Home Economia Le increspature del viaggio di Pelosi a Taiwan potrebbero richiedere tempo per...

Le increspature del viaggio di Pelosi a Taiwan potrebbero richiedere tempo per avere un impatto sui mercati globali

32
0

Da un disaccoppiamento accelerato delle due maggiori economie del mondo a una discussione sulla possibilità che la Cina possa armare la sua vasta partecipazione di titoli del Tesoro, gli investitori stanno delineando come il viaggio a Taiwan della presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi possa incresparsi sui mercati globali.

Le attività di Haven sono svanite durante la notte quando le preoccupazioni sul livello di risposta militare dalla Cina si sono dissipate e i Treasury hanno svenduto i commenti da falco dei funzionari della Federal Reserve. Lo yen ha assistito a una brusca inversione di tendenza, scendendo di oltre l’1% dopo la sua corsa di quattro giorni più forte dal 2020 e i rendimenti degli Stati Uniti di riferimento sono balzati di 18 punti base. Le azioni sono rimaste sotto pressione.

La visita di Pelosi sta alimentando nuovi nervosismi tra gli investitori già spaventati dalla minaccia di un rallentamento globale in mezzo all’aumento dell’inflazione. Le crescenti tensioni tra Cina e Stati Uniti rischiano di intaccare il sentimento già fragile, dando impulso a paradisi come il dollaro e lo yen e pesando sulle azioni.

Ecco una selezione di commenti di analisti e strateghi:

Cina e Tesoro

“Data l’entità del selloff, era solo questione di tempo prima che la speculazione che la Cina stesse utilizzando le sue significative partecipazioni del Tesoro in rappresaglia per la visita di Pelosi”, ha scritto in una nota Ian Lyngen, stratega di BMO Capital Markets. “Nel caso in cui questo sia il caso (cosa di cui dubitiamo), la tendenza al ribasso dovrebbe essere limitata poiché le influenze dei flussi a breve termine sono oscurate dall’impatto negativo sulle prospettive macro globali”.

Disaccoppiamento accelerato

“L’implicazione a breve termine potrebbe essere ‘vendi la voce, compra la notizia’ poiché la risposta ufficiale finora rimane molto più contenuta rispetto a ciò che il mercato ha temuto”, ha affermato Xiadong Bao, gestore di fondi presso Edmond de Rothschild Asset Management a Parigi. “Ma l’implicazione a medio/lungo termine può essere più significativa, che potrebbe essere attualmente trascurata dal mercato. Il ritorno ufficiale dell’influenza statunitense in Asia-Pacifico accelererà inevitabilmente il disaccoppiamento USA-Cina”.

Vedi anche:  Diabete e malattie cardiovascolari che aumentano il rischio di demenza

Premio per il rischio di liquidazione

Il viaggio di Pelosi a Taiwan “sembra procedere senza troppa angoscia geopolitica”, ha scritto in una nota Tapas Strickland, direttore dell’economia e dei mercati della National Australia Bank Ltd.. “In vista dell’evento è stato prezzato un certo premio per il rischio geopolitico. Ciò ha iniziato a invertirsi con la Cina che ha dato una risposta forte, ma soprattutto non “sconsigliata”. È probabile che anche la liquidazione di questo premio si sia aggiunta all’aumento dei rendimenti”.

Risposta cinese

“Sembra che gli investitori negli Stati Uniti non credano che la Cina seguirà le loro minacce di rappresaglia alla visita del presidente Pelosi a Taiwan”, ha affermato Matt Maley, chief market strategist di Miller Tabak + Co. “I mercati cinesi stanno valutando- in una risposta molto più ampia da parte della Cina rispetto ai mercati statunitensi in questo momento. D’altra parte, se la Cina si tira indietro dalle sue recenti minacce, i mercati cinesi dovrebbero probabilmente vedere qualche bel movimento al rialzo mentre ci muoviamo nel mese di agosto”.

