Home Economia S&P declassa le prospettive sui rating a lungo termine del Pakistan a...

S&P declassa le prospettive sui rating a lungo termine del Pakistan a “negativo”

52
0

L’agenzia di rating Standard and Poor’s (S&P) ha rivisto l’outlook sui rating a lungo termine del Pakistan da “Stabile” a “Negativo” sul crescente rischio per la liquidità del governo rappresentato da un difficile scenario esterno.

Tuttavia, ha affermato i nostri rating di credito sovrano “B-” a lungo termine e “B” a breve termine sul Pakistan, nonché il rating di emissione a lungo termine “B-” sulle note senior non garantite del Pakistan e sui certificati fiduciari sukuk.

La posizione sull’estero del Pakistan si sta indebolendo a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime, del deprezzamento della rupia e delle condizioni finanziarie globali più rigide. È probabile che le risorse esterne rimarranno sotto pressione anche dopo i previsti esborsi da parte del FMI nell’ambito del ripristino del programma Extended Fund Facility (EFF), ha affermato l’agenzia di rating in una nota.

Vedi anche:  Un microscopio cerebrale in miniatura open source

La performance fiscale del governo dovrà affrontare crescenti pressioni dovute all’aumento dei costi dei servizi di interesse, sebbene iniziative chiave di riforma potrebbero aiutare ad affrontare le debolezze nel tempo.

Le prospettive negative riflettono i crescenti rischi per la posizione di liquidità esterna del Pakistan nei prossimi 12 mesi in un contesto economico sempre più difficile.

Riferendosi al profilo istituzionale ed economico del Pakistan, S&P ha affermato che le prospettive di riforma a breve termine dipendono dalla stabilità politica e dalle condizioni macroeconomiche.

Il rallentamento economico globale pone nuovi rischi per la ripresa post-pandemia del Pakistan.

“Ci aspettiamo che il Pakistan raggiunga una crescita moderata nei prossimi anni, ma è probabile che condizioni monetarie interne più rigide e un’inflazione elevata peseranno sull’attività”, ha aggiunto l’agenzia di rating.

Vedi anche:  L'euro si allenta dopo la riunione della BCE, mentre il dollaro sale dopo i dati sull'inflazione

Il governo pakistano ha indicato una maggiore disponibilità ad attuare difficili riforme fiscali, ma queste politiche saranno sfidate dall’inflazione e dal rischio politico nei prossimi 12 mesi.

L’economia del Pakistan continua a riprendersi da un rallentamento causato dalla pandemia. La domanda interna continua a riprendersi. Ma ora sta affrontando una nuova sfida sotto forma di aumento dei prezzi, in particolare per i beni di prima necessità. È probabile che la dinamica dei prezzi prevalente, inclusi oli commestibili, carburante, elettricità e cereali più costosi, danneggerà il ritmo di crescita dei consumi privati ​​nell’anno fiscale in corso che termina a giugno 2023, ha affermato.

Il Pakistan ha compiuto progressi nell’attuazione delle riforme economiche e fiscali nell’ambito del suo meccanismo di finanziamento esteso (EFF) con il Fondo monetario internazionale (FMI).

Articolo precedenteCome aiutare i robot della catena di montaggio a cambiare marcia e a raccogliere quasi tutto
Articolo successivoLo studio esamina la qualità della vita degli anziani prima e dopo l’inizio della dialisi