Home Economia Le truppe dello Sri Lanka aprono il fuoco per contenere i disordini...

Le truppe dello Sri Lanka aprono il fuoco per contenere i disordini per la carenza di carburante

110
0

L’esercito dello Sri Lanka ha aperto il fuoco per contenere i disordini in una stazione di servizio, hanno detto i funzionari domenica mentre si sono viste code senza precedenti per benzina e diesel in tutto il paese in bancarotta.

Le truppe hanno sparato a Visuvamadu, 365 chilometri (228 miglia) a nord di Colombo, sabato notte mentre il loro posto di guardia è stato colpito da pietre, ha detto il portavoce dell’esercito Nilantha Premaratne.

“Un gruppo di 20-30 persone ha lanciato pietre e danneggiato un camion dell’esercito”, ha detto Premaratne all’AFP.

La polizia ha detto che quattro civili e tre soldati sono rimasti feriti quando l’esercito ha aperto il fuoco per la prima volta per contenere i disordini legati all’aggravarsi della crisi economica.

Quando la pompa ha esaurito la benzina, gli automobilisti hanno iniziato a protestare e la situazione è degenerata in uno scontro con le truppe, ha detto la polizia.

Vedi anche:  Spin-off di GSK per creare il colosso della salute dei consumatori

Lo Sri Lanka sta soffrendo la sua peggiore crisi economica dall’indipendenza, con il paese incapace di trovare dollari per importare beni di prima necessità, inclusi cibo, carburante e medicinali.

I 22 milioni di abitanti della nazione stanno affrontando gravi carenze e lunghe code per scarsi rifornimenti, mentre il presidente Gotabaya Rajapaksa ha resistito per mesi alle richieste di dimettersi per cattiva gestione.

Sabato il ministro dell’agricoltura dello Sri Lanka Mahinda Amaraweera è stato deriso da un gruppo di agricoltori che hanno protestato contro la sua visita a un programma relativo all’agricoltura a Tissamaharama, una città situata nella provincia meridionale del paese nel distretto di Hambantota, costringendolo a fuggire dai locali.

Lanka contatta l’azienda russa per il petrolio greggio

Lo Sri Lanka ha contattato diverse società suggerite dall’ambasciata russa a Colombo per acquistare petrolio greggio, ha detto domenica il ministro dell’Energia Kanchana Wijesekera, nel tentativo della nazione insulare piena di debiti di ottenere petrolio a credito per mantenere in funzione la sua unica raffineria di petrolio. Wijesekera ha detto ai media che l’ambasciatore russo a Colombo “mi ha chiesto di inviare le risposte della compagnia, e anche lui interverrà nel processo”.

Il ministro ha affermato di aver avuto risposte dalle società russe suggerite dall’ambasciatore, ha riportato il portale di notizie Economy Next dello Sri Lanka. “Abbiamo anche inviato il messaggio all’ambasciatore dello Sri Lanka in Russia, Janitha Liyanage”, ha detto il ministro, aggiungendo che il processo stava richiedendo tempo. Lo Sri Lanka ha già acquistato una spedizione di greggio siberiano dalla Coral Energy con sede a Dubai nel mercato internazionale (PTI).

Articolo precedenteL’inflazione non scenderà all’obiettivo del 2% per due anni, afferma il Mester della Fed
Articolo successivoLa Cina prevede di sostenere le imprese industriali colpite dall’alto costo delle materie prime