Home Economia La banca centrale del Regno Unito sotto pressione mentre l’inflazione raggiunge il...

La banca centrale del Regno Unito sotto pressione mentre l’inflazione raggiunge il massimo da 30 anni

39
0

La pressione sulla Banca d’Inghilterra (BoE) sta aumentando per aumentare i tassi di interesse poiché l’indice dei prezzi al consumo (CPI) del Regno Unito nel dicembre 2021 ha raggiunto il livello più alto dall’inizio del 1992.

Le statistiche ufficiali pubblicate mercoledì hanno mostrato che l’IPC del paese è aumentato del 5,4% nei 12 mesi fino a dicembre 2021, riferisce l’agenzia di stampa Xinhua.

L’inflazione è aumentata a dicembre principalmente a causa dell’aumento dei prezzi di cibo e bevande analcoliche, ristoranti e hotel, mobili e articoli per la casa, abbigliamento e calzature, ha affermato in un rapporto l’Ufficio nazionale di statistica (ONS) del paese.

“I prezzi dei generi alimentari sono nuovamente cresciuti fortemente, mentre gli aumenti di mobili e abbigliamento hanno anche spinto verso l’alto l’inflazione annuale”, ha affermato Grant Fitzner, capo economista dell’ONS.

Vedi anche:  Studio: Omicron porta a malattie meno gravi nei topi

“Questi grandi aumenti sono stati leggermente compensati dai prezzi della benzina, che nonostante fossero a livelli record sono rimasti stabili questo mese, ma questa volta sono aumentati l’anno scorso”.

Il Regno Unito ha inasprito le restrizioni a dicembre per arginare la diffusione della variante altamente contagiosa del coronavirus Omicron.

Tuttavia, “le chiusure nell’economia dell’anno scorso hanno avuto un impatto su alcune voci ma, nel complesso, questo effetto sul tasso di inflazione principale è trascurabile”, ha affermato Fitzner.

A dicembre 2021, la BoE ha alzato il tasso di interesse per la prima volta in più di tre anni dopo averlo ridotto al minimo storico durante la pandemia di Covid-19.

La decisione è arrivata quando l’inflazione annuale CPI nel paese è salita dal 3,1% di settembre a un massimo decennale del 5,1% a novembre.

Vedi anche:  Booster Johnson efficace all'85% contro Omicron: studio S.Africa

Da allora, i prezzi al consumo sono rimasti su livelli elevati, in parte a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia, delle interruzioni della catena di approvvigionamento e della carenza di manodopera.

Durante il quarto trimestre del 2021, le famiglie britanniche hanno assistito al deterioramento del loro benessere finanziario al tasso più rapido dal secondo trimestre del 2020, poiché l’aumento del costo della vita ha colpito le tasche delle persone e ha portato al calo più drastico della disponibilità di cassa dall’inizio del 2014, le vedove scozzesi L’indice delle finanze delle famiglie ha mostrato all’inizio di questo mese.

–IANS

ksk/

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteIl tasso di inflazione annuale del Canada sale al 4,8%, il più alto degli ultimi 30 anni
Articolo successivoCroce Rossa: Hack espone i dati su 515.000 persone vulnerabili