Home Economia Crisi Russia-Ucraina: Biden accusa Putin per assalto alla stabilità globale

Crisi Russia-Ucraina: Biden accusa Putin per assalto alla stabilità globale

56
0

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden martedì (ora locale) ha criticato il presidente russo Vladimir Putin per aver aggredito la pace e la stabilità globali nel mezzo di una guerra continua tra Russia e Ucraina.

Biden, parlando dalla Casa Bianca, ha affermato che è necessario rispondere a Putin perché il costo per la libertà sarà ancora maggiore domani.

“Se non rispondiamo all’assalto di Putin alla pace e alla stabilità globali oggi, il costo per la libertà e per il popolo americano sarà ancora maggiore domani. Non parteciperemo al finanziamento della guerra di Putin contro il popolo ucraino”, ha affermato Biden.

Parlando degli orrori della guerra, ha affermato che il presidente Putin ha già trasformato due milioni di ucraini in rifugiati.

Ha anche lodato gli sforzi di reazione dell’Ucraina contro la Russia, Biden ha detto: “Ha già trasformato due milioni di ucraini in rifugiati. La Russia potrebbe continuare a macinare la sua avanzata a un prezzo orribile, ma questo è già chiaro: l’Ucraina non sarà mai un vittoria per Putin. Putin potrà anche prendere una città, ma non potrà mai tenere il Paese”.

Vedi anche:  Studio australiano destinato a guidare il trattamento di pazienti critici in tutto il mondo

In un feroce attacco al presidente russo, ha detto: “Putin ora prende di mira le città e ha preso di mira città e civili, scuole, ospedali, condomini”.

Il presidente degli Stati Uniti ha anche criticato Putin per aver attaccato la più grande centrale nucleare d’Europa.

“La scorsa settimana, ha attaccato la più grande centrale nucleare d’Europa con un’apparente disprezzo per il potenziale di innescare un tracollo nucleare”, ha detto Biden.

Il 4 marzo, le forze russe hanno preso il controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhia. L’Ucraina ha informato l’AIEA che un proiettile aveva colpito un edificio di addestramento nelle vicinanze di una delle unità del reattore dell’impianto, provocando un incendio localizzato che è stato successivamente estinto.

L’AIEA aveva informato che le forze russe presso la centrale nucleare di Zaporizhzhya avevano disattivato alcune reti mobili e Internet in modo che non fosse possibile ottenere informazioni affidabili dal sito attraverso i normali canali di comunicazione.

Nel frattempo, la centrale nucleare di Chernobyl (NPP) non trasmette più dati dai sistemi di monitoraggio delle salvaguardie installati presso la struttura, ha informato martedì il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) Rafael Grossi in una dichiarazione.

Vedi anche:  I sintomi del vaiolo delle scimmie nei pazienti che frequentano le cliniche londinesi differiscono dai precedenti focolai

Il direttore generale ha indicato che la trasmissione di dati a distanza dai sistemi di monitoraggio delle salvaguardie installati presso la centrale nucleare di Chornobyl è andata persa, ha affermato il comunicato stampa dell’AIEA, aggiungendo che l’Agenzia sta esaminando lo stato dei sistemi di monitoraggio delle salvaguardie in altre località dell’Ucraina e fornirà presto ulteriori informazioni.

Il direttore generale ha anche espresso profonde preoccupazioni per la rotazione del personale presso l’impianto nucleare che è stato anche il luogo di uno dei peggiori disastri nucleari del mondo nel 1986.

Affrontando l’escalation della crisi umanitaria, Biden ha promesso che gli Stati Uniti sarebbero stati dalla parte dei loro alleati.

“Quindi, continueremo a sostenere il coraggioso popolo ucraino mentre combatte per il proprio paese”, ha affermato Biden.

(Solo il titolo e l’immagine di questo rapporto potrebbero essere stati rielaborati dal personale di Business Standard; il resto del contenuto viene generato automaticamente da un feed distribuito.)

Articolo precedenteUn nuovo tipo di unione si sta formando nei negozi Amazon Fresh di Seattle
Articolo successivoSecondo uno studio, gli investimenti privati ​​nell’industria dell’energia solare in California aumentano le vulnerabilità climatiche