Home Economia Le catene di approvvigionamento stanno tornando alla normalità per i venti contrari...

Le catene di approvvigionamento stanno tornando alla normalità per i venti contrari di una domanda più debole

94
0

Le tensioni nell’offerta, pur affliggendo ancora molti consumatori e aziende, stanno diventando più banali che minacciose come lo erano sei mesi fa, soprattutto negli Stati Uniti. I ringhi si sono attenuati dai picchi della pandemia e alcuni stanno già aggiungendo una minore pressione inflazionistica. Modesti miglioramenti si stanno manifestando negli indicatori gestiti da previsori che vanno da Bloomberg Economics alla Federal Reserve Bank di New York. Ma la fine graduale della crisi dell’offerta causata dalla pandemia potrebbe lasciare il posto a un altro potenziale mal di testa: un crollo della domanda dei consumatori che fa invertire la crescita economica e porta a un brutto accumulo di scorte.

“Le pressioni nei settori dei beni globali, che sono stati un motore centrale dell’inflazione, potrebbero finalmente allentarsi”, hanno scritto gli economisti di Citi guidati da Nathan Sheets in una nota di ricerca questo mese. “La cattiva notizia è che questo sembra accadere sulla scia di un rallentamento della domanda di beni da parte dei consumatori globali, in particolare di beni discrezionali, e quindi potrebbe anche segnalare crescenti rischi di recessione”.

Vedi anche:  Lo studio confronta baricitinib con desametasone per COVID-19

Citi ha messo in guardia dal dichiarare “tutto chiaro” sul fronte dell’offerta.

A controllare alcune leve dell’attività economica è la Federal Reserve, che dovrebbe aumentare i tassi di interesse entro la fine del mese per cercare di frenare l’aumento dell’inflazione. Secondo la sua più recente indagine regionale, le imprese stanno affrontando molti problemi di approvvigionamento, ma sembrano svanire in gravità.

Un altro indicatore dell’emergente esaurimento dell’offerta: le tariffe di trasporto marittimo hanno continuato a diminuire rispetto ai massimi storici. E il fatto che stia accadendo durante quella che di solito è l’alta stagione per il trasporto marittimo globale porta alcuni osservatori a concludere che un mercato privo di capacità in eccesso solo pochi mesi fa sta rapidamente tornando indietro.

Articolo precedenteIl FMI ridurrà “sostanzialmente” le prospettive di crescita economica globale alla prossima revisione
Articolo successivoLanka introduce il pass per il carburante tra il voto dei manifestanti di “cambiare sistema”