Home Economia I prezzi del petrolio salgono dopo essere scesi ai minimi degli ultimi...

I prezzi del petrolio salgono dopo essere scesi ai minimi degli ultimi mesi a causa della debole domanda statunitense

50
0

Di Laura Sanicola

(Reuters) – Giovedì i prezzi del petrolio sono aumentati all’inizio degli scambi asiatici, rimbalzando dai minimi di più mesi della sessione precedente a causa dei dati che segnalano la debole domanda di carburante negli Stati Uniti.

I future sul greggio Brent sono aumentati di 53 centesimi, o 0,6%, a $ 97,31 al barile entro le 0020 GMT, mentre i future sul greggio West Texas Intermediate (WTI) sono aumentati di 55 centesimi, anch’essi con un aumento dello 0,6%, a $ 91,21. Entrambi i benchmark sono scesi ai livelli più deboli da febbraio nella sessione precedente.

Le scorte di petrolio greggio statunitensi sono aumentate inaspettatamente la scorsa settimana quando le esportazioni sono diminuite e le raffinerie hanno ridotto le corse, mentre anche le scorte di benzina hanno registrato un aumento a sorpresa poiché la domanda è rallentata, ha affermato l’Energy Information Administration.

Vedi anche:  L'allocazione delle risorse dei comuni per promuovere l'attività fisica non risolve tutte le sfide

Dal lato dell’offerta, i ministri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e alleati tra cui la Russia, nota come OPEC+, hanno concordato un piccolo aumento dell’obiettivo di produzione del gruppo, pari a circa lo 0,1% della domanda mondiale di petrolio.

Mentre gli Stati Uniti hanno chiesto al gruppo di aumentare la produzione, la capacità inutilizzata è limitata e l’Arabia Saudita potrebbe essere riluttante a rafforzare la produzione a spese della Russia, colpita dalle sanzioni per l’invasione dell’Ucraina che Mosca definisce “un’operazione speciale”.

Prima della riunione, l’OPEC+ ha ridotto le sue previsioni per il surplus del mercato petrolifero quest’anno di 200.000 barili al giorno (bpd) a 800.000 bpd, hanno detto a Reuters tre delegati.

A sostegno dei prezzi, il Caspian Pipeline Consortium (CPC), che collega i giacimenti petroliferi kazaki con il porto russo di Novorossiisk nel Mar Nero, ha affermato che le forniture sono diminuite in modo significativo, senza fornire cifre.

Vedi anche:  Tutto quello che c'è da sapere sulla perimenopausa

(Reportage di Laura Sanicola; Montaggio di Kenneth Maxwell)

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteAirbus annulla il contratto dell’A350 con Qatar Airways in una faida
Articolo successivoIn mezzo all’impennata dei prezzi dell’energia, la Sec-Gen delle Nazioni Unite sollecita la transizione verso le energie rinnovabili