Home Economia SBI chiede agli esportatori di commerciare con il Bangladesh in rupie, taka:...

SBI chiede agli esportatori di commerciare con il Bangladesh in rupie, taka: Report

33
0

Di Nidhi Verma e Nupur Anand

New Delhi (Reuters) – La State Bank of India, il principale prestatore di credito, ha chiesto agli esportatori di evitare di concludere accordi con il Bangladesh in dollari e altre principali valute in quanto cerca di frenare l’esposizione alle riserve in calo di Dhaka, secondo un documento interno e una fonte.

L’economia del Bangladesh da 416 miliardi di dollari sta combattendo l’aumento dei prezzi dell’energia e del cibo mentre il conflitto Russia-Ucraina amplia il suo disavanzo delle partite correnti e la diminuzione delle valute estere lo costringe a rivolgersi a istituti di credito globali come il Fondo monetario internazionale (FMI).

“Il paese sta affrontando una carenza di valuta estera a causa dell’aumento delle fatture di importazione e della debolezza del taka del Bangladesh rispetto al dollaro negli ultimi tempi”, ha affermato la SBI in una lettera del 24 agosto inviata alle sue filiali e vista da Reuters.

La lettera e il suo contenuto non sono stati precedentemente riportati.

La SBI non ha risposto immediatamente a un’e-mail in cui si chiedeva un commento.

La decisione di non aumentare l’esposizione al dollaro e ad altre valute estere in relazione al Bangladesh è derivata dall’attuale situazione economica e dalla carenza di valuta estera della nazione vicina, ha affermato la banca nella sua circolare.

“Tuttavia, l’esposizione in rupia indiana (INR) e taka continuerà”, ha aggiunto.

Le riserve valutarie del Bangladesh sono scese a 37 miliardi di dollari entro venerdì dai 48 miliardi di dollari dell’anno precedente, secondo i dati della banca centrale, che fornisce una copertura delle importazioni di soli cinque mesi.

Funzionari del ministero delle Finanze hanno affermato che il Bangladesh sta cercando un prestito di 4,5 miliardi di dollari dall’FMI, in eccesso rispetto al suo diritto massimo di 1 miliardo di dollari nell’ambito dell’FMI Resilience and Sustainability Trust.

Vedi anche:  Progetti di elettronica di potenza e sistemi di macchine elettriche per rivoluzionare la mobilità dell'energia pulita

Una fonte che ha familiarità con la questione ha affermato che SBI non voleva aumentare la sua esposizione al Bangladesh.

“Abbiamo un’esposizione di circa 500 milioni di dollari in Bangladesh e abbiamo preso la decisione di non coltivarlo ulteriormente in modo aggressivo, e forse anche di ridurlo se necessario, con le notizie che circondano l’economia”, ha aggiunto la fonte, che ha parlato in condizione di anonimato .

Il Bangladesh è solo uno dei vicini dell’India in difficoltà finanziarie.

La nazione insulare dello Sri Lanka è alle prese con una crisi finanziaria poiché le sue riserve della banca centrale ammontano a soli 1,7 miliardi di dollari in un momento di inflazione galoppante e grave carenza di cibo e carburante che ha scatenato proteste e un cambio di governo.

E le riserve della banca centrale pakistana di 8,6 miliardi di dollari sono sufficienti per circa un mese di importazioni.

COMMERCIO IN VALUTA LOCALE

Il Bangladesh vuole ridurre la dipendenza dal dollaro, ha affermato la scorsa settimana il ministro del Commercio Tipu Munshi, e non vede problemi nel trattare con le valute locali.

Parlando a un evento a Dhaka, stava rispondendo a una domanda sulla crescente attenzione al commercio in valuta locale e ha aggiunto che il ministero delle finanze stava cercando modi per farlo.

Tuttavia, il direttore esecutivo della banca centrale del Bangladesh, Serajul Islam, ha detto a Reuters: “Non è stata ancora presa una decisione del genere”, in riferimento al commercio di valute locali con l’India.

La scorsa settimana, la banca centrale del Bangladesh ha liberato le banche per effettuare transazioni in yuan cinese, in modo da consentire il commercio con la Cina.

Il mese scorso, l’agenzia di rating Standard & Poors ha confermato il suo rating di outlook stabile per il Bangladesh, affermando che si aspettava che la sua posizione esterna si stabilisse entro un anno.

Vedi anche:  I profitti Toyota diminuiscono poiché la carenza di chip fa aspettare i clienti

Tuttavia, l’agenzia ha affermato che potrebbe abbassare i rating del Bangladesh se il debito estero netto o le metriche di finanziamento peggiorassero ulteriormente poiché i prezzi più elevati delle materie prime e le forti importazioni potrebbero aumentare l’indebolimento del taka e drenare le riserve di valuta estera.

“Nonostante la sua moderata posizione debitoria netta, l’onere degli interessi del governo del Bangladesh è considerevole”, ha aggiunto l’agenzia.

“Il suo debito denominato in valuta estera, sebbene preso in prestito prevalentemente da fonti multilaterali e bilaterali, è soggetto al rischio di cambio”.

Un esportatore tessile indiano, che ha chiesto di non essere identificato, ha affermato che le banche e gli importatori in Bangladesh non erano disposti a commerciare in rupie, tuttavia, e preferivano invece la valuta taka.

Inoltre, l’India non ha ancora chiarito se le esportazioni denominate in rupie riceveranno gli stessi benefici di quelle in dollari, ha affermato.

“La circolare di SBI è molto allarmante, in quanto hanno detto di non esporre le esportazioni del Bangladesh”, ha aggiunto l’esportatore.

“Il Bangladesh è un importante partner commerciale e se una banca di primo piano come SBI non prende esposizione, come crescerà il commercio? Andrà giù”.

Le esportazioni dell’India in Bangladesh sono aumentate del 17,5% a 4,94 miliardi di dollari nel periodo da aprile a luglio, o nei primi quattro mesi dell’anno fiscale fino al 31 marzo 2023, mentre le importazioni sono aumentate di circa l’11% a 580,7 milioni di dollari, secondo i dati del governo.

(Segnalazione di Nidhi Verma e Nupur Anand; Segnalazione aggiuntiva di Manoj Kumar e Rajendra Jadhav in India e Ruma Paul in Bangladesh; Montaggio di Clarence Fernandez)

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteEsplorare le cause della disfunzione cerebrale nei pazienti con malattia di Huntington
Articolo successivoCosa sapere sul nuovo booster COVID