante.

Il termine a base vegetale

“Le persone optano per un hamburger a base vegetale per una serie di motivi”, afferma Rosie Schwartz, dietista consulente con sede a Toronto, “compresa la riduzione dell’assunzione di carne”. Ma sostiene che i consumatori dovrebbero ripensare al loro ragionamento se è a causa della salute.

“Sostituire qualcosa a base vegetale come sostituto perché si chiama a base vegetale ci sta davvero guidando nella direzione sbagliata”, afferma Schwartz.

Secondo gli scienziati nutrizionisti e la Guida alimentare canadese, il modo in cui dovremmo mangiare è quello a base vegetale. Riempi metà del piatto con frutta e verdura e l’altra metà con cereali integrali e proteine.

Ma “a base vegetale” si riferisce anche a qualsiasi cosa, dalla carne alla pittura alle federe, purché siano fatti principalmente o completamente di piante, secondo il dizionario Merriam-Webster.

Solo perché è fatto di piante, non significa che sia sano. “Penso che sia molto confuso per il consumatore”, afferma van Vliet. “Probabilmente non è il pollo, ma tutto il resto che viene fornito con il bocconcino di pollo che è probabilmente dannoso per la nostra salute”.

Il futuro delle carni di origine vegetale

Fino a quel momento, le aziende di carne a base vegetale si sono concentrate sul gusto, la consistenza e l’aspetto dei suoi prodotti. Queste aziende hanno preso di mira i mangiatori di carne creando meraviglie a base vegetale pensate per apparire, gustare e sentirsi come la cosa reale.

Impossible Foods, il creatore di Impossible Burger, afferma che il 90% dei suoi clienti sono ancora mangiatori di carne. Non si tratta di convertire gli amanti delle verdure che mangiano insalata e tempeh in finti consumatori di carne.

“L’intera missione di Impossible Foods è creare prodotti a base vegetale che competano direttamente con la carne animale”, ha affermato Esther Cohn, responsabile delle comunicazioni di Impossible Foods. “Se mangi cinque hamburger di manzo a settimana, vogliamo che tu li scambi, anche solo provi a scambiarne uno con un hamburger impossibile”.

Con un mercato in forte espansione e nuove proteine ​​animali prodotte da cellule in un laboratorio o funghi in serbatoi di fermentazione, le opzioni sono infinite. Possono essere adattati anche per essere più sani? Dovremo aspettare e vedere.


Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con una licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.La conversazione

Articolo precedenteIn che modo il COVID-19 ha trasformato la genomica e ha cambiato per sempre la gestione dei focolai di malattie
Articolo successivoI test COVID-19 a domicilio possono rilevare l’omicron?