Home Economia Pak ha il forex da pagare per 2 mesi di importazioni, le...

Pak ha il forex da pagare per 2 mesi di importazioni, le riserve scendono sotto i 10 miliardi di dollari

115
0

Le riserve valutarie del Pakistan sono scese al di sotto dei 10 miliardi di dollari, minacciando di sfociare in una vera e propria crisi economica a meno che i responsabili politici non si assicurino un prestito dal Fondo monetario internazionale.

Le scorte sono diminuite di $ 366 milioni nella settimana terminata il 27 maggio per attestarsi a $ 9,72 miliardi, ha affermato la banca centrale in una dichiarazione sul suo sito web. Si tratta di circa un calo del 50% rispetto ad agosto e sufficiente per pagare meno di due mesi di importazioni.

La carenza di dollari potrebbe peggiorare poiché la nazione prevede che il suo deficit commerciale aumenterà a un record di $ 45 miliardi nell’anno terminato a giugno.

Le autorità hanno alzato i prezzi del carburante e dell’elettricità, una condizione chiave per sbloccare i restanti 3 miliardi di dollari di un prestito esistente da parte del prestatore multilaterale.

Vedi anche:  Basso sforzo, alta ricompensa: come fare scelte facili ripaga negli studi clinici

Oltre ad aumentare i prezzi del carburante, il Pakistan dovrà apportare ulteriori aggiustamenti fiscali per ridurre il disavanzo di bilancio per l’anno fiscale 23 al fine di garantire il prestito del FMI, ha affermato Raphael Mok, responsabile del rischio paese asiatico presso Fitch Solutions a Singapore.

Ciò comporterà probabilmente misure per aumentare la riscossione delle tasse e per ridurre i sussidi e la spesa in conto capitale, ha affermato. 30 beni di lusso comprese le automobili”, ha detto Mok.

Le banche cinesi rifinanziano il Pakistan con 2,3 miliardi di dollari

Le banche cinesi hanno accettato di rifinanziare il Pakistan con $ 2,3 miliardi di fondi in un enorme sollievo per il paese affamato di contanti per aiutarlo a rafforzare le sue riserve di valuta estera in esaurimento, ha affermato il ministro delle finanze. Giovedì Miftah Ismail ha dichiarato che i termini e le condizioni per il rifinanziamento sono stati concordati e che l’afflusso è previsto “a breve” dopo alcune approvazioni di routine da entrambe le parti. “Buone notizie: i termini e le condizioni per il rifinanziamento del deposito di 15 miliardi di RMB da parte delle banche cinesi sono stati concordati. L’afflusso è previsto poco dopo alcune approvazioni di routine da entrambe le parti. Ciò contribuirà a rafforzare le nostre riserve di valuta estera”, ha affermato in un tweet (PTI).

Articolo precedenteLa Spagna punta alla repressione dei “loot box” dei videogiochi
Articolo successivoLo Sri Lanka colpito dalla crisi non può utilizzare l’aiuto della Cina da 1,5 miliardi di dollari per le preoccupazioni del FMI