Home Economia L’inflazione al consumo in Cina a luglio raggiunge il massimo degli ultimi...

L’inflazione al consumo in Cina a luglio raggiunge il massimo degli ultimi 2 anni con l’aumento dei costi della carne di maiale

67
0

L’inflazione al consumo cinese è accelerata a luglio al livello più alto degli ultimi due anni, in gran parte a causa dell’aumento dei costi della carne di maiale, mentre la debole domanda dei consumatori ha tenuto sotto controllo le pressioni generali sui prezzi.

L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 2,7% il mese scorso rispetto all’anno precedente, poiché i prezzi della carne di maiale sono aumentati del 20,2%, secondo i dati del National Bureau of Statistics mercoledì. La ripresa dell’IPC è stata inferiore alla stima mediana del 2,9% in un sondaggio di Bloomberg tra gli economisti e si confronta con la crescita del 2,5% a giugno.

L’inflazione dei prezzi alla produzione, nel frattempo, è rallentata al 4,2% a luglio dal 6,1% di giugno a causa dell’indebolimento dei prezzi delle materie prime.

Leggi anche: Il mercato delle IPO in Cina batte il mondo con un boom record di 58 miliardi di dollari

A differenza di altre grandi economie, quest’anno l’inflazione al consumo in Cina è stata relativamente contenuta, poiché le rigide politiche di controllo del Covid e gli sporadici focolai hanno frenato la spesa dei consumatori e delle imprese. Quelle riacutizzazioni del virus – insieme a venti contrari globali e una crisi immobiliare in corso – hanno mantenuto fragile la ripresa economica della Cina, con l’attività delle fabbriche inaspettatamente contratta il mese scorso e le vendite di proprietà che continuano a ridursi.

Vedi anche:  Quando gli occhi si incontrano, i neuroni iniziano a attivarsi

L’aumento dei prezzi della carne di maiale e un quadro economico in miglioramento, tuttavia, dovrebbero aumentare l’IPC quest’anno e potrebbero mettere alla prova la capacità del governo di fornire maggiori stimoli. Allo stesso tempo, l’IPC core, che esclude la volatilità dei prezzi di cibo ed energia, rimane debole allo 0,8% a luglio, suggerendo pochissima pressione della domanda nell’economia che giustifica le preoccupazioni dei responsabili politici.

“L’inflazione probabilmente aumenterà oltre il 3% nei prossimi due mesi, a causa di una base bassa e dell’aumento dei prezzi della carne di maiale”, ha affermato Bruce Pang, capo della ricerca e capo economista di Jones Lang LaSalle Inc. “Ma l’inflazione core probabilmente rimarrà favorevole poiché la domanda interna resta debole. Ciò non causerà molte restrizioni alla politica monetaria”.

grafico

L’indice CSI 300 di riferimento cinese è sceso dello 0,3% nelle prime contrattazioni di mercoledì, in linea con i ribassi osservati nelle più ampie azioni asiatiche. Il rendimento del titolo di Stato a 10 anni è sceso di 1 punto base al 2,73%, mentre i futures obbligazionari sono aumentati dello 0,2%.

L’aumento dell’inflazione di luglio è stato in gran parte determinato dall’aumento del prezzo di carne di maiale, verdure fresche e altri alimenti, insieme a fattori stagionali, ha affermato la NBS in una dichiarazione di accompagnamento, citando lo statistico senior Dong Lijuan. I prezzi complessivi dei generi alimentari sono aumentati del 6,3% a luglio rispetto a un anno fa, con i prezzi della carne di maiale, un elemento chiave nel paniere CPI cinese, che hanno registrato il primo aumento anno su anno da settembre 2020.

Vedi anche:  L'esposizione prenatale agli ftalati può influire sulla salute dei bambini

Frutta e verdura fresca sono aumentate rispettivamente del 16,9% e del 12,9% rispetto a un anno fa.

Gli analisti di China International Capital Corp hanno affermato prima del rilascio del CPI che l’inflazione al consumo potrebbe violare l’obiettivo del governo delineato all’inizio di quest’anno di circa il 3%. Anche così, i responsabili politici probabilmente tollereranno un’inflazione più elevata per il bene di una crescita economica più forte, hanno affermato gli analisti.

Le autorità cinesi hanno già segnalato la volontà di lasciare che l’IPC si alzi leggermente.

“Se riusciamo a mantenere il tasso di disoccupazione al di sotto del 5,5% e l’aumento dell’IPC rimane al di sotto del 3,5% per l’intero anno, possiamo convivere con un tasso di crescita leggermente superiore o inferiore all’obiettivo, ovviamente non troppo basso”, ha affermato il premier Li. Keqiang ha detto in un evento con i leader aziendali ospitato dal World Economic Forum il mese scorso.

Articolo precedenteL’inflazione statunitense rimarrà probabilmente alta nei prossimi mesi anche se i prezzi del gas scendono
Articolo successivoL’inflazione alimentare globale si attenua, ma i raccolti incerti rallentano un sollievo più ampio