L’attività delle fabbriche cinesi è aumentata a dicembre quando le interruzioni dell’offerta si sono attenuate e la domanda di esportazione si è indebolita, secondo un sondaggio venerdì.

L’indice mensile dei responsabili degli acquisti emesso dall’agenzia di statistica nazionale e da un gruppo industriale è salito a 50,3 dal 50,1 di novembre su una scala di 100 punti in cui i numeri superiori a 50 mostrano un’attività in accelerazione.

La produzione cinese è stata ostacolata dalla carenza di alcuni componenti, inclusi i semiconduttori, e dalle interruzioni nelle spedizioni. Alcune aree hanno ordinato alle fabbriche di chiudere temporaneamente a partire da settembre per raggiungere gli obiettivi ufficiali di efficienza energetica.

Secondo la China Federation of Logistics & Purchasing e il National Bureau of Statistics, la misura dei nuovi ordini è migliorata a 49,7 dal 49,4 di novembre, sebbene la domanda sia ancora debole. L’indice degli ordini dall’estero è sceso a 48,1 da 48,5.

La ripresa complessiva dell’economia cinese è più chiara, ha affermato l’economista Zhang Liqun in un comunicato diffuso dalla federazione. Tuttavia, ha affermato, il paese deve potenziare l’effetto complessivo della politica di espansione della domanda interna e far sì che le forniture industriali scorrano senza intoppi.

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto è generato automaticamente da un feed in syndication.)

Articolo precedenteL’Asia guarda al blocco commerciale incentrato sulla Cina per la ripresa del coronavirus
Articolo successivoI commenti rinnovano il dibattito sull’adozione come alternativa all’aborto