Home Economia Il governo ungherese annuncia l’estensione del tetto massimo di carburante e cibo...

Il governo ungherese annuncia l’estensione del tetto massimo di carburante e cibo fino a fine anno

28
0

Il governo ungherese ha deciso di estendere i massimali dei prezzi di carburante e cibo fino al 31 dicembre, ha dichiarato a Budapest Gergely Gulyas, capo dell’ufficio del Primo Ministro.

Il governo estenderà anche di almeno sei mesi il blocco dei tassi di interesse che originariamente doveva scadere il 31 dicembre, ha aggiunto sabato.

Ciò significa che il cibo è ancora disponibile per le famiglie ungheresi a prezzi pre-crisi, i tassi di interesse sono tenuti sotto controllo e il governo è fiducioso che tenendo sotto controllo i prezzi del carburante, il prezzo del carburante in Ungheria rimane il più basso d’Europa, secondo Gulyas .

Il governo coprirà anche il 50% dei costi energetici aggiuntivi delle piccole e medie imprese e lancerà un programma di “protezione delle fabbriche”, sebbene i dettagli di questi saranno annunciati in un secondo momento, ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua.

Vedi anche:  SPIEGAZIONE: Cosa significherà la protesta di Neil Young per Spotify?

Per risparmiare energia in inverno, il governo ha fissato la temperatura ambiente massima nelle scuole secondarie a 18 gradi Celsius, proprio come negli edifici pubblici, mentre le lezioni nelle scuole elementari si terranno a un massimo di 20 gradi Celsius, ha affermato Gulyas.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, ad agosto il tasso di inflazione in Ungheria era del 15,6 per cento, ben al di sopra dell’obiettivo del 3 per cento fissato dalla Banca nazionale ungherese.

–IANS

int/khz/

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteL’Egitto aumenterà le tasse di transito per le navi nel Canale di Suez nel 2023: Autorità
Articolo successivoLa produzione di chip della Cina si riduce mentre l’India e gli Stati Uniti aumentano la produzione locale