Home Economia L’UE raccomanda di trattenere i fondi per l’Ungheria per problemi di innesto

L’UE raccomanda di trattenere i fondi per l’Ungheria per problemi di innesto

46
0

Il braccio esecutivo dell’Unione Europea ha proposto di sospendere 7,5 miliardi di euro (7,5 miliardi di dollari) dal suo budget stanziato per l’Ungheria per accuse di corruzione e frode.

La Commissione europea ha proposto di sospendere il finanziamento come parte del suo nuovo potere nell’ambito del cosiddetto meccanismo di condizionalità, secondo una dichiarazione di domenica. La sanzione dovrebbe ancora essere approvata dagli Stati membri del blocco.

“La Commissione europea ha proposto oggi al Consiglio misure di protezione del bilancio ai sensi del regolamento sulla condizionalità”, secondo una dichiarazione di domenica. “Questo per garantire la protezione del bilancio dell’UE e degli interessi finanziari dell’UE contro le violazioni dei principi dello stato di diritto in Ungheria”.

Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha contestato la fondazione democratica dell’UE a seguito di un consolidamento del potere senza precedenti che lo ha visto riscrivere la costituzione, rivedere le regole elettorali ed estendere la sua influenza sui tribunali, sui media, sulla cultura e sull’istruzione. Sotto la sua guida dal 2010, l’Ungheria è sprofondata nell’indice di percezione della corruzione di Transparency International e ora è al livello più basso dell’UE dopo la Bulgaria.

Vedi anche:  Razzismo istituzionale legato a peggiori esiti di asma per i Black Pittsburghers

Interesse finanziario

Stanco delle mosse per minare l’indipendenza dei giudici, l’erosione dei diritti delle minoranze e il primato del diritto dell’UE, il blocco ha messo in atto un nuovo meccanismo per proteggere i propri interessi finanziari contro i membri che accusano di arrendersi alla democrazia. L’Ungheria è il primo paese preso di mira anche se la Polonia, dove la leadership ha imitato le politiche di Orban, potrebbe anche essere a rischio di un simile controllo in futuro.

La situazione di stallo dell’UE ha colpito le attività ungheresi, con il fiorino in calo di quasi il 10% rispetto all’euro quest’anno. Gli investitori hanno citato le prospettive incerte per i fondi dell’UE come un contributo a una svendita sproporzionata.

Nell’ultimo mese si è offerto di istituire un’agenzia anti-innesto e di modificare le leggi anche sugli appalti pubblici per placare le preoccupazioni dell’esecutivo dell’UE.

I governi dell’UE devono prendere la decisione finale entro un mese sull’opportunità di tagliare i finanziamenti all’Ungheria, con la possibilità di prorogare la scadenza fino a due mesi. Affinché la proposta della Commissione abbia effetto è necessaria la maggioranza qualificata degli Stati membri.

Vedi anche:  Sette abitudini di vita sane possono ridurre il rischio di demenza per le persone con diabete

Orban non ha perso tempo a inviare i suoi funzionari per convincere le controparti a votare contro i tagli ai fondi.

“Il governo ungherese è pronto a fornire garanzie per garantire che il popolo ungherese riceva i fondi a cui ha diritto”, ha scritto giovedì il ministro della Giustizia Judit Varga su Facebook dopo un incontro a Parigi con Garance Pineau, consigliere per gli affari dell’UE del presidente francese Emmanuel Macron .

I legislatori dell’UE hanno affermato questa settimana che l’esecutivo del blocco aveva lasciato inasprire i problemi in Ungheria per troppo tempo e la mancanza di un’azione decisiva aveva “contribuito al crollo della democrazia” lì.

“Lasciare incontrollate le violazioni dello stato di diritto mina le istituzioni democratiche e, in ultima analisi, colpisce i diritti umani e la vita di tutti nel paese in cui vengono commesse tali violazioni”, ha affermato il Parlamento europeo nella sua risoluzione.

Articolo precedenteGli orari di inizio della scuola e il tempo passato davanti allo schermo esacerbano la privazione del sonno negli adolescenti statunitensi
Articolo successivoLe catene di approvvigionamento non sono interrotte, si sono evolute in meglio in alcuni luoghi