Pressione di inflazione

“La risposta della Cina al viaggio di Pelosi a Taiwan potrebbe avere un impatto sulle catene di approvvigionamento e sulla domanda, il che potrebbe mantenere forti le pressioni inflazionistiche”, ha scritto in una nota Edward Moya, analista di mercato senior di Oanda. Anche le criptovalute potrebbero subire un colpo, poiché “le tensioni sulla visita del presidente della Camera Pelosi a Taiwan potrebbero pesare sulla propensione al rischio e ciò potrebbe trascinare le criptovalute al ribasso”.

Le menti razionali prevalgono

“La visita di Pelosi sullo sfondo dell’Ucraina è pensata per avere uno scopo di segnalazione e un effetto preventivo. Il corollario del tintinnio della sciabola cinese è stato il modus operandi e non dovrebbe sorprendere”, ha affermato Justin Tang, capo della ricerca asiatica presso United First Partners. “Ci si aspetta che le menti razionali prevalgano invece di armare il commercio e le normative”, dato lo stato dell’economia cinese. “La traiettoria per le classi di attività globali continuerà a serpeggiare lateralmente date le prospettive incerte su inflazione, tassi e utili”.

Vedi anche:  I quartieri svolgono un ruolo importante nell'esperienza della pandemia degli anziani

Impatto di breve durata

“I mercati sono già un po’ preoccupati e probabilmente oggi saranno in calo in Asia. Ma se si tratta solo di intensificare le esercitazioni e le incursioni militari cinesi, l’impatto a breve termine sarà di breve durata”, ha affermato Shane Oliver, capo economista di AMP Capital Markets. “Se si avvicina al conflitto reale, ci sarà un impatto molto maggiore in termini di ribassi del mercato azionario con asset rifugio ($ USA, obbligazioni e oro che beneficiano), ma questo sembra improbabile. A lungo termine, segnala un’ulteriore escalation delle tensioni della guerra fredda tra Occidente e Cina/Russia, il che significa premi di rischio più elevati”.

Biden ottimismo

“Siamo ottimisti sul fatto che l’amministrazione Biden non lascerà che le cose sfuggano al controllo. È probabile che entrino in colloqui di alto livello per diffondere la situazione”, ha affermato Manish Bhargava, gestore di fondi presso Straits Investment Holdings Pte a Singapore. “Molto ora dipende dalle contromisure che la Cina prenderà. È improbabile che la Cina si impegni in un conflitto militare, ma c’è un rischio crescente di incidenti o errori di calcolo. Un ulteriore deterioramento delle relazioni diplomatiche tra i due paesi potrebbe danneggiare la produzione e le catene di approvvigionamento, alimentando le pressioni inflazionistiche”.

Acquisto del paradiso

“Poiché i relatori della Fed si sono espressi allo stesso tempo dicendo di aspettarsi più aumenti dei tassi, è un effetto valanga”, ha affermato Jessica Amir, stratega di Saxo Capital Markets a Sydney. “In questo momento pensiamo che il tono sia stato fissato per le azioni per agosto e il resto dell’anno. Le tensioni geopolitiche aumenteranno. Stiamo assistendo a un’offerta o all’acquisto di titoli della difesa, poiché gli investitori pensano che questo problema potrebbe peggiorare. Vediamo anche il ritorno ai beni rifugio e al dollaro USA per vedere un aumento degli acquisti”.

Sentimento da recuperare

Le esercitazioni militari cinesi vicino a Taiwan “potrebbero ancora tenere gli investitori all’erta”, ha affermato Jian Shi Cortesi, portfolio manager presso GAM Investment Management a Zurigo. “Il sentimento del mercato si riprenderà una volta terminata l’esercitazione militare, a mio avviso”.

Articolo precedenteL’Afghanistan riceve 40 milioni di dollari di aiuti umanitari in contanti, la riserva forex sale alle stelle
Articolo successivoRobinhood taglia il 23% della sua forza lavoro poiché un minor numero di utenti commercia