Home Economia La crescita dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentata inaspettatamente...

La crescita dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentata inaspettatamente ad agosto all’8,3%

52
0

I prezzi mensili al consumo negli Stati Uniti sono aumentati inaspettatamente ad agosto poiché il calo dei prezzi della benzina è stato compensato dall’aumento dei costi di affitto e cibo, fornendo copertura alla Federal Reserve per un altro forte aumento dei tassi di interesse mercoledì prossimo.

L’indice dei prezzi al consumo ha guadagnato lo 0,1% il mese scorso dopo essere rimasto invariato a luglio, ha affermato martedì il Dipartimento del lavoro.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto che il CPI scendesse dello 0,1%.

Nei 12 mesi fino ad agosto, l’IPC è aumentato dell’8,3%.

Questa è stata la decelerazione rispetto all’aumento dell’8,5% di luglio. L’IPC annuale ha raggiunto il picco del 9,1% a giugno, il più grande guadagno dal novembre 1981.

L’inflazione generale sta rallentando mentre i prezzi dei beni si ritirano dopo essere aumentati all’inizio di quest’anno, a causa dell’allentamento delle strozzature nelle catene di approvvigionamento globali e del ritorno della spesa ai servizi.

Vedi anche:  Raccolta di energia per alimentare l'Internet delle cose

I prezzi della benzina negli Stati Uniti sono crollati da un record medio superiore a $ 5 per gallone a giugno, secondo i dati di AAA.

Martedì stavano in media $ 3,707 per gallone.

I funzionari della Fed si riuniranno per la loro riunione politica regolare martedì e mercoledì prossimo con l’inflazione che rimane ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale statunitense. Il presidente della Fed Jerome Powell ha ribadito la scorsa settimana che la banca centrale era “fortemente impegnata” nella lotta all’inflazione.

I mercati finanziari hanno quasi scontato un aumento del tasso di 75 punti base mercoledì prossimo, secondo FedWatch Tool di CME.

La Fed ha alzato due volte il tasso di riferimento di tre quarti di punto percentuale, a giugno e luglio. Da marzo, ha alzato quel tasso da quasi zero all’attuale gamma dal 2,25% al ​​2,50%.

Vedi anche:  Le vendite di Honda, il calo dei profitti tra costi in aumento, carenza di chip

Il rapporto sull’inflazione ha seguito i dati della scorsa settimana che mostrano una continua resilienza del mercato del lavoro. Le domande per la prima volta per l’indennità di disoccupazione sono ai minimi da tre mesi e la crescita dell’occupazione rimane solida. Ci sono state due offerte di lavoro per ogni disoccupato l’ultimo giorno di luglio.

Ciò sta sostenendo forti aumenti salariali, contribuendo all’aumento dei prezzi dei servizi e mantenendo elevata l’inflazione di fondo.

Escludendo le componenti volatili di cibo ed energia, l’IPC è salito dello 0,6% ad agosto dopo essere salito dello 0,3% a luglio. Il cosiddetto CPI core è aumentato del 6,3% nei 12 mesi fino ad agosto dopo essere aumentato del 5,9% a luglio.

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteLazard in trattative con Cina, India, Giappone sulla ristrutturazione del debito dello Sri Lanka
Articolo successivoL’economia globale potrebbe evitare la recessione con l’attenuarsi dei rischi di inflazione – JP Morgan