Home Economia Più di 60 navi straniere rimangono bloccate nei porti ucraini

Più di 60 navi straniere rimangono bloccate nei porti ucraini

52
0

Più di 60 navi straniere non sono in grado di lasciare i porti ucraini a causa della minaccia di bombardamenti e mine, ha affermato il capo del Centro di controllo della difesa nazionale russo, Mikhail Mizintsev.

“Oltre 60 navi straniere continuano a essere bloccate nei porti ucraini. La minaccia di bombardamenti e l’elevato pericolo di mine creati dalla Kiev ufficiale nelle sue acque interne e nel mare territoriale non consentono alle navi di uscire in sicurezza”, ha detto Mizintsev in un briefing di sabato.

Ha aggiunto che le forze russe aprono ogni giorno un corridoio umanitario (una corsia sicura in direzione sud-ovest dalle acque territoriali dell’Ucraina), ma c’è ancora la minaccia di deriva delle mine ucraine strappate dall’ancora lungo la costa del Nero Stati del mare.

Vedi anche:  Il New South Wales australiano vede il giorno più mortale della pandemia

“Chiediamo all’Organizzazione marittima internazionale e alla direzione degli armatori di influenzare la Kiev ufficiale affinché adotti misure volte a sbloccare e garantire la sicurezza dell’uscita di navi di stati stranieri dai porti dell’Ucraina”, ha affermato Mizintsev.

Giovedì, il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha affermato che la Marina ucraina aveva piazzato 420 mine di ancoraggio nel Mar d’Azov e nel Mar Nero tra il 25 febbraio e il 4 marzo. Almeno dieci di queste mine sono state trasportate liberamente nella parte occidentale del il Mar Nero dopo una tempesta che ha strappato i cavi di ancoraggio.

La Russia ha lanciato un’operazione militare speciale in Ucraina il 24 febbraio, dopo che le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk (DPR e LPR) hanno chiesto aiuto per difendersi dalle forze di Kiev. La Russia ha affermato che l’obiettivo della sua operazione speciale è smilitarizzare e “denazificare” l’Ucraina e che solo le infrastrutture militari sono prese di mira. Mosca ha ripetutamente sottolineato di non avere in programma di occupare l’Ucraina.

Vedi anche:  Poiché la Cina affronta Covid, quasi 1 azienda europea su 4 pensa di trasferirsi

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteHong Kong sollecita i test, Shanghai lotta in lockdown
Articolo successivoConsigli per prevenire le conseguenze dell’interferenza nei pazienti con dispositivo cardiaco pubblicati oggi