I principali gruppi commerciali delle telecomunicazioni e dell’aviazione hanno concordato di condividere i dati nel tentativo di risolvere una situazione di stallo tesa su un nuovo servizio 5G che minaccia di interrompere i voli.

I gruppi hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta mercoledì che avrebbero scambiato “i dati disponibili da tutte le parti per identificare le aree specifiche di preoccupazione per l’aviazione”. La dichiarazione è stata rilasciata da CTIA, che rappresenta l’industria cellulare, Aerospace Industries Association e Airlines for America.

“La nostra convinzione è che lavorando in modo collaborativo in buona fede su una soluzione basata sui dati, possiamo raggiungere il nostro obiettivo comune di implementare il 5G preservando la sicurezza aerea”, hanno affermato i gruppi del settore nel comunicato via email. Sebbene non vi fosse alcuna promessa che le due parti avessero raggiunto un compromesso, l’annuncio segna un netto contrasto con settimane di dichiarazioni controverse da entrambe le parti. Consentirà ai produttori di aviazione di testare dozzine di dispositivi aeronautici in condizioni reali, ha affermato la Federal Aviation Administration in una dichiarazione separata.

Le compagnie aeree e altri gruppi dell’industria aeronautica hanno avvertito che potrebbero esserci significative interruzioni dei voli se le onde radio 5G fossero espanse come previsto il 5 gennaio. Dicono che i nuovi segnali 5G potrebbero interferire con le apparecchiature degli aeromobili, mentre AT&T e Verizon Communications, che hanno acquistato i diritti sulle nuove frequenze 5G — insistono sul fatto che non ci sono rischi.

Articolo precedentePandemia di Covid-19: dati, vax news segnano piccole vittorie nella battaglia di Omicron
Articolo successivoApproccio al modello stabilizzato materiale “ideale” per celle solari alternative