Home Economia Il governo dello Sri Lanka consente alle aziende di importare carburante mentre...

Il governo dello Sri Lanka consente alle aziende di importare carburante mentre la crisi peggiora

29
0

Martedì il governo dello Sri Lanka ha concesso di aprire le importazioni di carburante e il mercato delle vendite al dettaglio alle società dei paesi esportatori di petrolio dopo che il paese ha esaurito il carburante poiché sono rimaste solo 1.100 tonnellate di benzina e 7.500 tonnellate di diesel, che non sono sufficienti per durare per un giorno.

Il ministro dell’Energia e dell’Energia Kanchana Wijesekera ha affermato che le società saranno selezionate in base alla loro capacità di importare carburante e operare senza requisiti Forex dalla CBSL e dalle banche per i primi mesi di attività, ha riferito Daily Mirror Online.

Ha affermato che la Ceylon Petroleum Corporation (CPC/CEYPETCO) sarà il fornitore di servizi per la logistica, lo stoccaggio e la distribuzione con una commissione di servizio riscossa da tali società.

“Punti selezionati degli attuali 1.190 CEYPETCO e nuovi punti vendita saranno resi disponibili per LIOC e nuove società che saranno selezionate. La raffineria rimarrà sotto la competenza di CPC”, ha affermato Wijesekera.

Con nessuna spedizione di carburante in vista a breve, il paese si fermerà completamente da questa settimana, poiché anche i trasporti pubblici si fermeranno bruscamente. Non solo questo, ma entreranno in vigore anche interruzioni di corrente prolungate non appena le scorte di carburante necessarie non saranno fornite alle centrali elettriche.

Vedi anche:  Il farmaco di nuova concezione mostra risultati promettenti contro un nuovo oncogene che supporta la progressione del cancro

Ciò arriva dopo che Wijesekera sabato ha affermato che i fornitori hanno informato l’importatore e distributore statale di carburante Ceylon Petroleum Corporation (CPC) che non effettueranno le consegne di benzina, diesel e petrolio greggio, previste per questa settimana e la prossima settimana a causa di operazioni bancarie e ragioni logistiche.

Ha aggiunto che i trasporti pubblici, la produzione di energia e le industrie avranno la priorità fino all’arrivo delle prossime spedizioni. Pertanto, scorte limitate di diesel e benzina saranno distribuite ad alcune stazioni di servizio durante la prossima settimana.

Inoltre, domenica il ministro ha annunciato che le stazioni di servizio in tutto il paese emetteranno token per i consumatori da oggi, poiché erano disponibili solo scorte limitate di carburante.

Ha detto che il governo ha chiesto assistenza all’esercito e alla polizia dello Sri Lanka per rilasciare numeri simbolici al pubblico per fare il pieno di benzina e diesel. Al pubblico è stato chiesto di registrare i propri numeri di cellulare presso le stazioni di servizio più vicine e una volta emessi i numeri, sarebbero stati informati, ha aggiunto Wijesekera.

Il ministro che aveva assicurato al pubblico l’arrivo di una nave per il carburante la scorsa settimana ha anche ammesso che la data di arrivo delle prossime spedizioni di carburante nella contea non era sicura e si è scusato per il ritardo.

Vedi anche:  La FIFA rivaleggia con le società di streaming con la propria piattaforma di calcio

“Stiamo lavorando con tutti i fornitori nuovi ed esistenti. Mi scuso per il ritardo e l’inconveniente”, ha affermato.

In particolare, lo Sri Lanka ha dovuto affrontare la peggiore crisi economica dall’indipendenza nel 1948, che ha portato a una grave carenza di beni essenziali come cibo, medicine, gas da cucina e carburante in tutta la nazione insulare.

Il paese quasi in bancarotta, con un’acuta crisi valutaria che ha portato all’insolvenza del debito estero, aveva annunciato ad aprile di sospendere il rimborso di quasi 7 miliardi di dollari del debito estero dovuto quest’anno su circa 25 miliardi di dollari in scadenza fino al 2026. debito estero totale.

La crisi economica ha avuto un impatto particolare sulla sicurezza alimentare, sull’agricoltura, sui mezzi di sussistenza e sull’accesso ai servizi sanitari. La produzione alimentare nell’ultima stagione del raccolto è stata del 40-50% inferiore rispetto allo scorso anno e l’attuale stagione agricola è a rischio, con sementi, fertilizzanti, carburante e carenza di credito.

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteI paesi dell’UE prolungano i certificati COVID-19 tra i casi in aumento
Articolo successivoLa BCE è pronta a “sopprimere” l’aumento dell’inflazione con un aumento dei tassi a luglio, settembre