Home Economia L’ente bancario BRI sollecita un’ondata decisa di rialzi dei tassi globali per...

L’ente bancario BRI sollecita un’ondata decisa di rialzi dei tassi globali per arginare l’inflazione

24
0

L’organismo ombrello della banca centrale mondiale, la Banca dei regolamenti internazionali (BRI), ha chiesto un aumento “rapido e deciso” dei tassi di interesse per evitare che l’impennata dell’inflazione si trasformi in qualcosa di ancora più problematico.

La BRI, con sede in Svizzera, ha tenuto la sua riunione annuale nei giorni scorsi, durante la quale i principali banchieri centrali si sono incontrati per discutere delle loro attuali difficoltà e di uno dei più turbolenti inizi di un anno per i mercati finanziari globali.

L’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari significa che l’inflazione in molti luoghi è ora la più calda degli ultimi decenni. Ma il solito rimedio per aumentare i tassi di interesse è aumentare lo spettro della recessione, e persino della temuta “stagflazione” in stile anni ’70, dove l’aumento dei prezzi è accompagnato da una crescita economica bassa o negativa.

“La chiave per le banche centrali è agire in modo rapido e deciso prima che l’inflazione diventi radicata”, ha affermato AgustÃn Carstens, direttore generale della BRI, nell’ambito della relazione annuale post-riunione dell’organismo Annual Economic Report: https://www.bis.org/ publ/arpdf/ar2022e.htm pubblicato domenica.

Carstens, ex capo della banca centrale del Messico, ha affermato che l’enfasi era di agire nei “quartieri a venire”. La BRI ritiene che sia ancora possibile un atterraggio morbido dell’economia, in cui i tassi salgono senza innescare recessioni, ma riconosce che si tratta di una situazione difficile.

Vedi anche:  Due nuovi test COVID-19 da banco a domicilio portati rapidamente sul mercato statunitense

“Molto dipenderà proprio da quanto siano permanenti questi shock (inflazionistici)”, ha affermato Carstens, aggiungendo che anche la risposta dei mercati finanziari sarebbe cruciale.

“Se questo inasprimento genera enormi perdite, genera massicce correzioni patrimoniali e ciò contamina i consumi, gli investimenti e l’occupazione, ovviamente, quello è uno scenario più difficile”.

I mercati mondiali stanno già subendo una delle più grandi vendite della memoria recente, poiché le banche centrali dei pesi massimi come la Federal Reserve statunitense – e dal prossimo mese la BCE – si allontanano dai tassi record e da quasi 15 anni di misure di stimolo consecutive .

Le azioni globali sono scese del 20% da gennaio e alcuni analisti calcolano che i buoni del Tesoro statunitensi, il punto di riferimento dei mercati finanziari mondiali, potrebbero subire la più grande perdita nella prima metà dell’anno dal 1788.

CREDIBILITÀ

Carstens ha affermato che i recenti avvertimenti della BRI sui prezzi schiumosi delle attività significano che l’attuale correzione “non è stata necessariamente una sorpresa completa”. Anche il fatto che finora non ci siano state “importanti interruzioni del mercato” è stato rassicurante, ha aggiunto.

Parte del rapporto della BRI pubblicato già la scorsa settimana https://www.screw.com/business/finance/crypto-fears-now-materialising-central-bank-body-bis-says-2022-06-21 affermava che il recente le implosioni nei mercati delle criptovalute erano un’indicazione che i pericoli a lungo avvertiti del denaro digitale decentralizzato si stavano ora materializzando.

Vedi anche:  Il satellite definito dal software entra in servizio commerciale

Questi crolli non dovrebbero causare una crisi sistemica nel modo in cui i prestiti inesigibili hanno innescato il crollo finanziario globale.

Ma Carstens ha sottolineato che le perdite sarebbero state considerevoli e che la natura opaca dell’universo crittografico alimentava l’incertezza.

Tornando al quadro macroeconomico, ha aggiunto che la BRI non prevede attualmente un periodo di stagflazione diffusa.

Ha anche affermato che, sebbene molte banche centrali globali e la stessa BRI abbiano significativamente sottovalutato la velocità con cui l’inflazione globale è aumentata vertiginosamente negli ultimi sei-dodici mesi, non avrebbero perso la credibilità guadagnata duramente dall’oggi al domani.

“Sì, qui puoi discutere un po’ di un errore di tempistica di determinate azioni e delle risposte delle banche centrali. Ma in generale, penso che le banche centrali abbiano risposto con forza in modo molto agile”, ha detto Carstens.

“La mia sensazione è che le banche centrali prevarranno alla fine della giornata, e questo sarebbe un bene per la loro credibilità”.

(Segnalazione di Marc Jones; Montaggio di David Holmes)

(Questa storia non è stata modificata dal personale di Business Standard ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)

Articolo precedenteGli Stati Uniti mirano a raccogliere 200 miliardi di dollari come parte del rivale del G7 della cinese Belt & Road
Articolo successivoLanka aumenta i prezzi del carburante del 15%; arruolare aziende straniere per alleviare le carenze