Home Economia Biden colpirà la Cina con più ampi limiti alle esportazioni statunitensi di...

Biden colpirà la Cina con più ampi limiti alle esportazioni statunitensi di chip e utensili

39
0

L’amministrazione Biden prevede il prossimo mese di ampliare i limiti alle spedizioni statunitensi in Cina di semiconduttori utilizzati per l’intelligenza artificiale e gli strumenti per la produzione di chip, hanno affermato diverse persone che hanno familiarità con la questione.

Il Dipartimento del Commercio intende pubblicare nuovi regolamenti basati sulle restrizioni comunicate in lettere all’inizio di quest’anno a tre società statunitensi: KLA Corp, Lam Research Corp e Applied Materials Inc, hanno detto le persone, parlando in condizione di anonimato. Il piano per le nuove regole non è stato precedentemente segnalato.

Le lettere, che le società hanno riconosciuto pubblicamente, vietavano loro di esportare apparecchiature per la produzione di chip verso fabbriche cinesi che producono semiconduttori avanzati con processi inferiori a 14 nanometri a meno che i venditori non ottengano le licenze del Dipartimento del Commercio.

Le regole codificherebbero anche le restrizioni nelle lettere del Dipartimento del Commercio inviate a Nvidia Corp e Advanced Micro Devices il mese scorso, in cui si ordinava loro di interrompere le spedizioni di diversi chip informatici di intelligenza artificiale in Cina a meno che non ottengano licenze.

Alcune delle fonti hanno affermato che i regolamenti includerebbero probabilmente ulteriori azioni contro la Cina. Le restrizioni potrebbero anche essere modificate e le regole pubblicate più tardi del previsto.

Le cosiddette lettere “è informato” consentono al Dipartimento del Commercio di aggirare i lunghi processi di scrittura delle regole per mettere in atto rapidamente i controlli, ma le lettere si applicano solo alle aziende che le ricevono.

Trasformare le lettere in regole amplierebbe la loro portata e potrebbe assoggettare alle restrizioni altre società statunitensi che producono tecnologie simili. Le normative potrebbero potenzialmente applicarsi alle aziende che cercano di sfidare il dominio di Nvidia e AMD nei chip di intelligenza artificiale.

Intel Corp e startup come Cerebras Systems puntano agli stessi mercati informatici avanzati. Intel ha affermato che sta monitorando da vicino la situazione, mentre Cerebras ha rifiutato di commentare.

Vedi anche:  2 ceppi di vaiolo delle scimmie negli Stati Uniti suggeriscono una possibile diffusione non rilevata

Una fonte ha affermato che le regole potrebbero anche imporre requisiti di licenza alle spedizioni in Cina di prodotti che contengono i chip presi di mira. Dell Technologies, Hewlett Packard Enterprise e Super Micro Computer realizzano server per data center che contengono il chip A100 di Nvidia.

Dell e HPE hanno affermato che stavano monitorando la situazione, mentre Super Micro Computer non ha risposto a una richiesta di commento.

Un alto funzionario del commercio ha rifiutato di commentare l’azione imminente, ma ha affermato: “Come regola generale, cerchiamo di codificare eventuali restrizioni contenute nelle lettere informate con una modifica normativa”.

Un portavoce del Dipartimento del Commercio venerdì ha rifiutato di commentare regolamenti specifici, ma ha ribadito che sta “adottando un approccio globale per implementare ulteriori azioni… per proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e gli interessi della politica estera”, incluso per impedire alla Cina di acquisire tecnologia statunitense applicabile alla modernizzazione militare.

KLA, Applied Materials e Nvidia hanno rifiutato di commentare mentre Lam non ha risposto alle richieste di commento. AMD non ha commentato la mossa politica specifica, ma ha ribadito che non prevede un “impatto materiale” dal suo nuovo requisito di licenza.

‘STROZZATURA’

L’azione pianificata arriva quando l’amministrazione del presidente Joe Biden ha cercato di contrastare i progressi della Cina prendendo di mira le tecnologie in cui gli Stati Uniti mantengono ancora il predominio.

“La strategia è quella di soffocare la Cina e hanno scoperto che i chip sono un punto di strozzatura. Non possono produrre questa roba, non possono produrre le apparecchiature di produzione”, ha affermato Jim Lewis, esperto di tecnologia presso il Center for Strategic and International Studi. “Cambierà.”

Vedi anche:  USA e UE firmano un accordo sul trasferimento dei dati per alleviare i problemi di privacy

In un aggiornamento sulle misure relative alla Cina la scorsa settimana, la Camera di Commercio, un gruppo di lobby degli affari statunitensi, ha avvertito i membri delle imminenti restrizioni sui chip AI e sugli strumenti per la produzione di chip.

“Stiamo ora sentendo che i membri dovrebbero aspettarsi una serie di regole o forse una regola generale prima delle elezioni di medio termine per codificare la guida in lettere ‘informate’ di recente pubblicazione (Dipartimento del Commercio) alle società di apparecchiature di chip e progettazione di chip, ” ha detto la Camera.

La Camera di Commercio e l’ambasciata cinese a Washington non hanno immediatamente risposto alle richieste di commento.

Il gruppo ha anche affermato che l’agenzia prevede di aggiungere ulteriori entità di supercalcolo cinesi a una lista nera commerciale.

Reuters è stata la prima a riferire a luglio che l’amministrazione Biden stava discutendo attivamente di vietare le esportazioni di strumenti per la produzione di chip alle fabbriche cinesi che producono semiconduttori avanzati al nodo di 14 nanometri e più piccoli.

I funzionari statunitensi hanno contattato gli alleati per fare pressioni su di loro per attuare politiche simili in modo che le società straniere non sarebbero in grado di vendere tecnologia alla Cina che alle aziende americane sarebbe stato impedito di spedire, hanno affermato due delle fonti. Il coordinamento con gli alleati è la chiave per massimizzare l’efficacia e riducendo al minimo le conseguenze non intenzionali”, ha affermato Clete Willems, un ex funzionario commerciale dell’amministrazione Trump. “Ciò dovrebbe favorire regolamenti più ampi che altri possono replicare invece di una tantum ‘è informato'”.

(Questa storia non è stata modificata dal personale di Business Standard ed è generata automaticamente da un feed sindacato.)

Articolo precedenteI ricercatori studiano l’efficacia delle strategie di comunicazione con i pazienti gravemente malati
Articolo successivoLa ricerca rivela la causa dell’andatura “congelata” nel Parkinson