Home Economia Le incessanti sanzioni dell’Occidente accelereranno la caduta economica della Russia

Le incessanti sanzioni dell’Occidente accelereranno la caduta economica della Russia

171
0

Per giustificare l’invasione dell’Ucraina, Vladimir Putin ha dipinto la Russia come una potenza egemonica riaffermando la sua legittima pretesa di grandezza imperiale. Eppure, anche prima dell’invasione, le capacità economiche della Russia erano a malapena in grado di sostenere un impero.

Ora, con le sanzioni estere che presiedono al crollo del rublo russo, la posizione economica della Russia è ulteriormente diminuita. Se misurata ai tassi di cambio odierni, l’economia russa sarebbe la 22a più grande del mondo, con un prodotto interno lordo (PIL) non molto più grande di quello dello stato dell’Ohio.

Grafico della classifica della Russia tra le maggiori economie del mondo al tasso di cambio del mercato attuale
Con le sanzioni estere che presiedono al crollo del rublo russo, la posizione economica della Russia continua a diminuire. Autore fornito

Questo è molto lontano dal passato, quando la Russia era una vera potenza mondiale. Secondo i dati raccolti dal defunto storico dell’economia Angus Maddison, nel 1913 era la quinta economia più grande del mondo, dietro a Stati Uniti, Cina, Germania e Gran Bretagna. Nel 1957, quando l’URSS superò gli Stati Uniti per lanciare il primo satellite nello spazio, l’economia sovietica era la seconda più grande del mondo dopo quella americana.

La ricerca della grandezza di Putin

Putin è stato eletto presidente in seguito alla caotica disintegrazione dell’Unione Sovietica e alla crisi finanziaria del 1998 in cui la Russia è andata in default sul suo debito e ha abbandonato il suo tasso di cambio fisso.

A quel tempo, il PIL russo del valore di mercato aveva toccato il fondo a 210 miliardi di dollari, rendendola la 24a economia più grande del mondo, dietro l’Austria. (Tutti i dati sul PIL contemporanei provengono dal World Economic Outlook di ottobre 2021 pubblicato dal Fondo monetario internazionale.)

Putin ha stabilito un contratto sociale informale con il popolo russo basato sulla sua capacità di fornire una forte crescita economica. Sotto il governo di Putin, e sostenuto da un superciclo dei prezzi delle materie prime che si estenderà fino al 21° secolo, il PIL russo nei tassi di cambio di mercato è aumentato di dieci volte, riportando la Russia alla rilevanza globale e fornendo potere d’acquisto alla sua classe media.

Vedi anche:  La piattaforma di intelligenza artificiale mostra il potenziale per lo screening del cancro della tiroide e la messa in scena dalle immagini a ultrasuoni

Tuttavia, i ricercatori russi hanno affermato che quando l’economia russa ha iniziato a vacillare, da un picco nel 2013, Putin ha cercato una nuova legittimità per governare attraverso azioni di politica estera per ristabilire lo status della Russia di “grande potenza”. Questi sforzi sono stati sintetizzati dall’annessione della Crimea del 2014.

L’invasione russa dell’Ucraina, sullo sfondo del tasso di mercato del PIL russo che perde un terzo del suo valore tra il 2013 e il 2020, rappresenta un raddoppio della strategia di Putin di cercare legittimità dallo “status di grande potenza”, piuttosto che dalla performance economica.

Eppure le incessanti sanzioni finanziarie ed economiche dell’Occidente hanno solo accelerato la caduta economica della Russia.

Persone in fila su un marciapiede
I russi ordinari affrontano la prospettiva di prezzi più alti e viaggi all’estero ridotti poiché le sanzioni occidentali hanno fatto precipitare il rublo, portando le persone a fare la fila alle banche e agli sportelli automatici il 25 febbraio in un paese che ha visto più di un disastro valutario nel periodo post-sovietico era. (Foto AP/Dmitri Lovetsky)

Le azioni russe scambiate sul mercato britannico sono diminuite del 98%, spazzando via 572 miliardi di dollari di ricchezza, mentre le azioni sulle borse russe rimangono sospese.

La valuta russa è scesa a 155 rubli per dollaro, un calo di oltre il 50% rispetto ai 75 rubli per dollaro USA prima dell’invasione. Se non fosse per i recenti controlli sui capitali e l’aumento dei prezzi delle materie prime – determinato dalle sanzioni stesse – che costituiscono la maggior parte delle esportazioni russe, il prezzo cadrebbe ulteriormente.

effetto domino

Il PIL del tasso di mercato di un paese è il suo PIL convertito in una valuta globale come il dollaro USA.

Vedi anche:  Yen al minimo di 6 anni in seguito alla decisione decisiva della BOJ di ridurre i rendimenti obbligazionari

Mentre ci sono altri modi per misurare il PIL, quando si tratta di commercio globale, investimenti e potere economico, il tasso di mercato è ciò che conta.

Il tasso di mercato interno lordo della Russia nel 2021 è stato di 1,65 trilioni di dollari, abbastanza per renderlo l’undicesima economia più grande del mondo, dietro la Corea del Sud. Se convertiamo grossolanamente il PIL russo stimato per il 2021 entro il 7 marzo 2022, i tassi di cambio, anziché il tasso di cambio medio utilizzato l’anno scorso, e lo mettiamo contro la tabella del PIL del tasso di mercato del 2021, la classifica cambia e la Russia scivola al 22° posto, scendendo tra Taiwan e la Polonia.

Questo calo è probabilmente una sottostima. Mentre un rublo in calo abbassa il tasso di cambio del PIL russo in dollari USA, la sua economia in indebolimento abbassa direttamente il PIL del rublo. E l’isolamento della Russia eroderà la sua competitività economica, ampliando ulteriormente il divario economico nel medio termine.

Gli ucraini di fronte all’imminente esercito russo erano saggi rispetto alla strategia chimerica di Putin. “Non hai problemi nel tuo paese da risolvere? Siete tutti ricchi lì, come negli Emirati?” un uomo anziano ha disturbato i soldati russi.

La prossima mossa di Putin

Robert F. Kennedy ha notoriamente osservato che il PIL non è riuscito a spiegare molte cose a cui teniamo, come la salute e l’istruzione. Il calo del PIL russo del tasso di mercato non può descrivere la tragedia umana che si sta verificando sia in Ucraina che in Russia.

Ma ciò che queste cifre chiariscono è che la pretesa di Putin di legittimità attraverso la performance economica è quasi distrutta. Con lo “status di grande potere” strettamente legato al potere economico, anche la fonte segreta di legittimità di Putin per suscitare l’orgoglio nazionalista ora sembra chiusa.

Il logo della conversazione

Putin potrebbe aver guidato la Russia da un “Times of Troubles”, ma lo ha consegnato a un altro. Questo è un freddo conforto per gli ucraini, e in effetti per il resto del mondo, che si stanno chiedendo la prossima mossa di Putin.La conversazione

Eric Werker, William Saywell Professore di affari internazionali, Università Simon Fraser

Questo articolo è stato ripubblicato da The Conversation con licenza Creative Commons. Leggi l’articolo originale.

Articolo precedenteImporrà presto sanzioni di ritorsione individuali contro l’Occidente: la Russia
Articolo successivoIl G7 mette in guardia contro restrizioni alle esportazioni ingiustificate a seguito della guerra in Ucraina