Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato lunedì il National Defense Authorization Act, autorizzando 768,2 miliardi di dollari in spese militari, compreso un aumento di stipendio del 2,7% per i membri del servizio, per il 2022.

La NDAA autorizza un aumento del 5% delle spese militari ed è il prodotto di intensi negoziati tra Democratici e Repubblicani su questioni che vanno dalle riforme del sistema giudiziario militare ai requisiti per i vaccini contro il COVID-19 per i soldati.

La legge fornisce benefici vitali e migliora l’accesso alla giustizia per il personale militare e le loro famiglie e include autorità fondamentali per sostenere la difesa nazionale del nostro Paese, ha affermato Biden in una nota.

Il cartellino del prezzo di 768,2 miliardi di dollari segna 25 miliardi di dollari in più rispetto a quanto Biden aveva inizialmente richiesto al Congresso, una proposta precedente che è stata respinta dai membri di entrambe le parti per la preoccupazione che avrebbe minato gli sforzi degli Stati Uniti per tenere il passo militarmente con Cina e Russia.

Il nuovo disegno di legge è stato approvato all’inizio di questo mese con il sostegno bipartisan, con democratici e repubblicani che hanno propagandato vittorie nel pacchetto finale.

I democratici hanno applaudito le disposizioni del disegno di legge che revisionano il modo in cui il sistema giudiziario militare gestisce le aggressioni sessuali e altri crimini correlati, sottraendo effettivamente la giurisdizione dell’accusa su tali crimini dalle mani dei comandanti militari.

I repubblicani, nel frattempo, hanno propagandato il successo nel bloccare uno sforzo per aggiungere donne alla bozza, nonché l’inclusione di una disposizione che vieta gli scarichi disonorevoli per i membri del servizio che rifiutano il vaccino COVID-19.

Il disegno di legge include 7,1 miliardi di dollari per la Pacific Deterrence Initiative e una dichiarazione di sostegno del Congresso alla difesa di Taiwan, misure volte a contrastare l’influenza della Cina nella regione.

Comprende anche 300 milioni di dollari per l’Iniziativa di assistenza alla sicurezza dell’Ucraina, una dimostrazione di sostegno di fronte all’aggressione russa, nonché 4 miliardi di dollari per l’Iniziativa di difesa europea.

Nella sua dichiarazione, il presidente ha anche delineato una serie di disposizioni a cui la sua amministrazione si oppone su quelle che ha caratterizzato come preoccupazioni costituzionali o questioni di costruzione.

Quelle tavole includono disposizioni che limitano l’uso di fondi per trasferire o rilasciare individui detenuti nel centro di detenzione di Guantanamo Bay, che l’amministrazione Biden sta cercando di chiudere.

La dichiarazione di Biden ha affermato che le disposizioni “compromettono indebitamente la capacità del ramo esecutivo di decidere quando e dove perseguire i detenuti e dove inviarli quando vengono rilasciati, e potrebbero limitare i negoziati degli Stati Uniti con i paesi stranieri sul trasferimento dei detenuti in un modo che potrebbe compromettere sicurezza nazionale.

La legge prevede anche disposizioni che vietano l’ingresso negli Stati Uniti delle merci prodotte dal lavoro forzato uiguro in Cina e inizia a elaborare piani per il nuovo Memoriale della guerra globale al terrorismo, che sarebbe l’ultima aggiunta al National Mall.

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dallo staff di Business Standard; il resto del contenuto è generato automaticamente da un feed in syndication.)

Articolo precedenteIl tasso di disoccupazione israeliano scende ai minimi dall’epidemia di Covid-19
Articolo successivoRimesse globali in ripresa mentre le economie si riprendono dall’impatto del Covid: ADB