Home Economia La produzione di chip della Cina si riduce mentre l’India e gli...

La produzione di chip della Cina si riduce mentre l’India e gli Stati Uniti aumentano la produzione locale

71
0

Mentre l’India e gli Stati Uniti raddoppiano la produzione interna di semiconduttori, la Cina ha assistito al suo più grande calo mensile mai registrato nella produzione di chip ad agosto a causa delle restrizioni Covid e dell’indebolimento della domanda.

Secondo il South China Morning Post, la produzione di circuiti integrati (CI) è crollata del 24,7% su base annua a 24,7 miliardi di unità, segnando la più grande diminuzione in un solo mese dal 1997.

Questo è anche il secondo mese consecutivo di calo per la produzione di chip. A luglio, la produzione è scesa del 16,6% a 27,2 miliardi di unità.

La produzione locale di microcomputer è scesa del 18,6% a 317,5 miliardi di unità ad agosto.

Ad agosto, l’attività manifatturiera domestica si è contratta per la prima volta in tre mesi, afferma il rapporto.

Secondo le statistiche della piattaforma di database Qichacha, un record di 3.470 aziende produttrici di chip “hanno cessato l’attività nei primi otto mesi dell’anno”.

Vedi anche:  I ricercatori valutano il rischio di trasmissione del vaiolo delle scimmie in seguito all'esposizione in strutture sanitarie

Il crollo della produzione di chip in Cina sta arrivando poiché sia ​​l’India che gli Stati Uniti intensificano gli sforzi per rafforzare la produzione locale di chip.

Il governo del Gujarat ha collaborato con Vedanta e Foxconn, puntando a un investimento di Rs 1,54 lakh crore per ottenere l’autosufficienza nel campo della produzione di semiconduttori.

È probabile che il mercato indiano dei componenti a semiconduttore raggiunga i 300 miliardi di dollari di ricavi cumulativi entro il 2026, poiché i programmi “Make in India” e gli incentivi legati alla produzione (PLI) aumenteranno l’approvvigionamento locale di semi-componenti nei prossimi anni, secondo il rapporto del India Electronics & Semiconductor Association (IESA) e Counterpoint Research.

Il governo indiano ha annunciato un esborso di Rs 76.000 crore (circa $ 10 miliardi), nell’ambito del suo schema PLI, separatamente per lo sviluppo di un ecosistema di elettronica per la produzione di semiconduttori e display.

Vedi anche:  Generare energia dove si incontrano acqua di mare e acqua di fiume

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato il Chips and Science Act, che fornisce quasi 52 miliardi di dollari in incentivi alla produzione di semiconduttori.

Intel ha avviato i lavori per il nuovo impianto di semiconduttori da 20 miliardi di dollari nello stato dell’Ohio, negli Stati Uniti.

Samsung ha lanciato l’idea di investire quasi 200 miliardi di dollari per costruire altri 11 impianti di chip negli Stati Uniti nei prossimi due decenni.

–IANS

na/svn/

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteIl governo ungherese annuncia l’estensione del tetto massimo di carburante e cibo fino a fine anno
Articolo successivoGli orari di inizio della scuola e il tempo passato davanti allo schermo esacerbano la privazione del sonno negli adolescenti statunitensi