Il peggior attacco informatico dell’Ucraina in quattro anni ha fatto crollare per ore i siti web di decine di agenzie governative. Le autorità non hanno identificato immediatamente la fonte degli hack, avvenuti quando le tensioni con la Russia si sono intensificate per l’accumulo di truppe oltre confine.

Settanta agenzie governative sono state colpite, tra cui i ministeri degli esteri e dell’agricoltura, ha affermato venerdì Viktor Zhora, vice capo dell’agenzia statale responsabile della comunicazione speciale e della protezione delle informazioni. Le autorità stanno indagando e avranno le loro prime conclusioni nel corso della giornata, ha affermato.

“Non c’è stata alcuna perdita di dati importanti, il contenuto dei siti Web non è stato danneggiato”, ha affermato l’Ucraina Zhora. “Stiamo raccogliendo prove digitali e analizzando i dati per comprendere l’intera catena di questo attacco”.

L’Ucraina ha precedentemente accusato la Russia di aver organizzato gravi attacchi informatici contro la sua infrastruttura digitale. Le relazioni tra i due ex partner sovietici sono peggiorate dalla cacciata di un presidente sostenuto dalla Russia nel 2014 e dalla successiva annessione della Crimea da parte di Mosca.

Negli ultimi mesi, l’Ucraina ei suoi alleati negli Stati Uniti e in Europa hanno avvertito che la Russia potrebbe prepararsi all’invasione poiché ha ammassato circa 100.000 soldati vicino al confine. Mosca nega tali piani.

I paesi all’interno dell’Unione Europea, con i quali l’Ucraina ha cercato di approfondire i legami, hanno condannato gli hack, con Polonia e Svezia che puntano il dito contro la Russia.

“L’attacco informatico denunciato dalla parte ucraina fa parte delle attività tipiche dei servizi segreti della Federazione Russa”, ha affermato Stanislaw Zaryn, portavoce del capo dei servizi segreti polacchi. Ha detto che il messaggio sembrava cercare di alimentare le tensioni tra Polonia e Ucraina.

Il ministro degli Esteri svedese Ann Linde ha affermato all’inizio della giornata: “Dobbiamo essere molto fermi nei nostri messaggi alla Russia: se ci saranno attacchi contro l’Ucraina, saremo molto duri, molto forti e solidi nella nostra risposta”.

Nessun gruppo ha rivendicato l’attacco informatico e un portavoce del Cremlino non ha risposto a una richiesta di commento. Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che il blocco aiuterà l’Ucraina, mentre il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha condannato l’attacco e ha affermato che l’alleanza militare continuerà a sostenere Kiev.

Durante l’attacco, il sito del ministero degli Esteri ucraino ha mostrato messaggi in russo, polacco e ucraino pieni di errori grammaticali.

Articolo precedenteLe vendite al dettaglio negli Stati Uniti scendono al minimo di dieci mesi a causa della carenza di Covid-19
Articolo successivoI giovani malati di Alzheimer hanno subito un duro colpo dal rifiuto di Medicare di coprire i farmaci