La Casa Bianca ha annunciato un piano d’azione volto a rafforzare la concorrenza nel settore della lavorazione della carne e del pollame negli Stati Uniti a causa dell’aumento dei prezzi.

“Il settore della lavorazione della carne e del pollame è un esempio da manuale, con la mancanza di concorrenza che danneggia i consumatori, i produttori e la nostra economia”, ha affermato la Casa Bianca in un foglio informativo pubblicato lunedì mentre svelava il suo piano per creare un mercato più competitivo, equo e e una filiera resiliente di carne e pollame.

“Quando gli intermediari dominanti controllano così tanto della catena di approvvigionamento, possono aumentare i propri profitti a spese sia degli agricoltori – che guadagnano di meno – sia dei consumatori – che pagano di più”, ha affermato la Casa Bianca, rilevando quattro grandi carni- le aziende di confezionamento controllano l’85 per cento del mercato della carne bovina.

“Quando troppo poche aziende controllano una porzione così ampia del mercato, le nostre catene di approvvigionamento alimentare sono soggette a shock. Quando il Covid-19 o altri disastri come incendi o attacchi informatici fanno chiudere uno stabilimento, molti allevatori non hanno altro posto dove portare i loro animali, “, ha detto la Casa Bianca.

Come parte del piano, l’amministrazione del presidente Joe Biden stanzierà $ 1 miliardo di finanziamenti dall’American Rescue Plan, un disegno di legge firmato lo scorso anno, per l’espansione della capacità di elaborazione indipendente, secondo la Casa Bianca.

“I piccoli agricoltori e allevatori indipendenti vengono cacciati dall’attività, a volte attività che esistono da generazioni”, ha detto il presidente Biden lunedì in un incontro virtuale con la famiglia e agricoltori e allevatori indipendenti.

“Colpisce la loro dignità, il rispetto e l’eredità di famiglia che molti di loro hanno portato avanti di generazione in generazione”, ha detto Biden, aggiungendo che l’amministrazione lavorerà per creare maggiori opportunità per gli agricoltori e gli allevatori di famiglia e abbassare i prezzi nei negozi di alimentari.

Il segretario all’agricoltura Tom Vilsack e il procuratore generale Merrick Garland hanno anche affermato durante l’incontro di essersi impegnati a far rispettare efficacemente le leggi federali sulla concorrenza che proteggono agricoltori, allevatori e altri produttori e coltivatori agricoli da pratiche sleali e anticoncorrenziali.

I prezzi del cibo negli Stati Uniti sono aumentati del 6,1% nel novembre 2021, il più grande aumento di 12 mesi in almeno 13 anni, con carne bovina e pollame tra i maggiori contributori.

Nel frattempo, l’indice complessivo dei prezzi al consumo è aumentato del 6,8% nei 12 mesi terminati a novembre, il ritmo annuale più rapido in quasi 40 anni, secondo il Dipartimento del Lavoro.

–IANS

ksk/

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto è generato automaticamente da un feed in syndication.)

Articolo precedenteL’attività della fabbrica cinese di dicembre torna a crescere, batte le previsioni: rapporto
Articolo successivoLe esportazioni della Corea del Sud registrano $ 644,5 miliardi, raggiungendo il massimo storico nel 2021