L’entrata in vigore dell’accordo di partenariato economico regionale globale (RCEP) aprirà opportunità per catalizzare l’espansione del commercio regionale e degli investimenti tanto necessari per la ripresa economica in mezzo a Covid-19, ha affermato il segretario generale dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN ), Dato Lim Jock Hoi.

Il Segretariato dell’ASEAN ha annunciato a novembre che l’accordo RCEP sarebbe entrato in vigore il 1° gennaio 2022, avendo ricevuto strumenti di ratifica da sei paesi ASEAN, ovvero Brunei, Cambogia, Laos, Singapore, Thailandia e Vietnam, nonché da quattro paesi non -Stati firmatari dell’ASEAN di Australia, Cina, Giappone e Nuova Zelanda, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Xinhua.

In una recente intervista scritta con Xinhua, Lim ha affermato che RCEP dimostra l’impegno condiviso dell’ASEAN, della Cina e di altre parti per un sistema commerciale multilaterale. Firmato nel novembre 2020, RCEP è attualmente il più grande accordo di libero scambio al mondo, che collega l’ASEAN e le principali economie globali, tra cui Cina, Corea del Sud, Giappone, Australia e Nuova Zelanda.

Ha affermato che RCEP rafforza l’integrazione economica regionale ampliando le regole cumulative comuni di origine, le procedure doganali semplificate, l’agevolazione degli scambi e le regole commerciali coerenti che forniscono maggiore trasparenza, equità e prevedibilità per le imprese.

“Tutto ciò si tradurrà in una significativa riduzione dei costi commerciali e dei tempi di elaborazione per le imprese dell’ASEAN, in particolare le micro, piccole e medie imprese”, che avranno maggiori possibilità di integrazione nelle filiere regionali e globali, ha aggiunto.

Lim ha sottolineato che dopo l’attuazione dell’accordo RCEP, ciascuna parte dovrà trasformare di conseguenza il proprio quadro normativo e la comunità imprenditoriale deve essere dotata di capacità, competenze e conoscenze su come cogliere le opportunità per migliorare la propria competitività.

Nel 2021, la Cina e l’ASEAN hanno concordato di elevare le loro relazioni bilaterali a un partenariato strategico globale, che secondo il Segretario generale non solo segna un’importante pietra miliare nelle relazioni ASEAN-Cina, ma dovrebbe plasmare un nuovo panorama e slancio per la cooperazione economica in relazioni bilaterali tra ASEAN e Cina nei prossimi anni.

Con un nuovo panorama in prospettiva, Lim spera che l’ASEAN e la Cina lavoreranno più strettamente insieme per iniettare resilienza nei loro legami economici e commerciali.

Ha aggiunto che entrambe le parti dovrebbero rivitalizzare la nuova relazione economica ASEAN-Cina sfruttando il potenziale del progresso tecnologico come nuovo motore di crescita e unendo gli sforzi di coordinamento per affrontare sfide comuni come il cambiamento climatico.

–IANS

int/khz/

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto è generato automaticamente da un feed in syndication.)

Articolo precedenteLa Francia introduce la contraccezione gratuita per le donne tra i 18 e i 25 anni
Articolo successivoKim Jong-un della Corea del Nord promette di potenziare l’esercito, mantenere i cordoli del virus